Baby Strange : un brano nel video della Tennent’s dedicato alla nazionale scozzese


Visualizzazioni post:124

A meno di una settimana dal momento in cui la squadra di Steve Clarke scenderà in campo per la prima finale di calcio della Scozia in 23 anni, il marchio di birra Tennent’s ha lanciato un nuovo video per celebrare i cinque milioni di motivi per cui la nazione dovrebbe interessarsi alla squadra quest’estate. Con la partecipazione del capitano della Scozia Andy Robertson e dell’eroe della Serbia Ryan Christie, la clip è accompagnata dalla colonna sonora di “I Want To Believe (Made For This)” dei Baby Strange.

Guarda il video qui:

 

Ascolta/scarica “I Want To Believe (Made For This)”: https://icea.ffm.to/iwanttobelieve

Il recente singolo del trio di Glasgow è stato rielaborato con un nuovo testo per celebrare un’estate di calcio. La nuova versione del brano è uscita oggi per celebrare il calcio d’inizio del torneo, con il 23% dei proventi – 1% per ogni anno di attesa – donato al Glasgow Saints FC per aiutare ad affrontare la povertà alimentare e l’isolamento sociale nell’East End di Glasgow.

Il cantante e chitarrista Johnny Madden dice della campagna: “Siamo così entusiasti che ci sia stato chiesto di far parte della campagna ‘Made For This’ di Tennent’s Lager. Siamo tutti seguaci da sempre del calcio scozzese, quindi essere in grado di giocare una parte nel sostenere il nostro paese e la nostra squadra nazionale durante l’estate è enorme per noi”.

“‘I Want To Believe’ ha assunto un significato completamente rinnovato e un’energia nuova di zecca – si tratta di passione, fede e puro desiderio di vedere la Scozia vincere. Dopo un’attesa di 23 anni, la canzone riflette la stessa grinta e determinazione che la squadra ha dimostrato nel raggiungere questo punto. La Scozia è fatta per questo”.

Recentemente la band ha pubblicato l’EP ‘Land of Nothing’ su Icons Creating Evil Art.

S C O P R I:
Facebook
Instagram
Twitter
Spotify
Apple Music
Youtube
Twitch
Amazon Music
Wikipedia

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.