Agglutination Festival (Gerardo Cafaro)

Visualizzazioni post:405

Siamo ormai agli sgoccioli ed in vista del celeberrimo evento “Agglutination Metal Festival” abbiamo voluto scambiare due parole con il creatore del concerto metal più famoso del sud Italia. Sono 25 anni che Gerardo Cafaro sta cercando di combattere per dare la possibilità a tutto il Sud della Penisola di non dover far centinaia di km per vedere band di alto livello. Tra le tante difficoltà e grandi soddisfazioni, abbiamo raccolto alcune nostre curiosità.

Ciao Gerardo, prima di tutto vogliamo ringraziarti per il tempo che hai deciso di concederci. Siamo veramente felici ed orgogliosi di poter dare visibilità e supportare la nuova edizione dell’Agglutination Metal Festival.

Visto che siamo a quota 25 mi piacerebbe tanto sapere come ti è venuta l’idea di chiamare il festival Agglutination e vorrei anche sapere cosa ti aspetti dall’edizione di quest’anno che, grazie alle sorprese nel bill, si annuncia molto ricca ed accattivante.

Tutto ha avuto inizio dalla fanzine “Agglutination” che facevo con due amici lucani prima del festival, per quanto riguarda l’edizione di questo anno mi aspetto una risposta buona all’altezza del bill e dei sacrifici notevoli che si mettono in campo per realizzarla, poi come tutti coloro che sono già stati a questo festival in passato, oltre ad un festival godibilissimo a livello musicale, questa è una grande festa di fratellanza del popolo metal sopratutto del Sud.

Gerardo Cafaro, “mente” del festival

Se dovessi fare un bilancio delle varie edizioni della tua creatura chiamata “Agglutination”, quali sono stati i momenti migliori e quelli che vorresti dimenticare?

Da dimenticare l’edizione 2006 quando fummo investiti dalla pioggia e truffati senza poi avere giustizia in Italia da una pseudo ditta fornitrice delle strutture. Quella con più soddisfazioni, almeno a livello di presenze, sicuramente quella 2010 con Cannibal Corpse. Un altra molto bella che davvero ci ha messo alla prova come produzione è stata quella del 2017 con Venom, Sodom etc.

Considerando che nelle varie edizioni del festival sul palco si sono alternati nomi del calibro di Exodus, Gamma Ray, Virgin Steele, Rhapsody Of Fire, Overkill, UDO, Dark Tranquillity, Cannibal Corpse, Obituary, Edguy, Sodom, Destruction, Mayhem, Venom,, ecc., mi piacerebbe sapere se hai qualche band che vorresti che facesse parte del bill di un futuro Agglutination.

Sicuramente Cannibal Corpse e Gamma Ray..

Ormai sei da anni la colonna portante del festival ma soprattutto uno dei maggiori supporter della scena metal del sud Italia. Secondo te cosa serve al Sud Italia per riuscire ad attrarre i grandi nomi del panorama rock e metal? Pensi che sia solo un problema logistico e/o economico o si tratta di un ostracismo da parte dei “potenti”?

Io credo che il Sud mai avrà la possibilità di emergere, lo dico con tanta tristezza, perché davvero forse alcuni metallari del Sud non hanno capito che bisogna supportare al massimo gli eventi validi e non snobbarli. I numeri dei festival non sono mai sufficienti a coprire le spese, come del resto avviene anche per l’Agglutination. A questo andiamo ad aggiungere il problema logistico, purtroppo se vediamo Chiaromonte (PZ) se non hai una tua macchina o non prendi un bus organizzato appositamente dai fans, non arrivi. Pensa ai ragazzi che vogliono arrivare dalla Sicilia.. come arrivi in queste zone? Pensare che la politica in tutti questi anni ha sempre parlato di turismo e sviluppo, invece oggi ancora la realtà è questa. Se ci fosse una stazione ferroviaria nei nostri territori i numeri sarebbero diversi e forse anche le possibilità. L’Agglutination porta tanta gente appassionata da fuori regione, gente che ama davvero questa musica con cui noi ci confrontiamo ed è per questo che il problema lo viviamo e capiamo.

Come negli anni passati ci sono bus organizzati dalle principali città dei dintorni. Ti occupi tu in primis anche di queste cose?

Sì, mi occupo di tutto solo io, poi però il giorno del festival ho tanti amici importanti che si dedicano alla grande riuscita della manifestazione. I bus organizzati sono da Barletta, Bari, Lecce, Brindisi, Taranto, Napoli, Salerno e dalla Basilicata, tutte le info sono sulla nostra pagina Facebook/Agglutination. Ci dispiace che il sito non venga aggiornato in quanto non ho una persona che si ci dedica.

Gerardo, abbiamo fatto in passato diverse interviste e io ogni volta devo chiedertelo: 25 anni di festival, te lo saresti mai aspettato?

No davvero, però ho tenuto duro anche di fronte ai problemi più grandi di me, oggi però mi accorgo che non sono purtroppo più capace di reggere, soprattutto se a livello economico non sei più in grado di far fronte ai costi da solo. Però è una grande soddisfazione sapere che il festival è oggi il più longevo del genere in Italia.

Leggendo i vari report, mi sono reso conto che, indipendentemente dalle grandi band che porti, quello che piace ai metallari del tuo festival è l’atmosfera di amicizia che si respira a Chiaromonte, con il piacevole contorno di birra, panini e merchandise, come se fosse per prima cosa una festa e un ritrovo e solo in un secondo momento un concerto. Hai la stessa impressione? Si può dire che ci sono persone che vengono sempre anche se in quell’anno ci sono band che magari seguono poco?

Come ti dicevo prima questa manifestazione per tanti è una festa a cui si partecipa a prescindere dai nomi, purtroppo però queste persone oggi sono sempre meno e se vuoi avere numeri importanti devi portare nomi blasonati altrimenti vedrai sempre e solo i soliti volti a cui però il mio cuore è legato e che rappresentano anche un po’ la storia di questo festival.

So che economicamente sarebbe difficile sostenere le spese, ma hai mai pensato ad un Agglutination di due giorni consecutivi?

Sì certo, ma i costi sarebbero ancora maggiori e poi ci è sempre mancata una location adatta.

Per concludere questa splendida chiacchierata non mi resta che farti un grosso in bocca al lupo per questa nuova avventura targata Agglutination, darci appuntamento a Chiaromonte per preparare adeguatamente il live report e le interviste con i vari gruppi che saranno poi pubblicate sul sito e sulla pagine facebook di Heavy Metal Webzine. Vorrei chiederti se ti va di fare un saluto per i nostri lettori e per coloro che sono curiosi di scoprire il mitico “Agglutination” Metal Festival.

Certo, un grosso saluto alla vostra webzine che da tanti anni segue il festival e un invito a partecipare e supportare la manifestazione, sono sicuro che chi viene non é mai rimasto deluso e mai lo rimarrà. Ci sarà la possibilità di incontrare gli artisti, il cibo é buonissimo e i prezzi sono davvero popolari, basti pensare che birra e panini (per i quali siamo ormai famosi) costano solo €.3,50 !! Oltre poi alla presenza di vari stand di cd, gadget etc.

Agglutination Fest – 17 agosto 2019 – Chiaromonte (PZ)

Apertura porte ore 16,00 inizio concerti ore 17,00

NAPALM DEATH
DEATH ANGEL
CARPATHIAN FOREST
STRANA OFFICINA
CARTHAGODS
Mario “THE BLACK ” Di Donato
SCREAM BABY SCREAM

Evento Facebook del festival

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.