EPITAPHE – II

Titolo: II
Autore: Epitaphe
Nazione: Francia
Genere: Death Metal Progressivo
Anno: 2022
Etichetta: Aesthetic Death

Formazione:

AG: batteria, flauto, marimba
LB: chitarra, basso, sintetizzatore analogico, effetti speciali
PB: voce solista, sassofono


Tracce:

01.   Sycomore
02.   Celestial
03.   Melancholia
04.   Insignificant
05.   Merging Within Nothingness


Voto del redattore HMW: 8,5/10
Voto dei lettori: 6.8/10
Please wait...

Visualizzazioni post:127

Questo potrebbe essere uno degli album di death metal progressivo dell’anno. Forse finanche uno degli album dell’anno tout court. Una promessa taciuta e mantenuta. Difficile pensare di far di meglio in questo campo – un campo minato, fatto di facilonerie, di dilatazioni poco o per nulla sentite, di contrasti perché è à la page squaderdarne. Perché i valori di tutto sono sovvertiti e, franchezza per franchezza, perché rigettare l’abuso di iperboli fa comunque di II un capolavoro. Quando controllo e misura fanno rima con ricchezza di idee, finezza di soluzioni e somma esecuzione, il risultato non può che essere di oggettiva eccellenza. La sola “Celestial” dovrebbe fare – farà! – venire i brividi (d’invidia?) ad Åkerfeldt e compagnia.

Il batterista è un folle, un invasato; un mago dello strumento. Un falegname che lima e ri-lima, che piega e gratta. Che ama il legno e lo cavalca e lo percuote. Per una volta, piatti e tamburi non vengono distrutti da una produzione commerciale e disgustosa: se ne percepiscono l’aria e i muscoli che la fendono, il bronzo e lo stagno. L’unico chitarrista si occupa di due parti diverse ed è proprio come una di quelle lerce coppie di asce rock che suonano complementari con disarmante naturalezza. La voce passa dal pulito (ma nessuna porcheria pop-melodica) al ruvido gutturale, al declamatorio, allo sporco grattato. Nessun passo falso. Nemmeno uno lungo tre pezzi di quasi venti minuti e due che vivono per sei in tutto.

I pezzi son fatti di velocità e giri death americani di quelli cattivi di una volta, parti atmosferiche, rallentamenti magmatici e sezioni acustiche. Senza che l’una irrompa nell’altra senza costrutto, ma come se la Natura stessa lo avesse pianificato da millenni. La Natura – sì: protagonista di una grafica stupenda. Di una copertina priva di didascalie. Fotografie sfocate. Prima la Natura, poi l’Arte, poi l’uomo. Senza irruzioni. Il giusto ordine delle cose.

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.