BLACKMORE’S NIGHT – Nature’s Light

Blackmore's Night
Titolo: Nature's Light
Autore: Blackmore's Night
Genere: Folk, Pop
Anno: 2021
Voto: 8

Visualizzazioni post:137

Ladies and gentlemen è con immenso onore che mi accingo a recensire l’undicesima fatica discografica, dopo sei lunghissimi ed interminabili anni d’attesa, dei Blackmore’s Night, progetto nato nel lontanissimo 1996 dall’unione del mitico chitarrista Ritchie Blackmore e della cantante e speaker radiofonica (nonché moglie dello stesso Blackmore, Candice Night) votato anima e corpo nella ricerca e nello sviluppo di sonorità folk-rock rinascimentale.

Siamo dinanzi ad un album che definire meraviglioso è un puro eufemismo, incentrato sul tema della natura che incarna la quintessenza della semplicità, della magia e dei miracoli che avvengono sotto i nostri occhi. Sin dalle prime note i nostri menestrelli ci traghettano in un meraviglioso viaggio onirico, cullati da splendide armonie, indietro nel tempo in un’epoca semplice e magica. Ed allora lasciamo che la magia abbia inizio.

L’apertura delle danze è affidata alle splendide “Once Upon December” che, grazie alle ritmiche allegre, giocose e cadenzate, ci fa rivivere le atmosfere dei banchetti medievali, grazie anche all’ottima prova vocale di Candice Night ed agli inserti di flauti e percussioni  e “Four Winds”, ballata che tocca i lidi del pop e “Feather In The Wind”, splendida traccia caratterizzata da un duello tra la chitarra di Blackmore ed il violino di Fiddler, con degli splendidi inserti di ghironda.

Gli amanti dei brani strumentali troveranno piena soddisfazione ascoltando “Darker Shade Of Black”, un brano emozionante ed altamente introspettivo che, nella prima parte, grazie alla sinergia tra il violino di Fiddler e gli splendidi e dolcissimi vocalizzi di Night, fa ritornare in mente i vecchi fasti del maestro Ennio Morricone mentre la seconda, con l’entrata in scena di sua maestà Blackmore, è caratterizzata da un potentissimo assolo di chitarra; “Der Letzte Musketier” è una traccia che tocca addirittura i lidi del blues e del prog.

Una citazione a parte meritano sicurante la nuova versione di “Wish You Were Here”, che viene riproposta con delle parti vocali migliorate rispetto alla versione originale rendendola ancora più accattivante, la magnifica ed epica “Nature’s Light”, altisonante brano che racchiude in sé la quintessenza dell’intero lavoro e “Second Element”, splendida ballata in pieno stile folk-pop che, grazie anche ad un possente e potentissimo assolo di chitarra, chiude alla grandissima questo splendido lavoro.

Questo è un album che si candida ad essere, senza ombra di dubbio, una delle migliori uscite discografiche del 2021 e che chiunque ami la musica di gran classe deve possedere nella propria discografia.

Tracce:
01 – Once Upon December
02 – Four Winds
03 – Feather In The Wind
04 – Darker Shade Of Black
05 – The Twisted Oak
06 – Nature’s Light
07 – Der Letzte Musketier
08 – Wish You Were Here (2021)
09 – Going To The Faire
10 – Second Element

Formazione:
Ritchie Blackmore – Guitars, Mandolin, Domra
Candice Night – Vocals, Horn, Flute
Bard David Of Larchmont – Keyboards
Earl Grey Of Chimay (Mike Clemente) – Bass, Rhythm Guitar, Mandolin
Troubadour Of Aberdeen – Drums, Percussions
Lady Kelly De Winter (Kelly Morris) – Chorus, French horn
Scarlet Fiddler – Violin, Flute

Sito Internet: https://www.blackmoresnight.com/
Facebook: https://www.facebook.com/ritchieblackmore
Twitter: https://twitter.com/ therealritchieb?lang=en
http://www.ear-music.net/

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.