HELL IN THE CLUB – Kamikaze 10 Years In The Slums

Titolo: Kamikaze (10 Years In The Slums)
Autore: Hell In The Club
Nazione: Italia
Genere: Hard Rock
Anno: 2022
Etichetta: Frontiers Records

Formazione:

Dave: voce

Andy: basso

Picco: chitarra

Marco: batteria


Tracce:

01. Kamikaze
02. 10 Years In The Slums
03.  He’s Back (The Man Behind The Mask)
04. Chainsaw Charlie (Murders In The New Morgue)
05. In Your Eyes – 2021


Voto del redattore HMW: 7,5/10
Voto dei lettori:
Ancora nessun voto. Vota adesso!
Please wait...

Visualizzazioni post:89

Gli Hell In The Club sono uno dei migliori gruppi di hard rock melodico italiani. Da più di un decennio non sbagliano un colpo e ora offrono ai loro appassionati infernali quest’EP dal titolo esplosivo di Kamikaze – 10 Years In The Slums. L’anniversario è caduto in realtà l’anno scorso (Let The Games Begin è del 2011) ma per via della pandemia il club italico ha dovuto posticiparne la pubblicazione. L’album è stato lanciato digitalmente il mese scorso, mentre a giugno vedranno la luce in vinile e addirittura la cassetta in edizione limitata.

« Siamo sollevati di poter finalmente annunciare questo EP. Abbiamo pensato che sarebbe stato bello celebrare il decimo anniversario del nostro primo album Let The Games Begin pubblicando qualcosa di nuovo. Non un nuovo album, ma qualcosa con cui potremmo fare il punto su dove siamo ora, dieci anni dopo aver iniziato il nostro viaggio. Quindi insieme alla Frontiers abbiamo progettato questo piccolo e simpatico EP che include due brani nuovi di zecca (“Kamikaze” e “10 Years In The Slums”), una cover di Alice Cooper, un’altra dei W.A.S.P. e una versione rielaborata di “In Your Eyes”, una traccia che amiamo così tanto che fu pubblicata come extra sulla versione giapponese del nostro primo album. Per quanto riguarda le cover, abbiamo scelto “He’s Back” di Alice Cooper (già pubblicata come speciale singolo digitale per la Vigilia di Ognissanti) e, soprattutto, “Chainsaw Charlie” dei W.A.S.P. poiché eravamo tutti d’accordo sul fatto che The Crimson Idol fosse sicuramente uno dei nostri album preferiti. Il piano era di pubblicarlo esattamente dieci anni dopo il primo album, quindi nel 2021; ma a causa della situazione prevalente causata dalla pandemia di covid-19, il processo di produzione dei vinili ha subito diverse interruzioni. Quindi siamo stati costretti a rimandarlo nuovamente e poi ancora ».

Il gruppo mantiene la stessa formazione dell’ultima fatica in studio, Hell In The Fame (2020), ovvero Davide Moras (Elvenking) alla voce, Andrea Buratto (Eternal Idol e Secret Sphere) al basso, Marco Lazzarini (Secret Sphere e Archon Angel) alla batteria e Andrea Piccardi alla chitarra, mescolando benissimo il tradizionale hard rock e l’heavy metal moderno. Questa praticamente è una formazione nata per divertirsi e per inebriare di piacere l’ascoltatore trascinandolo all’inferno senza via di scampo. In effetti i quattro kamikaze del Bel Paese riescono nell’impresa di far divampare il fuoco nei cuori e nei timpani, offrendo un buonissimo rock and roll di alta qualità e di matrice prevalentemente statunitense. I brani sono scoppiettanti – si veda il singolo ottantiano “Kamikaze”, brano parecchio coinvolgente: una lastra di marmo, pur orecchiabile, caratterizzata da cori immensi e una chitarra graffiante. I quattro diavoli conservano questo velocissimo slancio anche con la successiva “10 Years In The Slums”, celebrativa della loro storia, uno stile quasi punk e che non tralascia il gusto glam e heavy che li ha sempre contraddistinti. Il pezzo riesce a creare degli interessantissimi momenti di atmosfera, grazie a un ritornello che colpisce nel segno. Dave alla voce non si discute: fenomenale come sempre!

La prima cover è “He’s Back (Man Behind The Mask)” di Alice Cooper, tratta dal suo nono album Constrictor (1986), ed è fedele all’originale ma con un po’ di robustezza e spensieratezza in più. La seconda è “’Chainsaw Charlie (Murders In The New Morgue)” dei W.A.S.P., tratta dal quinto The Crimson Idol (1992), e gode di un’interpretazione massiccia, riff taglienti e una sezione ritmica micidiale. Stesso suono, stessa cattiveria, stessa cavalcata metallica e gli stessi incredibili cambi di tempo dimostrano come gli Hell In The Club abbiano tutti gli attributi per essere considerati i migliori in circolazione a livello internazionale.

Dopo una prova superata più che egregiamente, mostrano il loro lato riflessivo e pacato con l’ultima traccia, la romantica ballata “In Your Eyes”. Canzone che, ri-arrangiata in acustico, fu pubblicata come brano esclusivo sull’edizione giapponese del primo album. La nuova veste è migliore perché qui non è più solamente acustica ma gode dell’aggiunta di pianoforte ed archi nonché di un ritornello più vivace ed infervorato.

In definitiva Kamikaze – 10 Years In The Slums è un bellissimo EP, da avere a tutti i costi. Se prima del covid eravate abituali frequentatori del bollente club degli Hell, andate subito a prenotarvi l’ingresso nel più pazzo, divertente e malvagio locale metal italiano di tutti i tempi. Sbrigatevi perché la versione fisica di questo spettacolo è limitata e destinata a pochissimi eletti.

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.