HAVAMAL – The Shadow Chapter

Titolo: The Shadow Chapter
Autore: Havamal
Nazione: Svezia
Genere: Epic, Folk, Melodic Death, Symphonic, Viking
Anno: 2021
Etichetta: Art Gates Records

Formazione:

Björn Larsson – Vocals
Tino “Saurus” Vesanen – Bass
Andreas Herlogsson – Drums
Lennie Spetze – Guitars, Keyboards
Kjell Gilliusson – Guitars


Tracce:

01 – The North Awakens
02 – Fenris
03 – Nidhoggr
04 – Kraken
05 – Empire Of The Ashen Sun
06 – Nornir’s Call
07 – Jormungandr
08 – Hel
09 – The Curse Of Grendel


Voto del redattore HMW: 7,5/10
Voto dei lettori: 9.7/10
Please wait...

Visualizzazioni post:359

Ladies and gentlemen, è con immenso piacere che mi accingo a recensire il ritorno discografico degli svedesi Havamal, progetto nato nel 2016 dall’unione dei chitarristi Lennie e Kjel, del cantante Björn, del bassista Pontus e del batterista Rodrigo Valenzuela e che, sin dagli esordi, si è votato alla ricerca di sonorità che fossero un’alchemica e letale miscela di viking, black, power e death metal, splendidamente impreziosita da parti sinfoniche ed orchestrali. Dopo essersi ritrovata senza batterista, la band riesce a pubblicare l’EP di debutto “Call Of The North” – in cui il chitarrista Lennie suona anche le tastiere – e completa la formazione con l’ingresso dell’ex batterista di Hostile Reaction, Mort e Write Your Will, Andreas Herlogsson. Da qui gli Havamal iniziano una durissima, estenuante ma altamente fruttuosa gavetta live che contribuisce a migliorare la loro amalgama nonostante la defezione, nel 2018, del bassista Pontus, poi splendidamente sostituito dalla bassista Sandra. Dopo essere stati notati dall’etichetta Art Gates Records, nel 2019 riescono a pubblicare il loro meraviglioso e spettacolare CD di debutto, “Tales From Yggdrasil”, e ricominciano la loro frenetica attività dal vivo. Prima di rinchiudersi in studio, la band si trova a dover affrontare un altro cambio di formazione, a causa dell’abbandono della bassista Sandra, sostituita dal talentuoso ed eclettico Tino “Saurus” Vesanen (ex membro di Maggot Therapy ed Ashard). Dopo aver ricompattato nuovamente la formazione, il gruppo è riuscito a dare vita, dopo due lunghissimi ed interminabili anni di attesa, ad uno dei loro progetti più ambiziosi: “The Shadow Chapter”, il successore del proprio debutto. Ma lasciamo che sia la musica a parlare.

Sin dalle prime note di “The North Awakens”, l’ascoltatore è letteralmente travolto da un’aura malvagia e sulfurea che lascia ben presto il posto alle potentissime ritmiche, assassine e terrificanti, di “Fenris”, un’autentica mazzata in pieno stile folk, viking, black, melodic death e power metal, splendidamente impreziosita da inserti orchestrali che fanno tornare in mente i vecchi fasti di Ensiferum, Wintersun, Kalmah, Equilibrium e Brymir. “Nidhoggr” ed “Empire Of The Ashen Sun” sono caratterizzate da sonorità molto rotonde e sinfoniche, con le tastiere che fanno la parte del leone ed un cantato molto gutturale. Ciò che sorprende è che il gruppo non si limita a pure e semplici scopiazzature, ma rende il tutto molto originale, grazie anche a delle ottime parti cantate, leggere e dannatamente coinvolgenti. Gli amanti dei brani epici troveranno piena soddisfazione ascoltando le oscure e malvagie “Kraken” e “Jormungandr”, mentre si torna a premere sull’acceleratore durante l’esecuzione di “Nornir’s Call”, una vera e propria mazzata nei denti caratterizzata da riff di chitarra taglienti splendidamente intervallati da inserti di death melodico. I fan delle sonorità black e viking raggiungeranno il proprio nirvana ascoltando le sulfuree, atmosferiche, melodiche e terrificanti “Hel” e “The Curse Of Grendel” – quest’ultimo, brano caratterizzato dal cantato dannatamente gutturale efficacemente sorretto da sonorità sinfoniche: il brano narra, manco a dirlo, la storia del demone Grendel e chiude in maniera maestosa questo splendido lavoro, un album che non deve assolutamente mancare nella discografia degli amanti della musica di gran classe.

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.