Coreleoni – The Greatest Hits Part.1 (2018)

Titolo: The Greatest Hits Part.1
Autore: Coreleoni
Genere: Hard Rock
Anno: 2018
Voto: 7

Visualizzazioni post:799

I figli… so’ pezzi ‘e core! Questa è la prima cosa che mi è venuta in mente, ricordandomi il titolo di questo famoso film napoletano del 1981, leggendo il nome bizzarro di questo progetto, dal titolo “Coreleoni”, messo in piedi dal chitarrista svizzero Leo Leoni. Lo scopo, secondo quanto dichiarato dal guitar hero, è di celebrare i venticinque anni dell’uscita dell’omonimo disco dei Gotthard del 1992, di cui il musicista è il fondatore e tuttora attuale leader. Le canzoni per un musicista sono come dei figli e nonostante passino gli anni, ne rimani sempre affezionato perché sono delle tue creature con le quali si crea un legame indissolubile e credo sia quello che Leo ha provato riprendendo i primi brani della sua bellissima e fortunata carriera. Di acqua sotto i ponti ne è passata ma per l’occasione il chitarrista elvetico, aiutato da professionisti di prim’ordine, ha rispolverato una parte del suo passato, ristrutturando i pezzi che l’hanno reso famoso a livello internazionale e che il gruppo svizzero aveva messo da parte da un po’ di anni considerandoli minori rispetto alla loro vasta discografia.
Leo propone quindi un amarcord ai suoi fans più incalliti ma anche a chi ama l’hard rock melodico e lo fa, secondo me, in modo intelligente, svecchiando i pezzi con degli arrangiamenti moderni e con una line-up composta dal bravissimo cantante Ronnie Romero (Lords Of Black e Rainbow), dal batterista Hena Habegger (Gotthard), dal chitarrista Jgor Gianola (storico ex Gotthard) e dal bassista Mila Merker ma sempre con lo stesso spirito e con la stessa passione di un tempo.
Certo, l’intro del film “Il Padrino” ci introduce in questa romantica raccolta, scherzando sul nome della nuova band che è quasi simile al cognome della famiglia “Corleone” della trilogia cinematografica diretta da Francis Ford Coppola ma per fortuna i nostri non hanno legami con la mafia o con la malavita e il monicker di questa nuova realtà è, in fondo, simpatico.
Il disco è pieno di capolavori che sono interpretati egregiamente dalla splendida voce di Romero, cantante che vorrebbe chiunque nella propria band e che per certi versi assomiglia allo storico singer dei Gotthard Steve Lee, scomparso prematuramente nel 2010 in seguito ad un incidente stradale che spezzò la sua giovane esistenza e portò nello sconforto i membri della band causandone quasi lo scioglimento e anche un vuoto incolmabile per i supporters degli svizzeri.
Con questo “The Greatest Hits Part.1” l’artista Leoni rende omaggio a delle canzoni mitiche e immortali che sono poi diventate delle pietre miliari dell’hard rock melodico internazionale, quali: “Downtown”, “Firedance”, “Higher”, “Here Comes The Heat”, “In The Name” e la sdruccevole ballata “Let It Be”, che mi ha riportato agli amori dell’infanzia ricordandomi la mia felice e spensierata giovinezza. La gradita sorpresa del platter è un pezzo inedito, naturalmente in pieno stile Gotthard, composto dai cinque artisti, intitolato “Walk On Water” che con le sue chitarre rocciose e con un’indovinata melodia mostra lo spirito positivo e l’affiatamento raggiunto dai nostri cinque rockers. L’ultima canzone in scaletta, “Anytime Anywhere”, è del 2005 ed è il cavallo di battaglia conclusivo che gli svizzeri propongono sempre nei loro concerti e che chiude bene questa collezione.
Stando al titolo di questo platter avremo a breve un seguito, ma la domanda che mi pongo è questa: perché Leo Leoni non ha fatto uscire questa raccolta con la sua band attuale? Sarebbe stato più logico e anche più carino nei confronti dei membri attuali. A voler pensare male si potrebbe dire che, dopo la morte del compianto Lee, forse ha trovato gli artisti più adatti per continuare a suonare la sua musica. Non mi sorprenderei se un giorno i Coreleoni pubblicassero un album d’inediti trasformando questo disegno in qualcosa di più gratificante e rilevante a livello discografico.
A livello commerciale non so che tipo di successo possa avere, allo stato attuale, questo disco e mi sento solo di consigliarne l’acquisto ai collezionisti o a chi non ha mai ascoltato i Gotthard degli esordi e per curiosità vuole approcciarsi a questo platter, per rendersi conto di quello che è stata negli anni ‘90 questa magnifica band europea, anche perché trovare l’album originale del ‘92 non è facile. Prossimamente dopo il “The Greatest Hits Part.2” ne sapremo di più su questo strano ma anche accattivante progetto musicale che lascia ancora molti punti in sospeso.

Tracklist:

1 – Love Theme From “The Godfather”
2 – Firedance
3 – Downtown
4 – Higher
5 – Get It While You Can
6 – In The Name
7 – Let It Be
8 – All I Care For
9 – Walk On Water
10 – Here Comes The Heat
11 – Tell No Lies
12 – Ride On
13 – Anytime Anywhere

Line-up:

Ronnie Romero – voce
Hena Habegger – batteria
Jgor Gianola – chitarra
Mila Merker – basso
Leo Leoni – chitarra

Facebook: https://www.facebook.com/coreleoni/
Etichetta Frontiers Records – http://www.frontiers.it

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.