ENTRAILS – An Eternal Time Of Decay

Titolo: An Eternal Time Of Decay
Autore: Entrails
Nazione: Svezia
Genere: Death Metal
Anno: 2022
Etichetta: Hammerheart Records

Formazione:

Jimmy Lundqvist: Chitarra
Pontus “Penki” Samuelsson: Basso, Voce
Arvid Borg: Batteria
Markus Svensson: Chitarra


Tracce:
  1. An Eternal Time of Decay 01:44
  2. Die to Death 04:01
  3. Fear the End 05:08
  4. The Dead 03:56
  5. Slayed to a Pile of Flesh 04:19
  6. Open Casket Feast 04:04
  7. Dead by Evil 05:40
  8. Inverted Graveyard 04:08
  9. Autopsy 05:16
  10. Reborn in Worms 03:37
  11. Possessed 04:22

Voto del redattore HMW: 7/10
Voto dei lettori:
Ancora nessun voto. Vota adesso!
Please wait...

Visualizzazioni post:96

Scapocciate. Suoni marci. Chitarroni protagonisti. Voce dall’oltretomba. “Tupa-tupa” come stile di vita.

Ecco, il nuovo lavoro degli Entrails è tutto qui. E potrei fermarmi altrettanto qui, perché descrivere un disco del genere è quasi superfluo, ma ci proviamo lo stesso.

Attivi dal 1990, ma realisticamente produttivi a partire dal 2009, i nostri, a partire dal logo evidentemente figlio dei maestri Entombed, hanno sempre pubblicato lavori che rientrano in quel calderone di death metal svedese i cui canoni sono ben conosciuti da tutti.

Pur prendendo spunto, qui e là, da tutto e tutti, gli Entrails sono comunque riusciti a costruirsi un suono, uno stile e un pubblico personali e, tutto sommato, riconoscibili. Sfornando sempre prodotti canonici, ma piacevoli.

Un death metal diretto, molto semplice come struttura, dove la forma canzone ha contorni ben chiari e i ritornelli sono sempre il piatto forte del pezzo : Death Metal vecchia scuola, “Stockholm style”. A partire dal battagliero singolone “Die to Death” (titolo emblematico).

Pur non inventando proprio nulla, questo An Eternal Time Of Decay riesce a farsi apprezzare nel marasma di pubblicazioni di genere che ci troviamo a ricevere, perché, in fondo, le idee non mancano e il risultato finale è tutto ciò che un ascoltatore chiede.

Quindi con il loro proprio stile, senza stufare e portando in dote la giusta attitudine, ne esce un disco piacevole e fresco.

Se il vostro obbiettivo prevedeva almeno una delle caratteristiche citate all’inizio, anche questa volta, Jimmy Lundqvist e compagni centrano il bersaglio e ci portano nel loro mondo, senza strafare, ma dandoci quello che un disco death deve offrire.

Buona putrescenza!

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.