Neverdream – The Circle (2014)

Titolo: The Circle
Autore: Neverdream
Genere: Prog Metal
Anno: 2014
Voto del redattore HMW: 9+
Voto dei lettori:
Ancora nessun voto. Vota adesso!
Please wait...

Visualizzazioni post:2588

Seguo i Neverdream da parecchio tempo e ogni album che passa mi chiedo sempre le stesse cose: ma come fanno sei artisti così a doversi autoprodurre e rendere scaricabili gratuitamente i loro lavori? Cosa li spinge ad andare controcorrente sempre, pur di portare avanti la loro bellissima musica?
Poi ho capito…
Signori, qui siamo di fronte alla più pura e maledetta forma d’arte: qui abbiamo di fronte musicisti che, album dopo album, portano avanti la loro idea musicale senza schemi, senza preconcetti e senza calcoli di sorta. L’unica cosa che conta è che il risultato finale li soddisfi e li renda orgogliosi, tutto il resto giustamente non viene neanche considerato.
“The Circle” si candida, a mio avviso, come disco prog dell’anno: un progetto ambizioso, dodici canzoni racchiuse in un doppio cd, un concept oscuro, forte e disturbante. Una storia di abusi, sia fisici che psichici, di dolore, di morte, di pazzia e di fondamentalismo. Insomma un racconto che supera per complessità i precedenti concept: un vortice nero che inghiottisce l’ascoltatore e lo lascia sfinito, distrutto ma assolutamente soddisfatto.
Musicalmente i sei artisti si muovono fra territori metal tanto cari ai Vanden Plas e al loro “Christ 0”, ma al contempo non dimenticano l’amore per il rock progressivo di gruppi come Genesis e Pink Floyd: il risultato è un sound fresco, carico di passione e forza ma assolutamente vuoto di stereotipi.
L’inizio è davvero di quelli che fanno presagire il grande disco: “Intro” e “Requiem” scuotono anima e corpo, disturbano e colpiscono. Magia allo stato puro sono “Vesta” e “Mary Jane”, tanto delicate e leggere quanto foriere di oscuri e nefasti presagi nel dipanarsi della storia. “Di Lei La Morte” è il chiaro esempio del fantastico approccio artistico dei ragazzi romani: una bellissima canzone di prog classico, dalla musicalità ariosa ed avvolgente, cantata interamente in italiano; potrebbe sembrare il classico pugno nell’occhio ed invece è la ciliegina sulla ricca torta.
Un finale da applausi è quello che ci è riservato: “The Actor Of Blood” e “Killer Machine”, grazie all’ugola di Andy Kuntz, sanciscono la fantastica chiusura di “The Circle”, che è un vero gioiello di grande prog italiano. Per anni abbiamo, inutilmente, rincorso le band straniere quando abbiamo nei nostri confini artisti fantastici come i Neverdream. Ricordiamocelo la prossima volta che andiamo ad un concerto o che scegliamo i dischi da comprare: sul sito dei ragazzi trovate TUTTO il disco per voi gratis, fate un gesto da grandi amanti della musica ed acquistatevi la versione cd, aiuterete la nostra musica a crescere sempre di più.
Grazie Neverdream, non cambiate mai…

Tracklist:
01. Intro
02. Requiem
03. A Life Beyond
04. Godless
05. Vesta
06. Hell’s Flower
07. Mary Jane
08. The Face Of Fear
09. Hypnosis
10. Di Lei La Morte
11. The Actor Of Blood
12. Killer Machine

Line Up:
Giorgio Massimi – vocals
Giuseppe Marinelli – guitars
Andrea Terzulli – bass
Mauro Neri – keyboards
Fabrizio Dottori – keyboards, sax, programming
Gabriele Palmieri – drums

Guest Star:
Andy Kuntz (Vanden Plas) vocals on “The Actor Of Blood” and “Killer Machine”

Sito ufficiale: http://www.neverdream.info/
Facebook: https://it-it.facebook.com/neverdreamprog

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.