ISSA – Queen Of The Broken Hearts

Titolo: Queen OF The Broken Hearts
Autore: ISSA
Genere: Melodic Rock
Anno: 2021
Voto del redattore HMW: 7
Voto dei lettori:
Ancora nessun voto. Vota adesso!
Please wait...

Visualizzazioni post:331

Isabell Oversveen in arte Issa, è una cantante norvegese dall’ugola straordinariamente potente che propone canzoni dallo stile pop/rock e rock melodico. Quello che undici anni fa era nato come un progetto con il bellissimo debutto, “Sign Of Angels” oggi è una vera e propria band capitanata dalla scandinava e formata da musicisti di alto livello come Simone Mularoni (DGM, Sunstorm) alla chitarra, Andrea ToWer Torricini (Vision Divine) al basso, Marco Di Salvia (Hardline) alla batteria e Alessandro Del Vecchio (Hardline, Edge Of Forever) alle tastiere.

“Queen Of Broken Hearts” è l’album numero sei e come per le sue uscite precedenti, la nuova fatica discografica è un’altra bella raccolta melodica sempre con le sue affascinanti corde vocali in evidenza e tante armonie coinvolgenti, per un hard rock melodico guidato da magnifiche sonorità AOR. Simone Mularoni, che è uno dei migliori chitarristi italiani e una garanzia alla chitarra, fa innamorare per il suo stile soprattutto per chi ama questo genere o è un estimatore di cantanti come la famosa Robin Beck. La maggior parte delle canzoni sono ballate rock melodiche di qualità avvolte dalla talentuosa tastiera di Alessandro Del Vecchio che è anche l’ottimo produttore del disco.

Lo si sente subito con l’apertura tastieristica del primo singolo “Angels Calling”, dove poi la chitarra e il basso si uniscono ad un bell’assolo della sei corde. Qui la singer mette in mostra i suoi elettrizzanti passaggi vocali e il suo enorme talento nel raggiungere le note più alte, accompagnata da ottimi suoni armonici, mentre Mularoni con la sua sei corde dà forza al brano con robusti assoli e riff trascinanti. La forza melodica della chitarra introduce “The Way Out” con la voce di Issa che sale di potenza fino al discreto ritornello, completato da un potentissimo assolo di Simone che merita un applauso. “The Night It Rained Forever” è introdotta da un pianoforte e da sintetizzatori che innescano un ritmo cadenzato e drammatico molto vicino allo stile di band famosissime come i Within Temptation o i Delain dove la vichinga sembra essere sorprendentemente a suo agio su sonorità più sinfoniche. Comunque, già nella successiva e malinconica “I’m Here To Stay” la bella Issa ritorna al suo sound di hard rock melodico con Mularoni sempre sopra gli scudi e con un impeccabile coro in sottofondo. “Blue” è il lento del platter che si apre con un piano e la soave voce di Issa che interpreta una composizione difficile da cantare e molto impegnativa. Il guitar hero italiano anche qui si cimenta in un assolo di chitarra emozionante e passionale.

L’ottantiana titletrack “Queen Of Broken Hearts”, piace per il ritmo aggressivo, per la grande sezione ritmica, il ritornello molto orecchiabile e la grande voce della vocalist che nell’occasione canta a squarciagola per un classico AOR senza tempo. Purtroppo la triste e blues “Derive” non convince e sembra essere un momento di stanca dell’opera, che fino a questo momento aveva raggiunto picchi importanti: il pezzo sembra una semi ballata che non prende mai il volo e dove il ripetitivo ritornello, non eccelle facendo perdere smalto alle corde vocali della cantante. Con “Without Love”, Issa sembra riprendersi grazie alla chitarra che guida la sua ottima voce, che tocca l’apice sempre con un altro assolo mozzafiato di Simone.

Verso la fine segnalo la stupenda e breve song AOR “Wait For Love” che possiede un refrain stratosferico con un forte lavoro di tastiera e di batteria di Marco Di Silva e altri incredibili assoli di Simone Mularoni. L’ultima “Die For A Life With You” è una traccia di puro hard rock melodico che chiude bene il platter con un bel ritornello, delle chitarre distorte e roboanti e dove la straordinaria Issa spinge al massimo le sue corde vocali. Anche questa volta l’assolo di chitarra rock and blues del nostro talentuoso connazionale è qualcosa di incredibile. Simone Mularoni è il fulcro di questo grande gruppo di musicisti rock messo a disposizione dell’affascinante norvegese per sostenere i suoi eccezionali toni vocali ma l’italiano a volte sembra toglierle involontariamente la scena.

Non credo che questo sia un male perché il guitar hero con i suoi riff, sebbene la voce della bionda vocalist nord europea sia la parte principale dell’opera, emana energia, adrenalina e tanta passione. Album gradevole, dal suono moderno ma con le fondamenta nel rock melodico e nell’AOR tradizionale dei leggendari anni ’80. La nostra regina dei cuori infranti non ha bisogno di grandi presentazioni e non la si scopre oggi perché con la sua bellissima voce continua sempre ad emozionare proponendo canzoni melodiche e orecchiabili di alto livello. Non preoccupatevi se in questo momento l’amore vi ha girato le spalle perché si può vivere per un po’ di tempo anche senza quello, parola di Issa.

Tracce:
1. Angels Calling
2. The Way Out
3. The Night It Rained Forever
4. I’m Here To Stay
5. Blue
6. Queen Of Broken Hearts
7. Derive
8. Without Love
9. Wait For Love
10. After The Rain
11. Die For A Life With You

Formazione:
Issa Oversveen – voce
Simone Mularoni – chitarra
Andrea Torricini – basso
Alessandro Del Vecchio – tastiera
Marco Di Salvia – batteria

https://www.facebook.com/issasite/
http://www.frontiers.it

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.