Slider by IWEBIX

Rain – Spacepirates (2016)

Pubblicato il 16/04/2016 da in Nuove uscite | 0 commenti

Titolo: Spacepirates
Autore: Rain
Genere: Heavy Metal / Hard Rock
Anno: 2016
Voto: 7

Visualizzazioni post:452

Torniamo ad ospitare i Rain sulle nostre pagine per l’uscita del nuovo album “Spacepirates” (Aural Music). Il gruppo bolognese è storico, è attivo infatti fin dal 1980 nonostante nessun membro attuale abbia fatto parte del nucleo che l’ha fondato.
L’eredità dei Rain è stata raccolta e portata avanti negli anni dal chitarrista Alessio “Amos” Amorati, che dallo scorso “Mexican Way” del 2013 ha tenuto con sè solo il bassista Gabriele Ravaglia (forse lo conoscerete grazie agli eccellenti lavori nei suoi Fear Studio) e ha rinnovato la rimanente line-up con Mantis Le Sin alla voce, Amedeo Mongiorgi (già nei Noise Pollution) all’altra chitarra e Andrea Fedrezzoni alla batteria.
Questo nuovo corso dei Rain ha prodotto un album fresco ed appetibile, forse un po’ corto (solo 32 minuti per nove canzoni) ma tremendamente rock and roll, così come da tradizione della band felsinea.
Se la titletrack (della quale è stato prodotto anche un video) non mostra a nostro parere tutta la bontà di questo nuovo corso ecco che i brani successivi ci fanno cambiare idea e si comincia a scapocciare e ad alzare il volume con “Not Dead Yet” e con la terremotante “Hellfire”, fino ad arrivare a “Billion Dollar Song”, potenziale singolone radiofonico e uno dei brani di punta dell’album. “86” cita un brano degli Iron Maiden (non vi diciamo quale, ma c’è sempre un numero di mezzo..) e si conclude in bellezza con “We Don’t Call the Cops (W.D.C.T.C.)” e il primo singolo “Kite ‘n’ Roll”, dove i Rain aggiungono qualche parola in spagnolo dedicando il brano alla cittadina di Tarifa, in Spagna (la città è una delle mete preferite di chi pratica questo sport).
Va ricordato che i Rain girarono a Tarifa il video di “Whiskey On The Route 666” ed evidentemente la località gli è rimasta nel cuore (forse è molto rock and roll!).
Oltre al piacere di gustarseli su disco va detto che i Rain sono ancora più coinvolgenti se visti dal vivo, quindi vi invitiamo ad assistere ad uno dei loro innumerevoli live per testare la loro potenza. Quanto a “Spacepirates” ci piace il nuovo corso dei Rain che finalmente dopo l’album acustico tornano a fare sul serio.
Il voto avrebbe potuto essere più alto con la presenza di un altro paio di pezzi, ma il risultato finale è comunque positivo, quindi pollice alto così come il volume (con buona pace del vicino di casa..).

Tracklist:

1. Spacepirates
2. Not Dead Yet
3. Hellfire
4. Black Ford Rising
5. Billion Dollar Song
6. 86
7. Forever Bitch
8. We Don’t Call the Cops (W.D.C.T.C.)
9. Kite ‘n’ Roll

Line-up:

Alessio “Amos” Amorati – Guitars
Gabriele Ravaglia – Bass
Andrea Fedrezzoni – Drums
Amedeo Mongiorgi – Guitars, Vocals
Mantis Le Sin – Vocals

Sito ufficiale: http://www.raincrew.com
Facebook: https://it-it.facebook.com/raincrew1980
Etichetta Aural Music – http://www.auralmusic.com

Commenta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *