Sadist: i dettagli del nuovo album


Visualizzazioni post:270

Le leggende italiane del progressive death metal SADIST (con Jeroen Paul Thesseling degli Obscura e Romain Goulon ex Necrophagist) rivelano un mucchio di nuovi dettagli sul nuovo album “Firescorched”, inclusa la copertina, la scaletta e la data di uscita.

“Firescorched” sarà pubblicato tramite la nuova etichetta del gruppo, Agonia Records, il 20 maggio 2022. Un nuovo singolo digitale intitolato “Finger Food” è previsto per essere rivelato il 18 febbraio, insieme a una lista di formati disponibili per l’album. L’apertura dei pre-ordini è prevista contestualmente.

“Firescorched” è un album altamente sperimentale nonché il più veloce e più estremo della carriera dei SADIST. Le canzoni sono fresche, abbracciano blast beat e danno un’atmosfera horror, il tutto unito a testi cupi e angosciosi. Lo stile avventuroso del gruppo, con influenze jazz e mediorientali, attraversa un velo di progressive death metal che nasconde nove nuove composizioni (undici, se si contano due canzoni bonus).

I SADIST hanno iniziato nei primi anni novanta, da Genova. Il gruppo fu in anticipo sui tempi, grazie ad un’avventurosa interpretazione del sottogenere del progressive death metal che si stava sviluppando allora. La sua presenza fu fermamente determinata da uno stile inconfondibile e rilevabile fin dal debutto, “Above The Light” del 1993, così come dagli album successivi, “Tribe” (1995) e “Crust” (1997). Dopo l’uscita di “Lego” (2000), che portò ad un temporaneo spostamento verso lo spettro avant-garde/core del genere, i SADIST entrarono in pausa. Il gruppo tornò alla sua collaudata formula sonora nel 2005, con alle spalle quattro album in studio, e continua a mantenere la propria visione epica del death metal, ora anche con elementi jazz e mediorientali. I SADIST hanno suonato davanti a folle enormi a supporto di gruppi come Iron Maiden, Megadeth, Slayer e Motörhead, ospiti negli stadi olimpici, ottenendo visibilità in festival metal di alto profilo come Wacken Open Air (1998), Gods Of Metal (2006 e 2010) ed Hellfest (2010). Il giro più recente ha avuto luogo nel 2019, quando sono stati in tour in Europa con I Am Morbid, Vital Remains ed Atrocity.

SCALETTA
1. Accabadora
2. Fleshbound
3. Finger Food
4. Burial Of A Clown
5. Loa
6. Aggression/Regression
7. Three Mothers And The Old Devil Father
8. Trauma (Impaired Mind Functionality)
9. Firescorched
10. Rerek *
11. Accabadora (Atitai)*

L’organico include, oltre al membro costante, co-fondatore, chitarrista e tastierista Tommy Talamanca, il cantante di lunga data Trevor Sadist (dal 1996), il nuovo e virtuoso batterista Romain Goulon (ex Necrophagist, ex Benighted) e il maestro del basso fretless Jeroen Paul Thesseling (Obscura, ex Pestilence).

L’album è stato registrato, mixato e masterizzato da Tommy Talamanca ai Nadir Music Studios di Genova. Le grafiche sono di Paolo Puppo.

« Firescorched può essere descritto come Sadist 2.0 », commenta Talamanca. « Non è un vero e proprio album a tema nel senso classico dell’espressione, nonostante il fatto che la maggior parte dei testi siano in qualche modo collegati. Alcuni di essi sono vere e proprie storie dell’orrore e l’intero album suona davvero inquietante. Tutti noi amiamo la copertina, che amplia questa sensazione ».

 

FORMAZIONE
Trevor Sadist – voce
Tommy Talamanca – chitarra, tastiere
Jeroen Paul Thesseling – basso
Romain Goulon – batteria

SADIST in rete
Website: http://www.sadist.it
Facebook: https://www.facebook.com/sadstofficial/
Instagram: https://instagram.com/sadist_progdeathmetalband
YouTube: https://www.youtube.com/user/Sadistribe
Spotify: https://open.spotify.com/artist/3dmVTaRcdhzAJR0FOvKCDt

Agonia Records:
Website: https://agoniarecords.com
Webshop: https://agoniarecords.com/store
Facebook: https://facebook.com/agoniarecords
Twitter: https://twitter.com/agoniarecords
SoundCloud: https://soundcloud.com/agoniarecords
Bandcamp: https://agoniarecords.bandcamp.com
Instagram: https://instagram.com/agoniarecordsofficial
YouTube: http://youtube.com/AgoniaRec

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.