VESTA – Odyssey

Vesta
Titolo: Odyssey
Autore: Vesta
Genere: Instrumental Prog Rock
Anno: 2020
Voto: 8

Visualizzazioni post:142

Secondo disco per i nostrani Vesta, terzetto strumentale dedito ad un sound a cavallo fra post rock e prog: le otto canzoni presenti in “Odyssey” ci portano alla scoperta di un mondo cupo, claustrofobico e disturbante. Loop infiniti intasano le connessioni cerebrali, mentre il rock prodotto dal trio si dipana come un carro armato dall’incedere lento e ineluttabile.

La cosa che mi ha colpito più di tutte è che la band è molto più prog di quello che crede, sempre se, come me, vedete nella parola progressive il mutamento e non la scopiazzatura di stilemi ormai scolpiti nella pietra. I Vesta hanno un loro sound, che si può ritenere più o meno riuscito, ma che comunque è il loro biglietto da visita personale. Già questo basterebbe per consigliarvi l’acquisto, visto che non è facile imbattersi in realtà come questa: certo l’ascolto risulta complesso e difficile, a tratti estraniante e forse anche portatore di un certo odio verso il genere umano e di una cupa disillusione.

L’odissea del trio toscano fa riflettere, genera introspezione e suscita dilemmi: non posso quindi che ringraziare il gruppo viareggino, capace di colpire in modo duro e continuativo la psiche dell’ascoltatore. “Odyssey” non è un disco per distratti ma è un cd da riflessione e contemplazione, che sicuramente suscita emozioni nell’ascoltatore attento ed esigente. Se posso vedrei bene l’inserimento di una voce, magari eterea e senza testi come in alcuni passaggi dei Dead Can Dance, ma ovviamente massima libertà artistica ai musicisti.

In definitiva siamo di fronte ad un quadro, ad un film di nicchia, ad un’opera difficile da assimilare ma che restituisce tantissimo in emozioni e sensazioni. Se vi sentite pronti per osare, i Vesta fanno al caso vostro…

Tracce
01. Elohim
02. Tumæ
03. Breach
04. Juno
05. Borealis
06. Temple
07. Supernova
08. Cerere

Formazione:
Giacomo Cerri: chitarra, Moog
Lorenzo Iannazzone: basso
Sandro Marchi: batteria

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.