FROZEN SOUL – Crypt Of Ice

Frozen Soul
Titolo: Crypt Of Ice
Autore: Frozen Soul
Genere: Death Metal
Anno: 2021
Voto del redattore HMW: 6
Voto dei lettori:
Ancora nessun voto. Vota adesso!
Please wait...

Visualizzazioni post:376

Ladies and gentlemen è con vero onore e piacere che mi accingo a darVi conto del debutto discografico, sotto l’ala protettrice della Century Media Records, dei texani Frozen Soul, combo nato nel 2018 grazie all’unione  della bassista Samantha Mobley, del chitarrista Daniel Schmuck, dal cantante Chad Green e dal batterista Brady Trip.

Dopo aver affrontato una durissima gavetta live ed aver subito due cambi di line-up, la prima nel 2019 (con la defezione del chitarrista Daniel Schmuck sostituito da Raymond Macdonald e del batterista Brady Trip sostituito da Matt Dennard) e la seconda nel 2020 (con l’abbandono da parte del chitarrista Raymond Macdonald sostuito da Michael Munday), finalmente la band ha trovato la sua formazione definitiva con la bassista Samantha Mobley, i chitarristi Michael Munday e Chris Bonner, il cantante Chad Green e quella macchina da guerra dietro le pelli che risponde al nome di Matt Dennard. Sin dagli esordi la band si è votata anima e corpo nella ricerca e nello sviluppo di sonorità death metal.

Siamo dinanzi ad un album che rispecchia in pieno tutte le caratteristiche del genere sia sotto l’aspetto compositivo che sotto quello del songwriting facendo tornare in mente i vecchi fasti di Obituary e Bolt Thrower. L’aspetto positivo di questo lavoro risiede nella capacità della band di mantenere, in tutte le tracce, una linearità compositiva molto accattivante e coerente che non scade mai nello stucchevole; di contro, manca quel quid che renderebbe ogni traccia unica e inconfondibile e farebbe dire “c***o questi sono i Frozen Soul”.

Bisogna dare merito alla band di aver perfettamente centrato il tentativo di produrre un concept album dedicato al mondo “artico”: peccato che, troppo spesso, il gruppo lasci trasparire le proprie influenze, come ad esempio nella titletrack in cui sembrano fare un tributo agli Asphyx. Quando la band decide di metterci del suo ci regala un chitarrismo potentissimo, solenne e monolitico, pieno di atmosfere terrificanti e terribilmente torbide, impreziosite da instancabili cavalcate e riff velocissimi, divoranti e devastanti. Comunque una citazione merita sicuramente la piacevole, potentissima ed assassina “Twist The Knife”.

Per concludere, mi auguro che la band, nel successore di questo gradevole debutto, riesca a distaccarsi dai clichè del genere e riesca ad inserire nei brani qualcosa di “proprio” in modo da renderli non dico originali ma, quantomeno, “personali” senza produrre delle “copie” di qualcosa di già sentito.

Tracce:
01 – Crypt Of Ice
02 – Arctic Stranglehold
03 – Hand Of Vengeance
04 – Wraith Of Death
05 – Merciless
06 – Encased In Ice
07 – Beat To Dust
08 – Twist The Knife
09 – Faceless Enemy
10 – Gravedigger

Formazione:
Samantha Mobley – Bass
Michael Munday – Guitars
Chad Green – Vocals
Matt Dennard – Drums
Chris Bonner – Guitars

Facebook: https://www.facebook.com/frozensoultx
https://frozensoultx.bandcamp.com/
http://www.centurymedia.com/

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.