EDDIE & THE WOLVES – War

Titolo: War
Autore: Eddie & The Wolves
Nazione: Regno Unito / Inghilterra
Genere: Modern Rock
Anno: 2021
Etichetta: Lime Digital Music

Formazione:

Eddie Saffel: Chitarra e voce
Char Saffel: percussioni e voce
Kieran Harris: Basso
Liam Foster: Batteria


Tracce:

00. Intro. Little Green Soldiers
01. See me Fall
02. Nine Lives
03. Through it all
04. Toys
05. Blind
06. I Could Be Yours
07. Riding Storms
08. War
09. Burning Embers
10. Vindictive
11. The First & the Last
Bonus 1. She Knows what She’s Got
Bonus 2. Love in the City
Durata Totale: 47:57


Voto del redattore HMW: 7,5/10
Voto dei lettori: 9.5/10
Please wait...

Visualizzazioni post:250

Il progetto Eddie & The wolves vede la luce nel 2018 dall’unione di quattro lupi solitari e dà oggi alle stampe il proprio esordio discografico intitolato War. Il quartetto inglese è autore di un Hard rock dalle tinte profondamente blues, ma di certo non attaccato strettamente alla tradizione o al revival fine a sé stesso, come spesso è capitato negli ultimi anni per quanto riguarda il mercato discografico orientato a tale genere. Non che ciò sia un male, ma distaccarsi dai canoni, permette di spiccare in mezzo a centinaia o migliaia di gruppi.

Tutto si può dire, ma non che questo album non sia scorrevole e ben studiato, con la giusta alternanza di episodi più elettrici, quali See Me Fall e Nine Lives per fare alcuni esempi, a momenti di maggior morbidezza in “Blind” e “I Could Be Yours”. È evidente la capacità della band di comporre brani in grado di farsi apprezzare immediatamente grazie alla freschezza dei riff, alla buona tecnica solista applicata alla melodia e all’intersecarsi delle due voci di Eddie e Char, consorte del Lupo Alfa, peculiarità distinguibile soprattutto in “Vindictive” e “The First and the Last”.

La modernità prima accennata, si palesa in tutto il volgere dell’opera, ma si sublima nella titletrack così come in “Toys”, quest’ultima impreziosita dal suo cambio di tempo centrale e dal climax assolo-breakdown (naturalmente non va dimenticato l’ambito, estraneo al metal) che garantisce un grasso groove. Divertenti anche le due tracce Bonus poste in chiusura di circa 45 minuti di buonissime composizioni.

Il branco ha concluso la prima battuta di caccia. Attendiamo con ottime sensazioni la prossima!

P.S. copertina splendida per chi avesse uno spazietto sulla pelle e fosse appassionato di tatuaggi.

 

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.