WARDRUNA – Kvitravn con First Flight Of The White Raven

Titolo: Kvitravn più First Flight Of The White Raven
Autore: Wardruna
Nazione: Norvegia
Genere: Musica Tradizionale, Musica Etnica
Anno: 2021 e 2022
Etichetta: By Norse Music, Music For Nations / Columbia Germania, Sony Music

Formazione:

NON CONFERMATA

Einar Selvik: voce solista, taglharpa, kraviklyre, bukkehorn, percussioni

Lindy-Fay Hella (turnista): voce solista
HC Dalgaard (turnista): tamburi, piatti, percussioni, cori
Eilif Gundersen (turnista): bukkehorn, lur, flauto, cori
Arne Sandvoll (turnista): percussioni, cori
John Stenersen (turnista): moraharpa


Tracce:

KVITRAVN
01.   Synkverv
02.   Kvitravn
03.   Skugge
04.   Grá
05.   Fylgjutal
06.   Munin
07.   Kvit Hjort
08.   Viseveiding
09.   Ni
10.   Vindavlarljod
11.   Andvevarljod


 

FIRST FLIGHT OF THE WHITE RAVEN
01.   Kvitravn
02.   Skugge
03.   Solringen
04.   Bjarkan
05.   Raido
06.   Voluspá
07.   Isa
08.   UruR
09.   Grá
10.   Vindavlarljod
11.   Rotlaust Tre Fell
12.   Fehu
13.   Helvegen


Voto del redattore HMW: 9/10
Voto dei lettori:
Ancora nessun voto. Vota adesso!
Please wait...

Visualizzazioni post:97

Come anticipato nell’articolo di quindici mesi fa, la strada intrapresa da Wardruna è già commercialmente rivolta ad un uditorio più esteso di quanto risiede(rebbe) nella natura della sua musica. Sicché un anno fa arrivò anche per lui il momento del concerto per un pubblico che esiste solo all’altra estremità della linea wi-fi: una diretta in rete. Iniziative squallide, che solo tempi squallidi come i correnti hanno potuto partorire; pandemia o non pandemia. Ma tant’è.
Wardruna vende tuttavia cara la pelle ed ha mantenuto intonse le tracce della registrazione, senza magici ritocchi posteriori, ed è dunque possibile condividere (PER UNA VOLTA contestualizziamo questo verbo correttamente, vi va?) al meglio i sentimenti, i movimenti e le vibrazioni degli artisti che consegnano una porzione di sé.

La scaletta di quel ventisei marzo 2021 colse brani da ciascun album di Selvik e, Signori miei, con un repertorio del genere, Voi capite bene che è improbabile andare a vuoto. La musica risucchia in un vortice fumoso di liturgia pagana, di Natura umida e odorosissima. Un’adunanza di sciamani distilla secoli di ritualità in settanta minuti scarsi di incensi obnubilanti.
La magnetica “Kvitravn” e la muschiosa “Skugge”, il rituale di “Solringen” – sciaguratamente castrata di buona parte della sua lunga introduzione – sino alla lunga fascia forse più intensa del programma, fascia che si apre con “Voluspá”, eseguita nella versione di Skald (ergo dal solo Selvik), e si chiude con “Rotlaust Tre Fell”. Ahimè, “Isa” e “UruR” risultano anch’esse imperdonabilmente scremate di minutaggio prezioso.

Sarebbe bello che Wardruna riuscisse a veicolare un messaggio che è più grande della sua pur immensa musica, più importante di qualunque concerto, più importante di qualunque pubblicazione discografica. Non smetter mai di tentare, Einar.

P. S.
Pur se la promozione pare star evidenziando questo disco solamente come la stampa audio della suddetta esibizione, trattasi in realtà di una variante di Kvitravn con un secondo dischetto, riservato al concerto. Indi il titolo doppio: questo è Kvitravn più First Flight Of The White Raven.

 

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.