Airrace – Untold Stories (2018)

Titolo: Untold Stories
Autore: Airrace
Genere: AOR
Anno: 2018
Voto: 7/8

Visualizzazioni post:503

La classe non è acqua e i britannici Airrace lo dimostrano ancora una volta, a distanza di sette anni, con questa ultima e nuova fatica discografica. Conosciuti nei circuiti hard rock per essere la band che ha visto il debutto musicale del batterista Jason Bonham (figlio del grande batterista John Bonham dei Led Zeppelin), gli Airrace sono nati nei primi anni ’80 da un’idea dell’ex chitarrista dei More, Laurie Mansworth. Dopo l’acclamato riconoscimento del loro album di debutto, “Shaft Of Light”, targato 1984, il gruppo ha supportato dei titani del rock come i Queen, gli AC/DC e i Meat Loaf, sciogliendosi purtroppo prematuramente nell’estate del 1985.
C’è voluta una riedizione del venticinquesimo anniversario del loro primo disco per riunire la line-up (leggermente modificata) e alla fine è stato immesso sul mercato un secondo lavoro dal titolo “Back To The Start” nel lontano 2011.
Il figliol prodigo e membro fondatore Mansworth, dopo aver firmato di nuovo con la Frontiers, ha pubblicato questo nuovo e terzo album, intitolato “Untold Stories”, giurando amore eterno alla label italiana, che piacerà di sicuro agli amanti del genere melodic rock. Il lavoro non è tipicamente in stile Airrace degli esordi perché contiene molto materiale influenzato dagli anni ’70 e ’80. Gli inglesi abbracciano quindi una vasta gamma di stili musicali diversi, dagli Elo, ai Toto e ai mitici Led Zeppellin ma riescono a unire il tutto con gusto e con stile.
Il primo singolo, “Summer Rain”, è la tipica canzone rock estiva, divertente e positiva, che porta nei nostri cuori una giornata di sole e un’immensa voglia di vivere, nonostante le brutte notizie quotidiane che ci circondano. L’inizio del disco con “Running Out Of Time” prende il via in modo grandioso con un pianoforte che sembra essere l’inizio di un musical, per poi esplodere con i cori e le chitarre in un AOR dirompente che sicuramente riscuoterà un enorme successo durante i concerti.
Ottima la voce del singer Adam Payne, che sale in cattedra in tutti i brani ed è semplicemente perfetta e brillante, senza nessun cedimento di sorta. Nella successiva “Innocent” brilla il grande lavoro della tastierista Linda Kelsey Foster, con un sound molto retrò ma efficace, con atmosfere e suoni molto british. “Different But The Same”, è una vera hit marchiata dal sound inconfondibile dei Led Zeppelin per il suo datato groove bluesy, mentre gli straordinari Deep Purple fanno capolino in “New Skin”.
Insomma ne abbiamo per tutti i gusti e naturalmente non poteva mancare una grande ballata acustica intitolata “Lost”, basata sul puro romanticismo che vi farà innamorare di questa malinconica e sdolcinata band di vecchi nostalgici. Quest’atmosfera romantica è ripetuta pure in “Love Is Love”, che ha una melodia coinvolgente e ipnotica. Men From The Boys” è invece un brano hard and blues, che ha un groove sporco e polveroso in pieno stile Whitesnake, dove il vocalist raggiunge nella tonalità il maestro David Coverdale. Il disco finisce con una canzone, “Here It Comes”, che mantiene alta la concentrazione dell’ascoltatore e che non è altro che un brano di hard rock tradizionale ma proposto con un arrangiamento moderno e azzeccato. Confesso che ho avuto voglia di riascoltare l’intero album e credetemi questo desiderio non mi capita spesso. Sarà il suono degli anni ’80 mescolato con bravura e sapore con quello degli anni ’70 o l’eleganza degli Airrace nel proporre un hard rock senza tempo che li fa amare e apprezzare facendoli diventare i testimoni mondiali di questo bellissimo e intramontabile genere musicale.
La speranza è quella che gli inglesi possano in futuro, sotto l’ala protettrice della Frontiers e con il nostro sostegno, raccontarci altre bellissime storie come questa. Disco da non perdere!

Tracklist:

1 – Running Out Of Time
2 – Innocence
3 – Eyes Like Ice
4 – Different But The Same
5 – New Skin
6 – Lost
7 – Love Is Love
8 – Men From The Boys
9 – Summer Rain
10 – Come With Us
11 – Here It Comes

Line–up:

Adam Payne – voce
Laurie Mansworth – chitarra
Rocky Newton – basso
Linda Kelsey Foster – tastiera
Dhani Mansworth – batteria

Facebook: https://www.facebook.com/Airraceofficial
Etichetta Frontiers Records – http://www.frontiers.it

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.