Holy Dragons : annunciano il nuovo album “Jörmungandr – The Serpent Of The World”


Visualizzazioni post:197

La band heavy/speed/power metal HOLY DRAGONS è pronta a tornare con un nuovo disco! “Jörmungandr – The Serpent of the World” – questo è il nome dell’album – verrà pubblicato il 1 Luglio! Questo sarà il sedicesimo album per la band kazaka, il quinto pubblicato sotto le ali di Pitch Black Records

Le 12 tracce dell’album – lontane da un approccio “radio edit” – catturano gradualmente l’ascoltatore con un arsenale fatto di velocità, melodie e assoli. Questo è il secondo album con la chitarrista e frontwoman Thora Thorheim, capace di usare la propria voce come un’aggiunta al tappeto strumentale in un modo unico e diverso da tutte le altre cantanti femminili (che cantano in stile operistico o growl). Thorheim canta in modo piuttosto grezzo e aspro, rendendo le canzoni più crude ed esplosive e sicuramente più old-school.

“Jörmungandr – The Serpent of the World” è stato registrato, mixato e masterizzato presso i HDR Studios in Kazakhstan da Jürgen Thunderson. L’album sarà disponibile nei formati CD, streaming e digital download su https://www.pitchblackrecords.com/

Line-up: 

Chris “Thora Thorheim” Caine – Voce, Chitarra

Jürgen “Stratomaniac” Thunderson – Chitarra, Cori

Ivan Manchenko – Basso

Zabir Shamsutdinov – Batteria

HOLY DRAGONS Online:

Facebook

Twitter

Pitch Black Records

Bio HOLY DRAGONS 

Gli HOLY DRAGONS si sono formati nel 1992 nell’allora capitale Almaty (dal 1997 Astana ha sostituito Almaty come capitale del Kazakistan) da Jürgen Thunderson e dal cantante Oleg “Holger” Komaroff. La band divenne probabilmente la prima band metal prodotta dal Kazakistan. Da quel momento, la formazione ha subito notevoli cambiamenti con Thunderson che è rimasto l’unico membro costante.

Il primo demo, “Halloween Night” è stato registrato nel 1996, per poi confluire nell’album di debutto, “Dragon Steel” nel 1997. La line-up, piena di talento, ha mostrato un solido heavy metal, su un disco che è stato il primo disco metal nel paese. “Dragon Steel” è stata la prima e ultima uscita col cantante Anders Kaban, il bassista Gil Sheffield e il batterista Simon, che sono stati sostituiti rispettivamente da Daniel Tron, Steven Drejko e Seva Sabbath. L’album successivo, “Rock Ballads/Dragon Ballads“, ha portato a un video per la canzone “Christmas Time” ed è stato pubblicato senza label, così come il loro terzo album, “House of the Winds” nel 1999. A questo punto, Sabbath ha lasciato la band e Thunderson stesso si è occupato della batteria.

Un anno dopo, gli Holy Dragons pubblicarono il loro quarto album “Thunder in the Night” tramite Dragonight Records. Il disco conteneva alcuni solidi lavori di produzione che rappresentavano un suono molto più chiaro rispetto ad alcuni dei lavori precedenti. Nello stesso anno fu pubblicato il demo “Warlock“, seguito da “Judgment Day” nel 2003. L’album ha segnato l’inizio del periodo in lingua russa della band e ha visto il debutto del nuovo vecchio cantante Holger Komarov, così come il loro primo LP come trio. La decisione della band di utilizzare il russo per gli album è stata mostrata di nuovo nel sesto album, “Twilight of the Gods“, pubblicato nel 2004. Il disco ha ricevuto alcuni dei migliori feedback della loro carriera fino ad oggi, con alcuni fan che lo hanno indicato come il loro miglior lavoro.

Dopo “Judgment Day” gli Holy Dragons hanno pubblicato due album nello stesso anno. In effetti, sia “Obitel Vetrov” che “Polunochniy Grom” (versioni in lingua russa di “House of the Winds” e “Thunder in the Night”) sono stati pubblicati lo stesso giorno, il 31 ottobre, in modo abbastanza appropriato. Solo quattro mesi dopo, gli Holy Dragons pubblicarono un album molto ben accolto, “Wolves of Odin“. È stato elogiato per aver mostrato un power metal più grintoso, che è stato riportato all’album successivo, “Black Moon Rising“, che ha ottenuto un feedback eccellente, rivaleggiando con gli elogi che la band ha guadagnato per “Twilight of the Gods“. Questi due dischi sembravano far parte di una trilogia di preferiti dai fan, che si è conclusa nel 2007 con l’uscita di “Labyrinth of Illusions“.

Dopo il successivo album “Iron Mind” Holger Komarov ha deciso di lasciare il ruolo di cantante. Successivamente è stato sostituito da un frontman noto solo come The Zerstorer, che si è esibito negli album “Runaway 12” e “Zerstorer – The Chapters of World War III“. Questo fu il suo ultimo disco con la band, dato che fu sostituito subito dopo da Ian Breeg, un socio dei membri dei Rhapsody of Fire, Oliver e Alex Holzwarth. Nell’ottobre 2014, l’etichetta cipriota Pitch Black Records pubblica un nuovo album chiamato “Dragon Inferno“. In questo album, la band ha scommesso sulle sperimentazioni con la voce: oltre al cantante principale Alexandr Kuligin, questo album comprendeva anche due cantanti ospiti, Sergey Zubkov e Artemiy Ryabovol. L’album contiene 11 tracce, quattro delle quali sono state pubblicate nei singoli “Majestic 12” e “Three Ways of Genocide” nel 2012 con la voce di Ian Breeg. L’uscita del 2014 degli Holy Dragon è stata premiata come “disco dell’anno in Kazakistan” dal blog Global Metal Apocalypse ed è stata inclusa nella compilation Global Metal Apocalypse GMA HQ 2014 con la traccia “Black Moon Rising”.

Nel 2015 (in formato online a distribuzione gratuita) è stato pubblicato un EP di cinque canzoni “Dragon Inferno Outtakes“, che includeva le versioni non incluse delle canzoni dell’album “Dragon Inferno”. Il 15 aprile 2016, la band ha pubblicato il nuovo album “Civilizator” tramite Pitch Black Records. Il chitarrista della band Thora Thornheim alias Chris Caine ha debuttato come cantante nei concerti nell’aprile 2015. Alexandr Kuligin, che non si è mai esibito come frontman della band dal vivo, se n’è andato poco dopo l’uscita di “Civilizator”. Nell’autunno 2018 la band ha terminato le registrazioni di un nuovo album “Unholy and Saints” pubblicato da Pitch Black Records nel 2019, con Thora Thornheim alla voce.

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.