HAIKU FUNERAL – Drown Their Moons In Blood

Titolo: Drown Their Moons In Blood
Autore: Haiku Funeral
Nazione: Francia
Genere: Musica D'Ambiente, Musica Sperimentale
Anno: 2021
Etichetta: Aesthetic Death

Formazione:

Dimitar Dimitrov: sintetizzatori, programmazione, percussioni elettriche, campioni, voce
William Kopecky: basso, sitar, voce

[da comunicarsi] (ospite): batteria


Tracce:

01.   The Universe Murders Itself
02.   The Head Of The Innocent One
03.   Cherny Shamani
04.   The Earth Burns And Burns
05.   Split The Swollen Dark
06.   To Illuminate A World
07.   Drown Their Moons In Blood


Voto del redattore HMW: 6,5/10
Voto dei lettori: 6.0/10
Please wait...

Visualizzazioni post:128

Definitivamente smarriti per imperscrutabili itinerari cosmici e risucchiati da forze interplanetarie.
Relegate all’angolo le sonorità ultra-sperimentali di certo passato remoto, non c’è forse mai stata così tanta quiete e normalità in casa Haiku Funeral. Una quiete tremante. Cronache di rivoluzioni celesti. Di creazione e di distruzione; di fantasie liquide, musicate in spazialità progressivamente ambientali e ambientalmente progressive. Non è in fondo naturale che sia il rapimento il risultato di anni di parole e musica intrise di droghe, sesso, mitologia e sogni ad occhi spalancati?

Sette dosi. Sette sorsi.

Con voce mai assente, l’opera si svolge quasi come fosse un’unica composizione suddivisa in movimenti. Apre come un paesaggio sonoro galattico e industrialoide. Procede tra nebulose e fumi speziati, seducenti; una batteria organica; un primo volo nel grembo di un universo sintetizzando. Avanza spogliandosi: le note si dilatano, si rarefanno mentre l’apparato percussivo si sbriciola; poi torna alla musica d’ambiente – senza evitarne il lato oscuro. Chiude assecondata da fraseggi al fretless, suonato a mo’ di sitar, come ad assicurarci che uno dei modi migliori di modellare il presente è utilizzando il passato.

Loro sono sempre il bulgaro Dimitar Dimitrov e lo statunitense William Kopecky, risiedono ancora in Francia e sono alla settima uscita col nome di Haiku Funeral.

Per chi mal tollera i ritornelli.

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.