ARTILLERY – Michael Stützer


Visualizzazioni post:213

ARTILLERY – The old school is alive

UK

Gli Artillery sono un gruppo old school che ha subito diversi cambi di formazione, non ha mai ottenuto un enorme successo, ma sono ancora sulle scene dopo quasi 40 anni. La loro importanza nel sound thrash metal europeo e mondiale è di grande importanza e in seguito alla recensione del loro decimo disco in studio dal titolo X (Qui il nostro traccia per traccia), abbiamo voluto intercettare Michael Stützer, uno dei componenti storici per fargli qualche domanda. E’ ormai noto che i nordici non siano molto chiacchieroni ed espansivi e questa intervista lo dimostra. Tuttavia nelle telegrafiche risposte di Michael c’è il segreto che spinge la band a non mollare e continuare ancora a suonare.

ArtilleryCiao Michael e benvenuto nelle pagine di HMW. Puoi darci un aggiornamento sulla situazione dei covid19 nel tuo Paese, giusto per rompere il ghiaccio?

Sembra molto meglio in Danimarca ora, ci sono ancora restrizioni ma ora possiamo suonare i nostri primi concerti in più di un anno dal 6, 7, 15, 21 e 22 maggio in Danimarca 😊

Senti che la perdita di Morten ha in qualche modo influenzato musicalmente o liricamente questo album? Il suono stesso sembra più scuro di prima…

Naturalmente ci sarà sempre una differenza perché Morten era veramente unico, ma penso che siamo riusciti a fare un disco molto onesto e grandioso e anche Kræn il nuovo chitarrista ha contribuito con alcune buone cose.

Come siete arrivati a Kræn Meier come chitarrista e cosa ha portato di nuovo al vostro sound? Lo abbiamo già visto durante il vostro ultimo tour in Italia nel 2017 con gli Onslaught (QUI C’E’ IL NOSTRO REPORT) e ci ha fatto una buona impressione

Kræn ci aveva dato una mano negli ultimi due anni sul fronte live ed era naturale che sarebbe divenuto il nuovo chitarrista degli Artillery; ha anche contribuito con alcune grandi canzoni con molta aggressione e velocità. Inoltre ama le buone battute 😊

Il contributo del potente Morten al songwriting della band è stato enorme: ora Michael è il principale compositore degli Artillery?

Kræn ha fatto 4 canzoni, Peter ha fatto una canzone e io ho fatto il resto. Michael B. ha fatto i testi questa volta. Ma è molto importante che siamo una band che suona, quindi anche la batteria e la voce fanno sì che le canzoni suonino nel tipico stile degli Artillery.

X è un titolo perfetto per il vostro decimo album, ma cosa c’è dietro l’artwork?

X significa 10 in latino e potrebbe anche stare per l’ignoto quindi sta a chi ascolta dirlo. La copertina è stata realizzata da Martin Helgren che ha fatto anche la copertina di “Face Of Fear”.

C’è una canzone chiamata “The Ghost of Me” totalmente diversa dal vostro solito sound, e con le tastiere. Come siete arrivati a scrivere una canzone come questa e qual è il significato dietro questo fantasma?

Abbiamo sempre una canzone tipo ballata da ”Don’t Believe” di By Inheritance, come “Pain From The Face Of Fear” e “When The Magic is Gone” su Penalty By Perception, solo per prendere una pausa dalla pesantezza e dove possiamo usare l’abilità della voce di Michaels ed è fantastico suonarci sopra assoli ecc. Il testo parla di quando ti senti un fantasma perché a nessuno importa di quello che dici o pensi.

Quasi 40 anni nella scena metal, cosa è cambiato in tutto questo tempo?

Studi migliori, molti più spettacoli dal vivo, festival, tour e, ovviamente, diverse formazioni. L’MP3 e internet hanno cambiato molte cose, ma mi piace ancora quello che può dare la musica grazie ai fan che sono ancora fantastici.

