Angel Witch – Angel Of Light (2019)

Titolo: Angel Of Light
Autore: Angel Witch
Genere: Heavy Metal
Anno: 2019
Voto: 8.5

Visualizzazioni post:391

E’ tanto scontato che potrei anche non scriverlo: ho aspettato con ansia “Angel Of Light”, il nuovo album degli Angel Witch! Una trepidante attesa cominciata con il comunicato ufficiale attraverso il quale Metal Blade Records ne annunciava al mondo la release per l’1 novembre e, contemporaneamente, svelava il primo singolo “Don’t Turn Your Back”: un brano che mi aveva regalato buone sensazioni alimentate, a distanza di poco più di un mese, dal secondo ed ottimo singolo “Condemned”. A dire la verità, non c’era solo l’ansia a farmi compagnia, ma anche una bella dose di.. timore. Eh si, perchè se da una parte contavo i giorni prima di ricevere l’album, dall’altra temevo che il disco non fosse all’altezza del nome della band: generalizzando e pur avendo ben chiaro che i tempi e le persone cambiano e che certe condizioni sono irripetibili, non penso sia sbagliato dire che, nel profondo dell’animo, si spera sempre che i propri beniamini sappiano ancora regalare emozioni simili a quelle vissute in passato, attraverso album/capolavori consumati dagli ascolti.. il che non significa realizzarne una copia e coverizzare se stessi – sarebbe sminuente per i musicisti – ma, per quanto mi riguarda, riuscire a recuperare e, perchè no, a rinfrescare almeno in parte quella magia e quell’ispirazione che, a suo tempo, fecero innamorare perdutamente i fans del sound della band.
Il debutto omonimo degli Angel Witch è una delle pietre angolari dell’heavy metal tutto e, con un gioiello del genere alle spalle, per Kevin Heybourne e compagnia suonante vale il discorso fatto sopra: non che ci si aspetti un altro “Angel Witch”, ma con una cover come quella che vedete qui in alto il pensiero corre immediatamente a quel disco fondamentale, come anche la scelta di piazzare in copertina una rappresentazione (speculare) di una scultura dell’ottocento rappresentante Lucifero – vi ricordate come si chiamava la band prima di passare al nome con cui è conosciuta? Ve lo dico io, Lucifer.. – non fa altro che seminare indizi che rimandano a quattro decadi addietro.
Al netto degli ascolti, posso affermare che “Angel Of Light” mantiene fede a quanto sopra, rivelando contenuti che hanno il sapore antico del grandioso debut album della band, ovvero un affascinante e sulfureo heavy metal dalle atmosfere inquietanti e sabbathiane, supportato da una produzione priva di fronzoli che ben si adatta allo spirito old school dei brani.
Eseguito da una formazione eccellente sotto ogni aspetto, l’album ha nel cantato caratterizzante e soprattutto nel magico chitarrismo di Kevin Heybourne l’epicentro attorno al quale si compie il nero incantesimo Angel Witch: il suo tocco è davvero unico e la sua chitarra è davvero irresistibile, in particolare nei suggestivi assoli!
In generale, “Angel Of Light” si avvale di una tracklist dai brani piuttosto variegati ed in cui troviamo le melodie dirette dell’incisivo apripista “Don’t Turn Your Back”, l’epica oscurità di “Death From Andromeda” – pezzo a tema fantascientifico di cui è stato realizzato un particolare video – le tenebre minacciose di “Condemned” e quelle più ruvide di “I Am Infamy”, le suggestive cadenze vagamente doomeggianti dell’emozionante ballata “The Night Is Calling”, pezzo che aumenta di vigore metallico nella parte finale; particolare la sua storia: risalente agli anni ottanta (come l’opener), il brano è stato rivisitato e non ne esisteva una edizione ufficiale, solo delle registrazioni dal vivo catturate su bootlegs dell’epoca; inoltre, venne coverizzato dai Nemesis di un giovane Leif Edling, band che successivamente si sarebbe rinominata Candlemass!
Tornando ai brani, una citazione la merita anche la conclusiva “Angel Of Light”, intensissima titletrack che contiene un po’ tutti gli elementi sonori che contraddistinguono l’heavy metal degli Angel Witch.
In conclusione, sono decisamente soddisfatto – a tratti pure entusiasta! – da “Angel Of Light”: le vette del fondamentale esordio sono irraggiungibili, ma vi assicuro che questo è un album di ottima qualità, ispirato ed avvincente, per quanto mi riguarda tra le migliori uscite di quest’annata metallica!
I “miei” amati Angel Witch sono tornati con un lavoro davvero molto bello ed all’altezza del loro nome: disco da acquistare al volo!

Tracklist:

1. Don’t Turn Your Back
2. Death From Andromeda
3. We Are Damned
4. The Night Is Calling
5. Condemned
6. Window Of Despair
7. I Am Infamy
8. Angel Of Light

Line-up:

Kevin Heybourne – voce, chitarra
Jimmy Martin – chitarra
Will Palmer – basso
Fredrik Jansson Punkka – batteria

Links:
www.facebook.com/angelwitchofficial
www.metalblade.com

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.