Charlie Griffiths (Haken) : presenta la title track dell’album solista di debutto “Tiktaalika”


Visualizzazioni post:148

CHARLIE GRIFFITHS, chitarrista dei pesi massimi britannici del progressive metal Haken, ha recentemente annunciato la pubblicazione del suo album di debutto solista “Tiktaalika”, in uscita il 17 giugno 2022 tramite InsideOutMusic. Oggi l’artista inglese presenta la title-track del nuovo lavoro:

Il commento di Charlie:
“Quando ho sentito parlare per la prima volta di ‘Tiktaalik’, ricordo di aver pensato che fosse una bella parola piuttosto ‘metal’ ed è sempre stato nei miei pensieri scrivere qualcosa in merito. Il ritmo naturale della parola è in realtà l’ispirazione per il riff di apertura della melodia. Quando applicato alla chitarra ha un’atmosfera cool alla King Crimson. Dopo quel seme iniziale, la canzone si è presto evoluta in un arrangiamento epico con un occhio di riguardo ad alcuni dei miei chitarristi più formativi come Andy LaRocque, Kirk Hammett, Dave Mustaine e Dimebag Darrell per citarne solo alcuni! Ancora una volta il batterista Darby Todd (Martin Barre, Devin Townsend) ha dato vita a un’incredibile batteria e penso che il mix di Adam ‘Nolly’ Getgood risalti davvero su questa traccia.”

L’artwork di “Tiktaalika” è stato curato da Dan Goldsworthy. L’album sarà disponibile nei formati Ltd CD Edition, Gatefold 180g 2LP+CD e in digitale: https://charliegriffiths.lnk.to/Tiktaalika

1. Prehistoric Prelude
2. Arctic Cemetery
3. Luminous Beings
4. In Alluvium
5. Dead in the Water
6. Digging Deeper
7. Tiktaalika
8. Crawl Walk Run
9. Under Polaris

Questo concept album è stato realizzato in 375 milioni di anni, con le 9 tracce che traggono ispirazione dai temi del tempo geologico, della fossilizzazione, della trasformazione e delle connessioni tra l’umanità e il pianeta in cui viviamo. I testi scritti da Griffiths hanno la voce di alcuni dei migliori cantanti del settore: Tommy Rogers (Between the Buried And Me), Danïel De Jongh (Textures), Vladimir Lalić (Organised Chaos) e Neil Purdy (Luna’s Call).

Oltre a occuparsi di chitarra, Charlie ha seguito le registrazioni di basso, tastiere e su una traccia fa il suo debutto dietro il microfono. Del processo creativo Charlie spiega:
“Ho ripreso in mano la chitarra a 6 corde, che ironicamente è diventata l’opzione più insolita per me, dopo circa 10 anni a scrivere con una chitarra a 8 corde per gli Haken. Mi ha sicuramente portato su un differente livello creativo, con riff dopo riff che sembravano venire in maniera così naturale.  Ho iniziato a formare quei riff in strutture di canzoni e contemporaneamente scrivevo melodie vocali costruendone il concept. È stata una grande forma di evasione dal mio solito ambiente e mi sono divertito molto a farlo”.

L’album vede la partecipazione di una serie di musicisti ospiti: il batterista Darby Todd (Martin Barre, Frost, Devin Townsend), il mago delle tastiere Jordan Rudess (Dream Theater) e il sassofonista Rob Townsend (Steve Hackett). Il commento di Charlie:
“Tutti i musicisti ospiti hanno portato le canzoni ad un altro livello.  Avevo tutto scritto e fatto alcune preproduzioni, così i ragazzi potevano imparare rapidamente le parti, ma ho dato loro libero sfogo. Lo stile di Darby ha portato a qualcosa di inaspettato ai miei riff. E mi sbalordisce il fatto che l’assolo di synth che Jordan ha suonato sia stata la primissima take! Catturare quello spirito di spontaneità all’interno di un pezzo strutturato è sempre molto speciale”.

“Tiktaalika” è stato mixato da Adam ‘Nolly’ Getgood e masterizzato da Ermin Hamidovic.

CHARLIE GRIFFITHS online:
https://www.instagram.com/charliegriffithsguitar/
https://www.youtube.com/c/CharlieGriffiths
https://www.facebook.com/charlie.griffiths.guitarist

https://linktr.ee/charliegriffiths
https://charliegriffiths.com/

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.