SHAME ON YOUTH! – Human Obsolescence

Shame On Youth!
Titolo: Human Obsolescence
Autore: Shame On Youth!
Genere: Hard Rock And Roll
Anno: 2020
Voto Redazione HMW: 6 -

Visualizzazioni post:105

Gli scivoloni nel catalogo della Go Down si misurano davvero col contagocce. Hanno prodotto anche lavori non eccelsi o poco discreti e ciò è più che naturale, ma nessuno che avesse con sé quel triste che di sapido o l’esigenza di far numero. Su due piedi, ci si permette di segnalare (o ricordare), tra gli artisti usciti per il marchio, solo The Morlocks, Small Jackets (dal vivo sono un missile terra-aria di alta letalità), Dome La Muerte And The Diggers e magari OJM – con la piena consapevolezza di tralasciare diversi altri nomi di valore che hanno assegnato all’etichetta veneta un ideale, piccolo posto d’onore nella nicchia delle indipendenti di settore. Farina del suo sacco è anche il Maximum Festival, evento non ingeneroso di qualità artistica e al quale consigliamo di rivolgere un pensierino, dovesse mai tornare il tempo dei concerti.

Tra le ultime pubblicazioni, prendiamo atto dell’album di esordio degli Shame On Youth!. Classe 2015, dopo tre brani di prova immessi sul mercato nel 2017, registrarono poi i pezzi di Human Obsolescence nel 2019 – finalmente qualcuno che si prende tempo – e il disco è immaterialmente disponibile da fine novembre del duemilaventi.

I suoni troppo educati e puliti sono sicuramente una delusione e un mezzo freno, ma la perizia compositiva dei quattro Bolzanini è ben evidente. Il campo da gioco è quello di un rock and roll moderno – di stampo scandinàvo, diciamo – dai tratti punk rock garageizzati, con possibili altri riferimenti individuabili nel catalogo meno melodico della Epitaph e/o magari nei primi due Allhelluja (“Seed”). Per chiudere il quadro e a costo di farlo sembrare più complesso di quello che è, togliamo un po’ di terra di dosso ai Valient Thorr e figuriamoci saltuarie declinazioni chitarristiche à la Josh Homme (“Fluke Of Faith”) e soluzioni vocali familiari ai nostrani Meatball Explosion. Più una buona cura per le rifiniture.

Considerato che il genere non richiede novità bensì personalità e convinzione, il risultato finale è sostanzialmente soddisfacente; però non so quanti ascolti possa reggere Human Obsolescence prima di sfiancare coloro i quali non facciano di questi stili la propria unica passione. Copertina orribile.

Tracce
01.  Got No Choice
02.  The Show Must Go Wrong
03.  Seed
04.  Mr. Crasher
05.  A Bunch Of Crap (I Don’t Care About)
06.  Uniform
07.  Fluke Of Faith
08.  Premium 9,99
09.  Demons Are Right!

Formazione
Federico: batteria
Georg: chitarra, voce
Matteo: basso, voce
Tomas: chitarra, voce
[non dichiarato]: campioni

https://www.instagram.com/_shameonyouth_/
https://www.godownrecords.com/
https://shameonyouth.bandcamp.com/
https://www.facebook.com/shameonyouth

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.