31/01/2016 : Helloween + Rage (Milano)


Visualizzazioni post:1597

31/01/2016 : Helloween + Rage + Crimes Of Passion (Milano)

helloween-rage-2016-tour

Nonostante il derby che questa sera stessa vede affrontarsi Milan e Inter, all’Alcatraz c’è un sacco di gente che non ha intenzione di perdersi uno spettacolo che si preannuncia interessantissimo.
Ad essere onesti non è proprio il sold out che mi aspettavo ma in ogni caso l’affluenza è più che soddisfacente così come grande è la curiosità di vedere se e come funzionerà la nuovissima incarnazione dei Rage.

La prima mezz’oretta è a disposizione degli inglesi CRIMES OF PASSION, che suonano un buon metal melodico con pezzi niente male. Bravo il cantante, dotato anche di una discreta presenza scenica, anche se purtroppo quello che più mi ha colpito di tutto lo show è stata la prestazione del chitarrista solista che (non so se per problemi tecnici o se in serata no…) mi è sembrata parecchio deludente e piena di errori. Devo comunque dire che nel complesso lo spettacolo è risultato più che piacevole e credo che la band si sia meritata un piena sufficienza.

RAGE_EP_001

Da alcuni ancor più atteso dell’esibizione degli stessi Helloween è il debuttante e multietnico trio capitanato dal colossale Peavy Wagner che vede il greco Vassilios Maniatopoulos alla batteria e il venezuelano Marcos Rodríguez alla chitarra.
E ancora una volta il buon Peavy non delude, dimostrandosi non solo un grande musicista e compositore ma anche un grande scopritore di talenti.
Entrambi i nuovi membri dei RAGE sono fantastici e il gruppo ha un tiro ed una intesa tale che stento a credere che suonino insieme da neanche un anno. “Black in Mind” è il primo pezzo ed è già sufficiente per capire il valore del gruppo e quale sarà il livello dello show. Show che effettivamente si rivela devastante, condotto dalla ruvida e potente voce del sempre carismatico Peavy e dal bravo e simpatico Rodriguez che in qualunque momento si dimostra all’altezza della situazione.
Come tutto il pubblico presente mi riesce impossibile esimermi dal cantare a palla cori e ritornelli di pezzi mitici come “End Of All Days”, “Back In Time” o “Down”. C’è anche tempo per suonare “My Way”, pezzo in purissimo stile Rage con grandi riff di chitarra e una grande melodia che farà parte del prossimo lavoro.
La conclusione è veramente emozionante, con tutto il pubblico che per svariati ininterrotti minuti canta il ritornello di “Higher Than The Sky” sotto la supervisione di un visibilmente compiaciuto Peavy.
Successo assoluto sotto tutti gli aspetti.

SETLIST RAGE:

Black in Mind
Sent by the Devil
End of All Days
Back in Time
Down
My Way
Until I Die
Don’t Fear the Winter
Higher Than the Sky

HELL_EP_001

Degli HELLOWEEN cosa dire? Nessuna novità se non che le mie zucche adorate sono sempre garanzia di classe, melodia, potenza e divertimento. Suoni praticamente perfetti così come l’esecuzione dei pezzi: quello che sempre mi colpisce dei loro show è la capacità di unire la tecnica impeccabile di ognuno con una passione ed un calore davvero al di fuori della norma.
La voce di Andi Deris (che dal vivo in alcune occasioni gli aveva giocato qualche antipatico scherzetto…) questa sera risponde bene e il cantante appare in ottima forma.
Intelligenti e ruffiani quanto basta per sapere esattamente come fare per scatenare l’immediato delirio partono a razzo con “Eagle Fly Free” e “Dr. Stein”. L’atmosfera è sempre allegra e caciarona e anche lo stesso Weikath (benché sempre piuttosto statico) sorride (miracolo!) e se la ride mentre dirige e coordina le operazioni.
Se devo per forza trovare qualcosa di negativo è l’assenza del buon Grapow visto che non mi sono mai abituato a Sascha Gerstner, l’unico del gruppo a risultarmi sempre un po’ freddino.
Buona la setlist e mi dissocio totalmente dall’eterna polemica che verte sull’accusa che vedrebbe i “nostri” trascurare i pezzi del loro primo periodo. Sono ovviamente indimenticabili i capolavori registrati ai tempi di Hansen e Kiske ma ci sono altrettante perle dell’epoca Deris che meritano assolutamente di essere suonate, parlo delle varie “Steel Tormentor”, “Power”, “Before The War” oltre che di qualche buon pezzo dell’ultimo disco come “Heroes” o la stessa “My God-Given Right”.
Ci avviciniamo al finale e la festa continua con uno spettacolare medley che comprende “Halloween”, “Sole Survivor”, “I Can”, “Are You Metal?” e “Keeper Of The Seven Keys”.
Quasi mi dimenticavo di menzionare un pilastro della banda, ovvero il mitico bassista Markus Grosskopf sempre presente e fondamentale al fine di pompare il sound della band.
Siamo alla fine e, per compiacere nuovi, vecchi fans ed eterni polemici, i cinque “ruffiani” ci salutano con “Future World” e, naturalmente “I Want Out”.
Grandi Rage e grandi Helloween, ancora una volta il metallo di Germania dimostra di godere di ottima salute.

SETLIST HELLOWEEN

Eagle Fly Free
Dr. Stein
My God-Given Right
Steel Tormentor
Mr. Torture
Waiting for the Thunder
Straight Out of Hell
Heroes
Where the Rain Grows
Lost in America
Power
Forever and One (Neverland)
Halloween / Sole Survivor / I Can / Are You Metal? / Keeper of the Seven Keys

BIS

Before the War
Future World
I Want Out

Live report e foto a cura di Cesare Macchi. Di seguito altre foto della serata.

Rage:

RAGE_EP_003  RAGE_EP_004  RAGE_EP_006  RAGE_EP_007  RAGE_EP_008  RAGE_EP_009  RAGE_EP_002

Helloween:

HELL_EP_023  HELL_EP_002  HELL_EP_003  HELL_EP_004  HELL_EP_005  HELL_EP_006  HELL_EP_009  HELL_EP_010  HELL_EP_011  HELL_EP_013  HELL_EP_014  HELL_EP_016  HELL_EP_017  HELL_EP_019  HELL_EP_020

HELL_EP_021  HELL_EP_022

Un commento su “31/01/2016 : Helloween + Rage (Milano)”

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.