Slider by IWEBIX

Soilwork – Death Resonance (2016)

Pubblicato il 6/09/2016 da in Nuove uscite | 0 commenti

Titolo: Death Resonance
Autore: Soilwork
Genere: Death Progressive Metal
Anno: 2016
Voto: 7

Visualizzazioni post:204

I Soilwork sono senza dubbio una delle death metal band più produttive fin dall’inizio della loro carriera. Ogni anno possono vantare di uscita nuova o qualche sorpresa e dopo il live è arrivata una nuova compilation. Una sorta di regalo più che altro, composto da quei pezzi che non sono stati inclusi nelle normali release discografiche, ma sono state riservate a promozioni commerciali forse volute dall’etichetta o forse dal mercato. Tuttavia in “Death Resonance” troviamo prima di tutto due nuovi brani: “Helsinki” e “Death Resonance” i quali sono stati scritti proprio per portare un po’ di novità e per mantenerci aggiornati sui progressi del sound della band finlandese.
“The End Begins Below The Surface” invece viene estratto dalla versione giapponese dell’ultimo “The Ride Majestic”. Ci sono poi dei mixaggi speciali realizzati proprio per questo disco, estratti dalle uscite giapponesi di “The Panic Broadcast”, “Sworn To A Great Divide” e “Stabbing The Drama”. Inoltre vengono ripescate le B sides del singolo “Beyond The Infinite”. Tutto questo materiale inizialmente riservato per veri fan e collezionisti è stato dunque volutamente sdoganato per essere condiviso con tutti. La voglia di suonare, comporre e condividere musica del combo scandinavo è sicuramente concreta e la professionalità tecnica della band non manca di certo. Nella diversità compositiva dei tanti dischi di successo del gruppo, non abbiamo vissuto un calo e anche l’originalità di una raccolta di brani particolari ed originali come questa è sintomo di passione per la musica e rispetto per chi l’ascolta, soprattutto in un momento dove bisogna un po’ sapersi inventare se si vuol vendere qualche copia in più in un periodo dove internet e il progresso stanno mettendo a dura prova il business musicale.
In attesa di nuovo materiale e della comunicazione del rimpiazzo di Dirk Verbeuren alla batteria in seguito al suo ingresso nei Megadeth, ringraziamo Bjorn “Speed” Strid e soci per questo regalo.

Tracklist:

1. Helsinki
2. Death Resonance
3. The End Begins Below The Surface
4. My Nerves, Your Everday Tool
5. These Absent Eyes
6. Resisting The Current
7. When Sound Collides
8. Forever Lost In Vain
9. Sweet Demise
10. Sadistic Lullabye 2010
11. Overclocked (2016 mix)
12. Martyr (2016 mix)
13. Sovereign (2016 mix)
14. Wherever Thorns May Grow (2016 mix)
15. Killed By Ignition (2016 mix)

Line-up:

Markus Wibom – basso
Bjorn “Speed” Strid – voce
Sylvain Coudret –chitarra
David Andersson – chitarra
Sven Karlsson – tastiere

Sito ufficiale: www.soilwork.org
Facebook: www.facebook.com/soilwork
Etichetta Nuclear Blast – www.nuclear-blast.de

Commenta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *