BOX – Cherry Blossoms At Night

Titolo: Cherry Blossoms At Night
Autore: Box
Nazione: Stati Uniti D'America (Oregon)
Genere: alternative metal/dark wave
Anno: 2022
Etichetta: Miserable Pyre Of Secrets Records

Formazione:

Andrew Stromstad: Tutti gli strumenti e voce
Spenser Hodge: Assolo di chitarra su “Cherry Blossoms at Night”, composizione e produzione di “Liberate”.
Curtis Vodka: Composizione e produzione di “Spread”.


Tracce:

01. Succumb
02. Pulse
03. Soft Is The Motion
04. Cherry Blossoms At Night
05. Lifetaker
06. Spread
07. Devayne’s Lament
08. Liberate

Durata totale: 41:28


Voto del redattore HMW: 7,5/10
Voto dei lettori: 10.0/10
Please wait...

Visualizzazioni post:151

È plausibile immaginare che il nome assunto da questo progetto (Box, “scatola”) faccia riferimento al grande insieme di soluzioni adottate nelle otto canzoni presenti e poste nel medesimo contenitore, qui denominato Cherry Blossoms At Night. D’altronde sin dal primo ascolto completo del disco è facilmente riscontrabile un insieme di stravolgimenti che a partire dall’iniziale “Succumb“, brano assolutamente feroce alla maniera di un certo thrash/black metal oggi forse meno battuto rispetto al passato, sino alla conclusiva “Liberate“, immersa in atmosfere delicate e digitali, dipana un percorso unico ed originale, frutto della mente di Andrew Stromstad – qui responsabile della quasi totalità del prodotto, eccezion fatta per gli episodi “Spread” e la già citata traccia finale, ad opera rispettivamente di Spenser Hodge e Curtis Vodka.

L’elemento peculiare di questa opera risiede nell’anti-climax che si sviluppa attraverso poco più di quaranta minuti, dettato da un graduale alleggerimento del suono e dall’aggiunta di elementi come tastiere e sintetizzatori atti a portare l’ascoltatore in un periodo storico passato, dove nelle discoteche alternative era possibile ballare al ritmo di dark e synth wave. Il risultato è godibile e prendendo, ad esempio, “Cherry Blossoms At Night” e la seguente “Lifetaker” è possibile farsi una buona idea della natura delle composizioni e della concettualità antestante alle stesse: oscura e tragica, per l’appunto.

Ciò che scaturisce dalle idee di Stromstrad rappresenta una fuga da un modo canonico di intendere il metal e per questo risulta semplice premiare gli sforzi compiuti. Notare bene: non basterà un solo ascolto a convincervi!

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.