SKEPTICISM – Companion

Titolo: Companion
Autore: Skepticism
Nazione: Finlandia
Genere: Death Doom Metal
Anno: 2021
Etichetta: Svart

Formazione:

Jani Kekarainen: chitarra
Lasse Pelkonen: batteria
Eero Pöyry: tastiere
Matti Tilaeus: voce


Tracce:

01.   Calla
02.   The Intertwined
03.   The March Of The Four
04.   Passage
05.   The Inevitable
06.   The Swan And The Raven


Voto del redattore HMW: 9/10
Voto dei lettori:
Ancora nessun voto. Vota adesso!
Please wait...

Visualizzazioni post:194

Non che si voglia indulgere nell’appianamento di più o meno supposti e più o meno annosi casi di turbatio sanguinis, ma diamo qui succintamente e fermamente per fattuale che ciò che, a posteriori (sottolinearlo frequentemente non sia mai un eccesso di pignoleria), fu definito come funeral doom metal era stato generato nel paese soventemente equivocato per scandinàvo. E ancora, sia consentita al qui presente pseudonimo la libertà di digredire che è, in una parola, demenziale categorizzare su esclusive basi di –che so?– velocità esecutive o di timbriche strumentali. Ciò premesso, diamo altresì per assodato che sia questo il gruppo che ha, ora indirettamente ora direttamente, catalizzata e plasmata la forma mentis di larga fascia di pubblico a favore del contatto col suddetto filone. Considerazione che equivale poi a dire che uno stile personale quasi cessa di esser tale laddove questo divenga genere o sottogenere o, appunto, filone.

Ma vogliamo venire a Companion? Companion è un disco degli Skepticism e, badiate bene, questo è davvero già tutto quello che occorre sapere – sì, perché qui non si tratta di arrampicatori sociali alla patologica ricerca di attenzioni né di maleodoranti banderuole monouso né di, ancor meno, fallaci contenitori colmi di inopportuni autocompiacimenti. No.

Se ne avete le tasche piene di lèggere e sentire che questo o quello è “fantastico”, “geniale”, “il più [esagerazione del caso] di sempre”, “una pietra miliare”, “iconico” e chi più baggianate ha più baggianate metta – e se, naturalmente, quel qualcosa che da decenni vi rode e corrode giorno e notte è più che un semplice qualcosa e se la Natura è ciò che di cui sentite la quotidiana, dolorosa mancanza; se tutto questo è la vostra paralizzante realtà, ebbene, ora sapete cosa fare.

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.