AB UNO – Les Gens De Mogador

Titolo: Les Gens De Mogador
Autore: Ab Uno
Nazione: Italia, Germania
Genere: Ambient, Musica Per Film
Anno: 2022
Etichetta: Dornwald

Formazione:

Eugenio Petrarca
Roberto Di Ciaccio


Tracce:

01. Buried Under The Sand
02. Le Vendeur De Lames
03. Fishermen’s Bay

04. Vanishing Desert Geometries
05. Plan D’Immanence
06. Isawiyya
07. Grainy Ruins Become Pillars


Voto del redattore HMW: 7,5/10
Voto dei lettori: 9.0/10
Please wait...

Visualizzazioni post:130

Se la vacuità avesse un volto, se il tempo un nome e lo spazio una vita. Il corrispettivo desertico di come precedenti ed impalpabili generazioni hanno discorso della pietra, della notte, il cosmo, i fiumi, le foreste ed i ghiacci. E loro di esse. Sarebbe forse non dissimile da Les Gens De Mogador – così chiamarono Essaouira i Portoghesi nel VII secolo e così è rimasto da allora in berbero (ⵎⵓⴳⴰⴹⵓⵔ / Mugadur). Lì ha condotti Petrarca e Di Ciaccio il loro peregrinare di ricerca e – chissà? – magari di fuga. Lì imbrigliati gli echi di un sole bruciante e i suoi consunti figliastri. Tremori elettronici e fasci pelagici.

Laddove il soffio di James Plotkin par radicare “Vanishing Desert Geometries” (ve l’immaginate eseguita da un’orchestra?) e “Fishermen’s Bay” si soffonde di quello e di oceano, un vociare sconnesso e frammenti industrialoidi costellano “Isawiyya” mentre “Buried Under The Sand” osa aspirazioni peteranderssoniane.

Non un disco per il fracasso di quartiere né per cafonate del sabato sera.

الصويرة / ⵎⵓⴳⴰⴹⵓⵔ / Essaouira. Terra di conquista, di culture che si intrecciano, si corrompono, commerciano, decadono, rinascono e nuovamente crollano. Il ciclo della vita, deformato dall’occidentalità. Terra aperta. Di silenzi e suoni. Gli Ab Uno ne catturano la Natura e la natura; ahimè, le arsure. Come a tutto, concedetegli tempo.

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.