OUT OF THIS WORLD – Out Of This World

Titolo: Out Of This World
Autore: Out Of This World
Nazione: Svezia, Germania, Regno Unito
Genere: Hard Rock
Anno: 2022
Etichetta: Atomic Fire Records

Formazione:

Tommy Heart – voce
Kee Marcello – chitarre e cori
Ken Sandin – basso e cori
Darby Todd – batteria
Don Airey (ospite) – tastiere


Tracce:

01. Twilight
02. Hanging On
03. In A Million Years
04. Lighting Up My Dark
05. Staring At The Sun
06. The Warrior
07. Up To You
08. Ain’t Gonna Let You Go
09. Only You Can Teach Me How To Love Again
10. Not Tonight

Brani extra
11. Twilight (demo)
12. In A Million Years (demo)
13. Lighting Up My Dark (demo)


Voto del redattore HMW: 7,5/10
Voto dei lettori: 8.4/10
Please wait...

Visualizzazioni post:188

Il mio 2022, almeno a livello musicale, inizia positivamente con questo Out Of This World, titolo omonimo del nuovo progetto di Kee Marcello, affiancato ancora una volta da Tommy Heart, la cui voce si incassa alla perfezione nella visione musicale del chitarrista svedese. Finalmente l’album sarà disponibile in tutto il mondo, dopo una prima pubblicazione solo in Giappone nel 2021.

Out Of This World è un disco diretto e che colpisce l’attenzione sin dal primo ascolto, un lavoro che si mantiene su buoni livelli e del quale non trovo punti deboli, con uno stile compositivo genuino, senza fronzoli, a tratti quasi scontato ma che sicuramente non delude.

Un disco di puro hard rock caratterizzato da canzoni di grande impatto, con giri piacioni (come nel singolo“Hanging On” o in “Staring At The Sun”), melodie vocali accattivanti e ritornelli di grande presa (come ad esempio nella power ballad “Not Tonight”, nell’insolitamente lungo brano d’apertura [quasi sette minuti e mezzo] “Twilight” ed ancora in “In A Million Years”, quest’ultima originariamente scritta per gli Europe), oltre ad assoli di grande gusto che dimostrano ancora una volta l’altissima qualità di Kee Marcello. Onestamente, dopo tutti questi anni, ancora mi chiedo come gli Europe si siano fatti scappare un musicista di questo calibro. Heart, che ammetto di non conoscere molto, è proprio godibile. Il tutto, infine, viene supportato da una sezione ritmica solida e, seppur essenziale, di grande impatto, che vede Ken Sandin al basso e Darby Todd alla batteria. “Lighting Up My Dark” riassume tutte queste peculiarità, risultando di gran lunga il mio pezzo preferito: una volta che vi si piazza in testa, difficilmente smetterete di canticchiarlo!

Insomma, un tuffo negli anni ottanta e soprattutto novanta del XX secolo (lungo l’album infatti sono riconoscibili sonorità familiari, che ricordano ovviamente gli Europe ma anche i White Lion e i Bon Jovi, fra gli altri) all’insegna di un hard rock melodico che personalmente ho sempre apprezzato e continuo ad apprezzare – in questo caso, grazie anche ad una produzione onesta, genuina e in linea con la musica proposta.

Il disco si chiude con tre pezzi aggiuntivi: le versioni demo di “Twilight”, di “In A Million Years” e di “Lighting Up My Dark”.

Consigliato sia ai nostalgici del genere sia alle nuove leve che vogliono avvicinarsi a queste sonorità. Non male, non male.

Li seguirò con interesse.

P.S.

L’edizione dell’Atomic Fire Records consisterebbe anche in un secondo CD con dei brani dal vivo, principalmente di Europe e di Fair Warning. Non essendoci stato spedito il suddetto secondo CD, ci siamo limitati a commentare quanto ci è stato sottoposto dal promoter.

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.