Devil’s Hand ft. Slamer/Freeman – Devil’s Hand ft. Slamer/Freeman (2018)

Pubblicato il 14/01/2019 da in Nuove uscite | 0 commenti

Titolo: Devil's Hand ft. Slamer - Freeman
Autore: Devil's Hand ft. Slamer - Freeman
Genere: Hard Rock
Anno: 2018
Voto: 7,5

Visualizzazioni post:250

I Devil’s Hand sono un nuovo eccellente progetto che unisce i talenti di due musicisti eccezionali: il famoso produttore, chitarrista, cantautore Mike Slamer e l’altrettanto sorprendente cantante Andrew Freeman dei Last In Line.
Il poco celebrato ma abilissimo Mike Slamer è stato il protagonista di alcune delle più incredibili versioni hard rock melodiche degli ultimi venti anni, facendo parte di gruppi come gli Steelhouse Lane, i Warrant (anche se il suo nome non appare ufficialmente nei primi dischi dei californiani ), i Seventh Key, Terry Brock, gli Streets negli anni ‘80 (con il cantante dei Kansas Steve Walsh) e nei sette fantastici dischi dei City Boy tra gli anni ’70 e ’80. La qualità del suo lavoro di songwriting e di produzione è insuperabile.
Andrew Freeman è uno dei più talentuosi cantanti dell’attuale scena hard rock e con la sua esibizione nell’album d’esordio dei Last In Line si è superato non solo per la sua performance vocale, ma in particolare perché ha messo il proprio marchio su una band che si pensava fosse un altro tributo a Ronnie James Dio.
Il debutto omonimo di questi esperti artisti ci offre un suono fantastico perché il chitarrista inglese è uno di quelli che, dopo poche battute musicali, si riconosce immediatamente sia in termini di tecnologia di produzione sia in termini di tecnica e stile nell’uso delle sei corde. La chitarra di Mike è semplicemente mozzafiato e ispiratrice di tutte le melodie e le esibizioni di Andrew sono la ciliegina sulla torta di questo platter perché questo vocalist americano canta benissimo e la sua voce ruvida, potente e calda accende il fuoco in ogni canzone dell’album.
Questo è esattamente quello che succede in apertura con la melodica e corale “We Come Alive”, che è il brano che ti aspetti da un disco come questo. Ma subito dopo, invece di un altro inno melodico, la successiva “Falling In” è piuttosto blues e non è esattamente quello che ci si attende dopo l’eccezionale apertura. In “One More Time” il sound rallenta e sono riproposti ancora dei suoni blues, che non sono così comuni nel repertorio di Mike Slamer. Ottima la chitarra con un assolo fantastico e la voce rauca del vocalist che completa la buona riuscita del pezzo. Con “Another Way To Fly” Slamer riprende la strada maestra dell’hard rock perché il pezzo possiede un’azione esplosiva e un coro eccellente. “Drive Away” è ancora più veloce e la produzione pulita si presenta particolarmente bene. Il ritmo viene poi adeguatamente rafforzato in “Rise Above It All”. Carino il lento “Justified”, ballata acustica e sincera che mostra il frontman statunitense in una luce diversa rispetto al solito. La title-track “Devil’s Hand” mantiene un livello alto ma i brani finali che colpiscono l’attenzione sono “Unified” – dove il ritornello e l’assolo di Mike rimangono impressi nel cervello – e l’AOR di “Heartbeat Away”, in pieno stile Street ma presentato in una moderna veste acustica. La conclusiva e veloce “Push Comes To Shove” è un buon finale che sarebbe bello ascoltare dal vivo per la sua forza trascinante.
Slamer offre ancora una volta un lavoro di chitarra virtuoso, ardente, coinvolgente e ovunque egli collabori riesce sempre a realizzare positivamente i suoi progetti diabolici. Non a caso questa nuova creatura musicale, realizzata con l’eccellente Andrew Freeman è stata battezzata “mano del diavolo”. Citare Mike come un musicista o un bravissimo guitar hero è puro eufemismo perché sarebbe ora che il pubblico e la critica si facessero avanti per riconoscergli la sua immensa tecnica.
A voi, cari lettori che leggete quest’articolo, posso solo invitarvi ad acquistare questo bel disco di Melodic Hard Rock con venature AOR e di procurarvi, se possibile, tutti i progetti dove questo chitarrista a stelle e strisce è stato protagonista perché sono sicuro che ne rimarrete sorpresi e soddisfatti.
Se in questo freddo inverno cercate qualcosa che vi possa scaldare l’anima allora i Devil’s Hand sono ciò che fa per voi e in definitiva un’altra bollente scommessa vinta dall’incredibile coppia Slamer/Freeman.

Tracklist:

1 – We Come Alive
2 – Falling In
3 – One More Time
4 – Another Way To Fly
5 – Drive Away
6 – Justified
7 – Rise Above It All
8 – Devil’s Hand
9 – Unified
10 – Heartbeat Away
11 – Push Comes To Shove

Line–up:

Andrew Freeman – voce
Mike Slamer – chitarra, basso e tastiera
Chet Wynd – batteria

Etichetta Frontiers Records – www.frontiers.it

Commenta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.