FORTUNE – The Gun’s Still Smokin’ Live

Titolo: The Gun’s Still Smokin’ Live
Autore: Fortune
Genere: AOR
Anno: 2020
Voto: 7

Visualizzazioni post:82

I Fortune di Los Angeles (USA) non hanno avuto la fortuna, che meritano nonostante il loro omonimo album del 1985 è considerato un classico di tutti i tempi per il genere AOR. Purtroppo all’epoca la band non è riuscita a raggiungere il successo commerciale che meritava  ed ha perso il treno per la gloria sperata. Guidata dal talentuoso cantante Larry Greene (Harlan Cage, 101 South), il combo si è riunito, dopo 34 anni, pubblicando il nuovo lavoro “II” nel 2019, supportato da una performance dal vivo al Frontiers Rock Festival nell’aprile dello scorso anno a Milano.

Oggi la nostra Frontiers pubblica questo concerto in CD / DVD di soli cinquantaquattro minuti, ma con dieci tracce di AOR accuratamente selezionate, dove spiccano i successi dei lontani anni ‘80. La chicca di questo live è ”Through The Fire”, una canzone di Larry Greene presente nel film e nella famosissima colonna sonora di Top Gun, che è qualcosa di carino e originale da possedere e ascoltare in questa raccolta dal vivo.

Lo spettacolo mostra quanto siano bravi, ed è un vero peccato che la band non abbia altro materiale registrato negli anni. Formatisi alla fine degli anni ’70 dai fratelli Fortune, Mick alla batteria e Richard alla chitarra, stampano il loro primo album nel 1978 per poi proseguire con l’omonimo e leggendario platter del 1985 che, ha generato solo modeste vendite principalmente a causa della pessima promozione dell’etichetta discografica del tempo.

La Camel / MCA Records è poi andata in bancarotta e ha portato alla scomparsa della band fino a quando non sono stati riformati come trio dai fratelli Fortune nel 2006, per poi ripartire ufficialmente nel 2016 e suonare in diversi festival. Con Mick Fortune alla batteria, Richard Fortune alla chitarra, Larry Greene alla voce, Ricky Rat al basso e Mark Nilan alle tastiere, questi caparbi artisti sono tornati grazie alla lungimiranza della Frontiers Records per recuperare il tempo perduto, continuando a suonare per divertimento e passione.

In questo live set, dove peraltro ero presente sotto il palco, ho notato qualche piccolissima sbavatura nell’attacco di alcuni strumenti ed in particolare il suono della batteria mi è sembrato elevato a discapito del basso e della chitarra. La scarsa attività live e l’emozione hanno giocato un brutto scherzo ai nostri cinque, ma grazie alla tecnologia queste anomalie non sono evidenti nell’audio che ho avuto modo di sentire. Una performance comunque fondamentale, questa del 28 aprile 2019, dove si nota la perfetta fusione delle tastiere di Mrk Nilan con la chitarra di Mick Fortune.

La scaletta si apre in uno stile elegante con il vecchio e scintillante “Thrill Of It All”, con in evidenza i riff di chitarra straordinariamente fluenti di Richard Fortune. Sulla stessa linea la successiva “Don’t Say You Love Me” è introdotta dalle tastiere del bravo Mark e mostra le qualità creative dei californiani. La grande ugola di Larry  è il fulcro della song della Top Gun ”Through The Fire”, che è una classica colonna sonora degli anni Ottanta in pieno stile Survivor.

“Deep In The Heart Of The Night” è il classico AOR ottantiano che non muore mai. Nell’introduzione di “The Heart Is A Lonely Hunter” gli accordi di chitarra e le note della keyboard entrano nel cuore dei presenti che applaudono calorosamente. La stessa cosa succede nella maestosa “Dearborn Station”, con in primo piano la voce di Greene, che non ha bisogno di presentazioni perché è fantastica!

La conclusiva “Freedom Road”, estratta da “II” nonostante l’attraente melodia e l’eccezionale ritornello soffre il confronto con il classico precedente. La classe nell’interpretare pezzi storici come, Bad Blood”, Deep In The Heart Of The Night” o Dearborn Station” si avvicina alla versione in studio, così come l’ascolto delle nuove composizioni. Brani come Don’t Say You Love Me”, What A Fool I’ve Been” o Shelter Of The Night” anche ora riescono ancora a suscitare moltissime emozioni. The Gun’s Still Smokin’ Live” supera bene la prova nonostante il suono della band non sia eccezionale, ma cattura l’essenza sincera e genuina degli americani per delle canzoni di puro AOR ben realizzato.

Il lavoro chitarristico di Richard Fortune è ottimo mentre Larry Greene è un grande vocalist nonostante l’età perché ha mantenuto inalterate le sue interessanti e raffinate corde vocali. L’interazione trai i membri è buona e la band si è presentata in ottima forma mostrando la bravura del nuovo tastierista Mark Nilan che non fa rimpiangere l’ottimo Roger Scott Craig con una performance impressionante.

La sfortuna e la miopia dei rockers hanno giocato un ruolo negativo nella carriera degli statunitensi perché i Fortune meritano di più di quello che hanno raccolto. Grande e talentuoso rock melodico immortale da non perdere.

 

Tracce:
1. Thrill Of It All
2. Don’t Say You Love Me
3. Bad Blood
4. What A Fool I’ve Been
5. Through The Fire
6. Deep In The Heart Of The Night
7. The Heart Is A Lonely Hunter
8. Shelter Of The Night
9. Dearborn Station
10. Freedom Road

Formazione:
Richard Fortune – chitarra e cori
Mick Fortune – batteria
Larry Greene – voce
Ricky Rat – basso
Mark Nilan – tastiera

https://www.facebook.com/fortunerockers
http://www.frontiers.it

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.