Destruktor / Throneum – A Prophecy Of Nihilism (2014)

Titolo: A Prophecy Of Nihilism
Autore: Destruktor / Throneum
Genere: Death Metal
Anno: 2014
Voto: 6/7

Visualizzazioni post:771

Dopo lo split spacca-timpani fra i Nocturnal Damnation e i Nihil Domination, mi ritrovo ora a recensirne un altro, stavolta fra gli australiani Destruktor e i polacchi Throneum, entrambi gruppi ormai veterani e che hanno un certo nome nell’underground. Purtroppo però, questo split contiene un solo pezzo a testa, ma almeno è di qualità superiore rispetto a quello precedentemente recensito.
Partiamo dai Destruktor: questa formazione, nata nel 1995 come Aphasia (nome mantenuto fino al 1997), ha avuto un’evoluzione per certi versi curiosa, pur sempre nell’ambito del black/death metal. Nel demo del 1997 i Destruktor erano grezzissimi, talmente grezzi che il cantante aveva una delle voci più fastidiosamente stridule a memoria d’uomo. Nel 2002 se ne uscirono con il validissimo “Brutal Desecration”, con il quale i nostri scatenarono una tempesta di puro black/death metal bestiale di una violenza da capogiro. Per farla breve, dopo un po’ sono diventati un gruppo dedito più a un death metal blasteggiante con grugniti belli intensi accompagnati da qualche urlo che non guasta mai, sapendo però quando rallentare e quando tirare fuori l’assolo, come dimostra proprio “Besieged”, la canzone presente in questo split, e che, lo dico subito, è la migliore delle due. Curiosamente, ora i Destruktor (che hanno all’attivo un solo album, “Nailed” – Hells Headbangers Records, 2009) mi ricordano terribilmente i grandi Kaamos, un gruppo polacco purtroppo scioltosi qualche anno fa.
Adesso è il turno dei Throneum che, in giro dal 1996 inizialmente con il nome di Throne (poi cambiato nel 2000 in Throneum per evitare l’omonimia con un altro gruppo), sono così prolifici da aver pubblicato finora la bellezza di sei album, un bel traguardo in un mondo underground solitamente molto “rilassato” in quanto, appunto, ad album. Con i Throneum entriamo in territori cupi e oscuri, lo si capisce fin da subito dalla produzione funerea di “Chtonian Lust” (“Besieged” ha invece un suono molto più limpido), un pezzo di quasi sei minuti dove i nostri sparano un death metal sì funereo ma abbastanza dinamico, sapendosi quindi ben alternare fra tempi veloci e più lenti. Un plauso alla voce, un grugnito animalesco e un po’ urlato con un riverbero atmosferico al seguito e che  a un certo punto diventa letteralmente “schifoso” (sentire per credere!). Nel pezzo ci sono due brevi assoli belli vorticosi. Peccato però che la batteria sembri (o lo è veramente?) una drum-machine e quindi la canzone non scorre con una buona fluidità, anche se strutturalmente parlando riesce a far interessare l’ascoltatore.
In generale, “A Prophecy Of Nihilism” è uno split che merita di essere ascoltato, anche perché presenta due gruppi molto diversi fra di loro seppur il genere di riferimento sia sostanzialmente lo stesso. Ergo, i Destruktor, molto più distruttivi (guardacaso…) si beccano un bel 7, mentre i Throneum, fighi ma un po’ meccanici a causa della batteria (che dev’essere per forza di cose una drum-machine perché se no non si spiega!), tornano a casa con un più che onorevole 6,5. E adesso via a un altro split!

Tracklist:

Destruktor:
1 – Besieged

Throneum:
2 – Chtonian Lust

Line-up:

Destruktor:
Glenn Destruktor – voce/chitarre
Brad Ollis – basso
Jahred – batteria

Throneum:
The Great Executor – voce/chitarre
Thermonuclear Philosopher

Sito ufficiale Destruktor: http://www.destruktor.com
FaceBook Throneum: https://www.facebook.com/throneumdeathterrormetal
Etichetta Hells Headbangers Records – http://www.hellsheadbangers.com

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.