OvO – Miasma (2020)

Titolo: Miasma
Autore: OvO
Genere: Noise
Anno: 2020
Voto: 7,5

Visualizzazioni post:698

Ammetto di avere, in passato, considerati gli OvO un’entità fine a sé stessa ed inutilmente provocatrice. Poi è arrivato “Miasma” e non potrei essere più felice di firmare oggi il nostro trattato di pace. Merito dei contributi di Sigillum S (Dorella – cinquanta per cento degli OvO – ne è membro dall’altro ieri), Årabrot e rumoristi assortiti? O forse della perfetta durata dei brani, che non arrivano mai a stancare (magari fosse una lezione che tutti riescono ad imparare!)? O, forse ancora, della semplice base strumentale classica di chitarra, basso e batteria? Più probabilmente, della perizia dei nostri nell’unire tutte queste componenti e valorizzarle sia come elementi a sé stanti sia come somma del tutto. Se gli Swans rimangono, a tratti, un accettabile paradigma per illustrare parzialmente la filosofia musicale degli OvO, è bene tener presente che è il periodo tardo-ottantiano dei Cigni quello a cui si fa riferimento. Gli spettri che ci si parano dinnanzi hanno le sembianze più svariate: mi saltano in mente Jim O’Rourke, noise sperimentale inglese ’82-’95, Boredoms, power electronics (a cui la nostra Penisola ha già dato ottimi contributi a tempo dèbito) … ma non è tutto qui. “Incubo” è una bordata elettrica che, con sforzo minimo, risucchia nella buca di orrore del suo breve finale; una sbilenca drum and bass fa da spina dorsale a “Burn De Haus”, poi farcita dagli stregati ed ossessivi vocalizzi della Pedretti; “Sicosi” tiene fede all’irrequietezza del proprio bieco titolo; “L’Eremita” porta alla mente certe ossessioni di Mick Harris (passato collaboratore di Bernocchi, dei succitati Sigillum S). Purtroppo non mi sono stati forniti i testi – e sospetto che in più di una situazione si abbia a che fare con pura fonetica e non con parole reali – ma avrei senz’altro gradito saperne di più circa i turbamenti qui vissuti. Per tributare il nostro Mike nazionale ed il suo noto incipit, cari amici ascoltatori, se i vostri timpani bazzicano questi territori, “Miasma” vi regalerà tre quarti d’ora di alienazione come si deve. Naturalmente, è d’obbligo una copia fisica. Dal canto mio, mi armo subito di qualche catalogo che possa farmi colmare gli OvO-buchi che ho lasciati scoperti negli ultimi anni.

Tracce:

1 – Mary Die
2 – You Living Lie
3 – Queer Fight
4 – Testing My Poise
5 – Psora
6 – Lue
7 – L’Eremita
8 – Sicosi
9 – Incubo
10 – Burn De Haus
11 – Miasma

Formazione:

Bruno Dorella: batteria, campioni, sintetizzatore
Stefania Pedretti: voci, chitarre, sintetizzatore

http://ovolive.blogspot.com/
https://ovomusic.bandcamp.com/
https://artoffact.com/

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.