FULCI – Exhumed Information

Titolo: Exhumed Information
Autore: Fulci
Nazione: Italia
Genere: Death Metal, Musica Per Film
Anno: 2021
Etichetta: Time To Kill

Formazione:

Dome: chitarra
Fiore: voce
Klem: basso
TV-Crimes (turnista): sintetizzatore, programmazioni, campionamenti


Tracce:

01.  Autopsy
02.  Voices
03.  Nightmare
04.  Evil
05.  Funeral
06.  Tomb
07.  Glass
08.  Child
09.  Fantasma
10.  Cemetery


Voto del redattore HMW: 6,5/10
Voto dei lettori: 8.0/10
Please wait...

Visualizzazioni post:166

La pellicola scelta per Exhumed Information – secondo un uso di cui è al corrente chi segue il gruppo oppure trattiene le informazioni gentilmente elargite da HMW – è Voci Dal Profondo (del 1991): capitolo di minor conto nella filmografia del maestro laziale, ma che ci permettiamo di consigliare come alternativa alla prossima serata a base di improbabili ed oltreoceanici telefilmetti giallo-polizieschi di ottava categoria che non hanno più idea di quale rimasticata ed iperdigerita sceneggiatura andare a succhiare per la seimillesima volta.

Sempre più avanti nell’inglobamento della musica da cinema nel proprio tessuto primario, seguendo le ideali orme concettuali di Necrophagia oppure –perché no?– di Arcana 13, i Fulci sono a una svolta che potrebbe portarli, avanti di questo passo, a dover attribuire il prossimo album a Fulci And TV-Crimes o qualcosa di simile. Quest’ultimo riuscirebbe difatti vincitore in un ipotetico confronto a suon di minutaggio contro la controparte chitarristica dell’albo in esame. Pur se l’introduttiva “Autopsy” altro non è che il campionamento, nella versione in lingua inglese, di una delle sequenze iniziali del film, sarà indubbiamente l’operato di TV-Crimes a dominare la seconda facciata di Exhumed Information.

La parte suonata come gruppo consta per lo più di death metal di stampo prevalentemente americano tra tardi Ottanta e primi Novanta: senza infamia e senza lode, in generale, ad eccezione di “Funeral”, alla quale va concessa della lode nel suo includere più di uno scampolo di noise industriale inglese – più o meno secondo quanto assimilato ad un certo punto dai Fear Factory. Il resto, come anticipato, è appannaggio quasi esclusivo di TV-Crimes ed intende fungere da ipotetica colonna sonora di sottofondo. “Child” è ideale bisnipote della vecchia elettronica prog-ambientale tedesca e nel finire presenta una comparsata di Dome, il quale recita un ruolo un poco più consistente in “Fantasma”.

In definitiva, che dire? La scrivente supporta il coraggio e gradisce alquanto l’asimmetria però non può evitar di constatare che i Fulci stanno camminando su un terreno minato e, tenendo a mente che non eccellono né nella parte da film né in quella metallica, il suo augurio è che non perdano l’equilibrio nel punto sbagliato. Davvero molto bella la copertina.

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.