Slider by IWEBIX

ZiX – Tides Of The Final War (2016)

Pubblicato il 15/02/2017 da in Nuove uscite | 0 commenti

Titolo: Tides Of The Final War
Autore: ZiX
Genere: Heavy Metal
Anno: 2016
Voto: 7

Visualizzazioni post:163

Sebbene questo Tides Of The Final War ne rappresenti l’album di debutto, quello dei libanesi ZiX non è affatto un nome nuovo per il sottoscritto. Fu l’amico Marco Matis a segnalarmeli ed io mi precipitai ad ascoltare il loro “The Warwhore” (scaricabile gratuitamente, fate un salto sulla loro pagina Facebook), EP che si dimostrò decisamente buono: devono averla pensata allo stesso modo anche i ragazzi di Pure Steel Records che, dopo aver annunciato di aver messo la band sotto contratto a giugno 2015, ora ne pubblicano il primo full length, un disco a cui mi sono avvicinato con una certa curiosità, oltre che con un discreto ritardo.
Lavorato tra America e Germania – con l’ausilio di nomi illustri quali Steve Thompson (Metallica, Anthrax e molti altri), Maor Appelbaum (Sepultura, Yngwie Malmsteen) e Michael Kusch (Savior From Anger, Adligate) – “Tides Of The Final War” gode di una buonissima produzione che valorizza a dovere l’heavy metal di matrice old school di cui gli ZiX sono autori: la band libanese produce una miscela sonora composta da metallo britannico d’annata e muscolare epicità a stelle e strisce, guarnita da una ricca dose di atmosfere evocative, da quelle più intense e cariche di tensione a quelle più velate e delicate, senza dimenticare melodie dal gusto orientale.
Assemblati con una capacità compositiva di tutto rispetto, i brani risultano variegati senza perdere in godibilità: la titletrack, l’ottima “Crucible” con le sue ruvide chitarre, i tratti oscuri della solida “Dark Days Of Babylon” e la conclusiva “The Warwhore” dalle frequenti variazioni emotive figurano, a mio parere, tra le composizioni che ritengo più rappresentative di un disco le cui sfumature vanno gustate senza fretta, passaggio dopo passaggio. In questo senso, il brano meno riuscito è proprio il più lineare, quella “Metal Strike” in cui si alternano i contributi di una pletora di mostri sacri del genere (trovate l’elenco più in basso): un pezzo semplice e di grande impatto, probabilmente l’unico modo per raccogliere sotto un’unica bandiera tanti artisti, ma che ha poco o nulla a che spartire con la qualità ed il carattere contenuti nel resto della tracklist.
Passando ai singoli devo dire che se Rhino alla batteria (ospite su tutti i pezzi dell’album) è una certezza con il suo drumming poderoso, una bella conferma è arrivata da Maya Khairallah, brava cantante dalla voce piuttosto versatile, efficace nell’interpretare le varie ambientazioni delle canzoni, da quelle più grintose a quelle più avvolgenti e anche gli altri musicisti dimostrano di essere all’altezza della situazione.
Dunque, promozione piena e più che meritata per gli ZiX, che ci soddisfano con un bell’esordio sulla lunga distanza: l’acquisto di
Tides Of The Final War è sicuramente consigliato!

Tracklist:

1. Buyer Of Souls
2. Metal Strike
3. Tides Of The Final War
4. Shadow Of A Dying Sun
5. Crucible
6. Dark Days Of Babylon
7. Heavens Eyes
8. Thousand Wars At Sea
9. Night Of Evil
10. The Warwhore

Line-up:

Maya Khairallah – voce
Juan Carrizo – chitarra
Walid Awar – chitarra
Ziad Bardawil – basso
Ziad Alam – batteria
Kenny Earl Rhino – batteria debut album

Special guests su “Metal Strike”:

Tony Martin, Blaze Bayley, Paul Di’Anno, Ronny Munroe, Dany Deaibess, Ross The Boss, David Shankle, Jack Starr, Rhino, Giles Lavery, David Marcelis, Frederic Bartolomucci, Stu Hammer Marshall, Vík Bajac, Tony Ghanem, Walid WolfLust, Nathalie Jeha

Facebook: www.facebook.com/Zixband
Etichetta Pure Steel Records – www.puresteel-records.com

Commenta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *