WÖMIT ANGEL – Sadopunk Finland

Titolo: Sadopunk Finland
Autore: Wömit Angel
Nazione: Finlandia
Genere: Thrash Metal, Punk
Anno: 2022
Etichetta: Godz Ov War

Formazione:

Atomic Torment: batteria
J-Violatör: chitarra, cori
Horepreacher: basso, voce

[non dichiarato]: campionamenti

Mr. Speed (ospite): voce aggiunta in “Total Ordeal”


Tracce:

01.   Timöw Legna Eht Fo Tluc – Retributator
02.   Crushing Suffering
03.   Heretic
04.   Stürm-Battalion
05.   Lured Into Red
06.   Mouth Of Darkness
07.   Total Ordeal
08.   Warhead Evocation
09.   The Grey Mother


Voto del redattore HMW: 6/10
Voto dei lettori: 8.5/10
Please wait...

Visualizzazioni post:92

Uno dei modi migliori di essere un clone artistico-musicale è quello così apertamente dedicato da rendere l’esistenza del copiante impensabile senza quella del copiato, così che l’impianto estetico e narrativo del secondo sono presi anch’essi sottobraccio dal primo e lanciano immediatamente, prima che siano le canzoni a farlo, un messaggio preciso all’utente medio di settore. Quando il modello è poi un gruppo scanzonato come gli Impaled Nazarene, allora il gioco funziona ancora meglio e i Wömit Angel (nulla a che vedere coi circa-omonimi danesi) sono faceti quanto basta da crogiolarsi senza pensieri in un mondo di sadismo sessuale, ruminanti sacrìleghi, maschere anti-gas, pratiche blasfeme, armi ed escrezioni di vario ordine di raccapriccio.

Nati nel 2010 (e ci si chiede quanto la loro parabola artistica, una volta sviscerata, risulterebbe simile a quella dei più noti conterranei), la proposta dei Wömit Angel è a questo punto un violento thrash mischiato al punk, con rari picchi che vanno dal death furioso e quasi grind, che caratterizzò appunto i primi IN, a sin una o due puntate verso fraseggi classicamente HM. Dovendo riassumere ulteriormente lo stile dei tre angeli vomitevoli, trattasi di semplice thrash/crust ad ampio raggio. Le bordate sono tante e saranno qui citate, senza desiderio di sminuire le altre, la crudissima “Warhead Evocation”, la D-beat “Total Ordeal”, la bipolare “Lured Into Red” e le spietate “They Grey Machine” e “Mouth Of Darkness”.

La batteria fa schifo, come da prassi.

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.