Tornando ai primi tempi: raccontaci qualcosa dell’atmosfera magica della musica metal in quegli anni in Danimarca e come avete iniziato a suonare…

Quando abbiamo iniziato nel 1982 la gente ci definiva una specie di punkband dei Motorhead e più tardi una band thrash metal. Quando io e Morten ci siamo incontrati con Carsten e Jørgen abbiamo deciso di suonare veloce come “Fast As A Shark” degli Accept.
Se qualcuno nel 1982 mi avesse detto che avrei fatto 10 album in studio e che avrei suonato in 65 paesi diversi con gli Artillery, sono sicuro che avrei detto, andiamo amico sii serio 😊
Penso che abbiamo fatto così tante cose grandiose, viaggiando in tutto il mondo, incontrando così tante persone grandiose e avendo il supporto dei nostri grandi fan duri a morire, quindi è difficile non essere felici. Certo, sarebbe stato fantastico se fosse stato un lavoro a tempo pieno, ma sono soddisfatto 😊

Cosa c’è di buono e di cattivo oggi nella musica secondo te, specialmente se parliamo di metal?

I fan, i tour, suonare in tutto il mondo, fare ancora dischi e divertirsi. Il lato negativo è che non si vendono molti CD e vinili come ai vecchi tempi e che si invecchia.

Multi domanda: i vostri fan sono ancora ragazzi cresciuti della vecchia scuola o potete contare su qualche nuovo giovane metalkid e dove avete la più grande fanbase? Come vi considerano i danesi?

Sì, abbiamo ancora alcuni dei vecchi fan duri a morire, ma anche un sacco di nuovi arrivati, il che è fantastico. Penso che abbiamo una grande fanbase nella maggior parte dei paesi, ma il Sud America, gli Stati Uniti, la Russia e l’Australia ci sostengono davvero. Ma come ho detto abbiamo dei grandi fan anche in molti paesi europei come Spagna, Germania, Regno Unito e Italia solo per citarne alcuni. Abbiamo anche molto pubblico in Danimarca e la gente qui ci sostiene davvero e sono orgogliosi di ciò che abbiamo raggiunto nel corso degli anni.

Michael Bastolm Dahl è stato il vostro ultimo cantante per molto tempo. Quanto è importante per il vostro sound e marchio di fabbrica?

Michael è un grande cantante con una grande estensione e sta migliorando ad ogni album e si inserisce negli Artillery perfettamente perchè prima di tutto è un buon amico.

Il Covid19 ha messo l’industria musicale in un terribile congelamento in stand by e siamo tutti in attesa di tornare presto ad assistere ad un concerto. Avete già pianificato di tornare in tour o è ancora tutto in sospeso?

Sì, è stato un periodo terribile in cui molti festival e spettacoli sono stati spostati al 2022, ma stiamo iniziando a suonare di nuovo con restrizioni dal 6 maggio in Danimarca come dicevo.

L’Heavy Metal è stato abbastanza popolare nei paesi del nord Europa e probabilmente era più facile essere un artista HEAVY METAL che nell’area mediterranea. E oggi? Cosa significa essere un musicista metal oggi?

Amo suonare la musica, amo viaggiare per il mondo, amo fare nuova musica e parlare con i nostri fan più accaniti. È un grande stile di vita.

Nel 2019 avete pubblicato un singolo in onore di Morten, “The Last Journey”, cantato da tutti i cantanti passati e presenti della band. Un tributo meraviglioso. Sappiamo che era per una causa diversa e giusta, ma ci chiedevamo se ascolteremo ancora una collaborazione simile…

Non si sa mai, l’anno prossimo si festeggiano i 40 anni degli Artillery quindi vediamo.

Chi sono gli Artillery nella vita quotidiana, fuori dagli strumenti e dai concerti?

Michael B. è un insegnante, io e Josh lavoriamo mezza giornata nella stessa scuola, Kræn lavora anche lui a mezza giornata con i bambini e Peter ha la sua azienda che vende cellulari.

Sentiti libero di ringraziare chi vuoi e chiudi l’intervista a tuo piacere!

Grazie mille per il supporto, controlla il nuovo album X e ci vediamo presto sulla strada.
Cheers Michael Stützer

 

 

 

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.