TOTHEM – Rise

Tothem
Titolo: Rise
Autore: Tothem
Genere: Symphonic Metal
Anno: 2020
Voto: 8

Visualizzazioni post:147

Venti anni di carriera, di cui forse gli ultimi dieci sicuramente più decisivi per i Tothem. Band fino ad ora sconosciuta al sottoscritto. Come già successo in passato per altre realtà, mi sono incuriosito ad una notizia di qualche giorno fa che vedeva la cover di un noto brano natalizio e ho voluto ascoltare qualcosa di più di questa band di cui in venti anni non ho mai sentito parlare neanche di nome.

Scopro che la formazione laziale è al suo terzo album, appunto Rise. Il mastermind della band, Mark Cyril deve essere molto certosino e oltre al cambio di formazione ha sicuramente giocato bene le sue carte. Infatti questo lavoro è molto curato e ben prodotto. Il disco è autoprodotto e registrato presso la Drums Planet – dallo stesso tastierista Marco Minno e masterizzato da Stefano Cappelli (Creative Mastering).

Nonostante il combo sia etichettato come Gothic, trovo più corretto la definizione di metal sinfonico per i nostri musicisti romani, anche se questi sono davvero dettagli. La cosa invece importante è che Rise si presenti con suoni puliti e ben definiti dove ogni elemento viene evidenziato e nulla resta in ombra. Le chitarre di Cyril sono sfolgoranti sia nei riff che negli assoli, basso e batteria si intrecciano alla perfezione in un sound corposo e dal groove pressochè perfetto e la tastiera di Marco Minno fa spesso capolino nei suoi virtuosismi prog.

Da “Rise From The Flames” a “My Pain” o “Hunter”, questo album è un’esplosione di punti in una partita già vinta a tavolino, dove la carta più alta è Nora Hime. Cantante mezzosoprano del conservatorio di Santa Cecilia di Roma, davvero talentuosa. Abilissima a non utilizzare solamente le peculiarità operistiche, ma eccelsa nello sviluppare le sue doti in questa veste di singer metal.

Capitoli come “La Notte delle Triscele” o la conclusiva “The Other Side” sono un paio di esempi di come Nora riesca a farci godere della sua versatilità vocale. Specialmente nella prima, molto apprezzato anche l’utilizzo della lingua madre, per un brano così introspettivo. Una vera rivelazione in un lavoro già ottimo di suo. A voler trovare il pelo nell’uovo mi permetto di suggerire una maggior attenzione all’accento anglofono, ma dovete scusare il mio perfezionismo.

Bello poter godere di realtà del genere, di cui la nostra penisola è costellata. Bisogna però scovarle, farle scoprire e sostenerle. Consiglio caldamente l’ascolto di almeno un brano. Sono sicuro che per gli appassionati della melodia e del bel canto partirà la curiosità immediata di scoprire altro del combo romano e magari, di questi tempi, un acquisto per sostenere questa realtà, in assenza di concerti non sarebbe male. Non ci faremo sfuggire il prossimo lavoro che pare sia già in produzione!

Tracce:
1 – Rise From The Flames
2 – Rebirth
3 – My Pain
4 – Ego
5 – Cry Of The Earth
6 – Demetra’s Struggle (Persefone)
7 – Hunter
8 – La Notte Delle Triscele
9 – I Won’t Trust You Again
10 – The Other Side

Formazione:
Nora Hime – voce
Leonardo Ricci – basso
Marco Minno– tastiera
Marco Lio – batteria
Black Cyril – chitarra

www.tothemband.com
www.facebook.com/tothemband
www.reverbnation.com/tothem
www.soundcloud.com/tothemband
www.instagram.com/tothemband

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.