Slider by IWEBIX

WarCry – Donde El Silencio Se Rompió… (2017)

Pubblicato il 26/06/2017 da in Nuove uscite | 0 commenti

Titolo: Donde El Silencio Se Rompió…
Autore: WarCry
Genere: Heavy Metal
Anno: 2017
Voto: 8

Visualizzazioni post:236

Ogni volta che mi accingo a parlare di qualche gruppo spagnolo mi ritrovo impantanato nella solita stucchevole e noiosa premessa: ottimo gruppo, grandi musicisti, bei pezzi, grandi melodie, peccato che…
Il “peccato che” si riferisce al fatto che cantino nella loro lingua madre, lo spagnolo appunto, e per questo non riescano ad aprirsi un seppur minimo spiraglio in casa nostra.
Ascoltiamo e adoriamo da sempre band che cantano in lingua inglese, riempiamo gli stadi per gruppi come i Rammstein che cantano in tedesco, siamo tutti esperti di rune e conoscitori del finnico e del norreno quando andiamo ai concerti di Ensiferum, Turisas, Finntroll. Alcuni addirittura masticano anche un po’ di faroese (o faringio, come insegna Wikipedia) quando vanno agli show dei Tyr. Ma lo spagnolo no, guai! Non riusciamo ad andare oltre “Vamos a la playa”, “No tengo dinero” o, per i più studiat’,  i Mago de Oz. Peccato, davvero, e questa volta lo dico io.
I WarCry sono in giro dal 2001 e “Donde El Silencio se Rompió” è il nono album (senza contare live e dvd) e in Spagna e Centro/Sudamerica hanno un pubblico vastissimo, che nelle grandi occasioni riempie piazze e palazzetti dello sport.
Parliamo del disco.
Si parte con “Rebelde”, traccia iniziale quindi molto impegnativa e, come spesso accade quando si è tesi e si ha paura di sbagliare, non si riesce ad esprimere il massimo. Il pezzo parte come mid-tempo per seguire più aggressivo ma risulta un po’ troppo pomposo e prevedibile. Pezzo  discreto ma sicuramente non il migliore. Dal secondo brano in avanti si fa sul serio. Victor Garcia e compagni hanno rotto il ghiaccio e danno decisamente il meglio.
Per la maggior parte si tratta di robusti mid tempo con poca doppia cassa ma grande sostanza e melodia. “Resistencia”, trascinante e con un ritornello che dal terzo ascolto in avanti ti perseguita nottetempo. “Cielo e Infierno”, idem come sopra con in più un acuto da pelle d’oca. “Asi Soy” inno ruffianissimo alla Manowar che dal vivo farà sfracelli. Si accelera con “Ya No Volverán”, pezzo con una grande linea melodica e un testo profondo,  sospeso tra la voglia di guardare indietro e quella di quardare avanti. “Necesito Escapar” inizia con una tastiera e un ritmo pesante e ossessivo (per un attimo mi è venuta in mente “China White” degli Scorpions) per aprirsi in un ritornello solare assolutamente inaspettato. Ecco “Luchar Y Avanzar”, ritmo, cadenza, melodia e il sempiterno sentimento malinconico del cantante asturiano. Già dal titolo si capisce che “Por Toda La Eternidad” non parlerà di party, conigliette e birra ma di sentimenti profondi. Canzone molto ispirata che parte fingendosi una ballad per accelerare decisamente.
“Muerte O Victoria”, ennesimo mid-tempo roccioso caratterizzato da una linea melodica di quelle che solo Victor Garcia sa creare e che dal vivo riempirà l’aria di cori. L’abito a volte fa il monaco così come un titolo come “Odio” non può che essere associato a un pezzo ruvido, diretto e privo di fronzoli impreziosito da un solo di chitarra del solito virtuoso Pablo Garcia. É la tastiera di Santi Novoa (tra le altre cose direttore dell’Orchestra Polifonica di Gijon) a introdurre e a condurre l’ultima struggente traccia, “No Te Abandonaré” composta interamente per voce e piano.
Un disco che al primo ascolto non mi è dispiaciuto. Al secondo… già meglio. Al terzo, apperò… Ora lo trovo un gran bel disco, forse il migliore dei WarCry e non credo che il mio giudizio cambierebbe se anche fosse cantato in inglese, lituano o in swahili…

Tracklist:

01. Rebelde
02. Resistencia
03. Cielo E Infierno
04. Así Soy
05. Ya No Volverán
06. Necesito Escapar
07. Luchar Y Avanzar
08. Por Toda La Eternidad
09. Odio
10. Muerte O Victoria
11. No Te Abandonaré

Line-up:

Víctor García – voce
Pablo García – chitarra
Santi Novoa – tastiere
Roberto García – basso
Rafael Yugueros – batteria

Facebook: https://www.facebook.com/WarCryOficial

Commenta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *