Jorn – Live On Death Road (2019)

Titolo: Live On Death Road
Autore: Jorn
Genere: Heavy Metal
Anno: 2019
Voto: 7,5

Visualizzazioni post:387

Il 2018 è stato un anno rilevante per il cantante vichingo Jorn Lande perché ha festeggiato il suo cinquantesimo compleanno con l’uscita di un cofanetto contenente dodici album in studio. In più, l’anno scorso, ha suonato alcuni spettacoli selezionati in primavera e in estate che hanno presentato le più diverse ed entusiasmanti scalette della sua lunghissima carriera.
La voce di Jorn è una delle più potenti al mondo, non teme confronti con le corde vocali di altri grandi interpreti del metal e non sono un mistero le sue influenze, da David Coverdale a Ronnie James Dio. Headliner alla quinta edizione (2018) del secondo giorno del Frontiers Rock Festival di Trezzo sull’Adda (MI), lo spettacolo dal vivo è stato registrato in due CD/DVD e Blu Ray, purtroppo con una produzione troppo egregia, per i miei gusti, che ha tolto quelle piccole imperfezioni che si hanno quasi sempre in sede live e che permettono di essere più realistiche soprattutto per chi non ha avuto la possibilità di partecipare allo spettacolo e vuole risentire i suoni reali del palco.
In questa buona performance, intitolata “Live On Death Road”, l’artista norvegese brilla e convince per tutta la scaletta anche grazie all’apporto di esperti e bravi musicisti, come il nostrano Alessandro Del Vecchio alle tastiere, il virtuoso guitar hero Tore Moren e al contributo iniziale alle pelli della batterista polacca Beata Polak, che è poi sostituita dal nostro Francesco Iovino, che con la sua doppia cassa ha dato una potenza e un’accelerazione ritmica spaventosa ai pezzi finali del concerto.
La tracklist ripercorre l’intera carriera ventennale di Jorn, cominciando con l’atmosfera lenta e poi scoppiettante della mitica “My Road”, continuando poi con la possente e melodica “Bring Heavy Rock To The Land”, dove la voce rauca del frontman e gli assoli micidiali di Moren raggiungono l’apoteosi mandando in delirio i fans. Si prosegue con l’acclamata e veloce “Sunset Station”, inclusa nel debutto internazionale “Worldchanger”, ripercorrendo i classici assoluti come la cadenzata “Out To Every Nation”, “Lonely Are The Brave”, la distorta e melodica “Stormcrow”, arrivando a sorprese quali “Walking On Water”, estrapolata dalla “Dracula Rock Opera” e le cover “The Mob Rules” dei mitici Black Sabbath, “Ride Like The Wind” di Christopher Cross interpretata benissimo in versione rock, la bella “Shot In The Dark” di Ozzy Osbourne, chiudendo con l’immortale heavy metal di “Rainbow In The Dark” di Dio.
Presente quella sera sotto il palco, sono rimasto sorpreso della tanta energia e potenza sprigionata dal veterano vocalist che nello spettacolo live ha dato il meglio di sé essendo, come scritto prima, uno dei singer più attivi e uno degli interpreti più prolifici dell’era moderna del metal classico, trascinando il (purtroppo poco) caloroso pubblico che riempiva il Live Club. Peccato, perché lo scandinavo meritava più presenze e più sostegno, ma questo è un male tutto italiano che sta colpendo le serate di chiusura delle ultime edizioni del Frontiers Festival.
Per la cronaca bisogna dire che il cantante, oltre a concentrarsi sulla sua band principale che prende il suo nome, ha diretto e collaborato con vari gruppi, tra cui Ark, i Beyond Twilight e i famosi Masterplan, ma ha anche partecipato a diversi progetti, come Nostradamus, la già citata Dracula Rock Opera, Allen / Lande con il cantante dei Symphony X Russell Allen,  per continuare con i  progetti Ayreon e Avantasia.
In conclusione, ottima performance per Lande e company, a suggellare una serata indimenticabile di sano e puro hard rock  che per fortuna resiste ancora alle intemperie del tempo e che vuole percorrere ancora tanti chilometri a tutta velocità e a tutto volume lungo le strade della morte della nostra egoistica e corrotta società.

Tracklist:

Cd 1

1 – My Road
2 – Bring Heavy Rock To The Land
3 – Life On Death Road
4 – Blacksong
5 – World Gone Mad
6 – Stormcrow
7 – Sunset Station
8 – Ride Like The Wind
9 – Out To Every Nation

Cd 2

1 – Shot In The Dark
2 – Walking On Water
3 – Traveller
4 – Rock And Roll Angel
5 – The Mob Rules
6 – Rainbow In The Dark
7 – Lonely Are The Brave

Blu Ray:

1 – My Road
2 – Bring Heavy Rock To The Land
3 – Life On Death Road
4 – Blacksong
5 – World Gone Mad
6 – Stormcrow
7 – Sunset Station
8 – Ride Like The Wind
9 – Out To Every Nation
10 – Walking On Water
11 – Traveller
12 – Rock And Roll Angel
13 – Man Of The 80’S
14 – The Mob Rules
15 – Rainbow In The Dark
16 – Lonely Are The Brave

Line-up:

Jorn Lande – voce
Tore Moren – chitarra
Alessandro Del Vecchio – tastiera
Sid Ringsby – basso
Beata Polak – batteria
Francesco Jovino – batteria

Sito ufficiale: http://www.jornlande.com
Facebook: https://www.facebook.com/OFFICIALJORN/
Etichetta Frontiers Records – www.frontiers.it

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.