Lord Of The Lost: il loro video più elaborato per “Viva Vendetta”


Visualizzazioni post:83

I LORD OF THE LOST hanno pubblicato il loro nuovo album, JUDAS, il 2 luglio – assicurandosi in seguito la posizione più alta mai raggiunta dal gruppo al numero 2 della classifica tedesca degli album. Anche dopo questo successo, la band di Amburgo non si è presa una pausa – seguendo il loro video musicale più elaborato di sempre.

“Viva Vendetta” forma la base del doppio album bonus, LOTL+, che è stato incluso con alcuni formati di album fisici già esauriti. LOTL+ consiste in 32 versioni di band e artisti amici basate sulle tracce strumentali di “Viva Vendetta”. Nessuno degli artisti era al corrente del concetto dell’album o di qualsiasi altra informazione sui JUDAS, con il risultato di 32 versioni fondamentalmente diverse.

Il video per la versione dell’album di “Viva Vendetta” è ambientato in un oscuro scenario western, in cui i membri della band assumono diversi ruoli: un fabbro, un prete, uno sceriffo, un barista e un eremita. Sono tutti perseguitati da un’entità oscura, già conosciuta nei video di “Priest” e “For They Know Not What They Do”. Non importa dove ci troviamo nella società, siamo tutti uguali di fronte a poteri superiori – questo messaggio è trasmesso in un video musicale che è lungo più di sette minuti e soddisfa i più alti standard cinematografici.

Che i cinque cowboy solitari di “Viva Vendetta” siano maledetti e dannati dal protagonista, o salvati e redenti, può essere interpretato in entrambi i modi alla fine. Così, anche un cortometraggio musicale del selvaggio West crea la connessione effettivamente assurda al concetto dell’album della dannazione e della salvezza di Giuda Iscariota.

LORD OF THE LOST sul nuovo video:

“Anche se siamo riusciti a trasferire il tema di base del nostro concetto di JUDAS nel video di “Viva Vendetta”, molti potrebbero ancora chiedersi cosa abbia a che fare un western con l’argomento, o con noi come band. La risposta è abbastanza semplice: Assolutamente niente! Abbiamo solo sentito come l’estetica visiva del nostro piccolo mashup fantasy di Tarantino. E questo è esattamente ciò che dovrebbe guidare un artista nel cuore: Il desiderio di creare, liberato da tutti i confini, specialmente i propri”.

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.