FINNTROLL + Skálmöld + Brymir


Visualizzazioni post:247

FINNTROLL + Skálmöld + Brymir
EVENTO:  FINNTROLL + Skálmöld + Brymir
LUOGO: Legend Club, Milano
DATA: 26.11.2022

Sabato sera impetuoso quello del 26 novembre al Legend Club di Milano insieme ai Finntroll, finalmente in tour per promuovere l’ultimo disco “Vredesvävd” uscito nell’ormai lontano settembre 2020; come si suol dire, meglio tardi che mai! L’occasione è allettante per gli appassionati del genere folk, che ne approfittano per rivedere dal vivo anche gli islandesi Skálmöld. Si aggiungono alla comitiva anche i Brymir, gruppo finlandese relativamente giovane, che negli ultimi anni ha riscosso un discreto successo sulla scena melodic death e che con questa serie di concerti insieme ai Finntroll è una novità assoluta sui palchi italiani. 

 

Si comincia col botto: i Brymir attaccano con “Voices in the Sky” e si assicurano immediatamente l’interesse di tutti i presenti. Questi ragazzi hanno energia da vendere e la loro formula, che potremmo definire extreme melodic death farcita di potenti cori maestosi, rende la loro proposta immediata e facilmente fruibile. In questo modo, richiamare i primi circle-pit della serata risulta un gioco da ragazzi e in breve, anche se il locale non è ancora del tutto pieno, la temperatura sale, specialmente sui pezzi più aggressivi come “Forged In War” e “Borderland”. Qualche breve intermezzo per accattivarsi gli spettatori è indispensabile per questi musicisti che dimostrano di divertirsi sinceramente, senza però andare mai ad intaccare l’esecuzione dello spettacolo, che si chiude in bellezza  con “Wings Of Fire”. Siamo certi che rivedremo presto i Brymir, che oggi hanno conquistato nuovi seguaci.

Scaletta Brymir
Voices in the Sky
Landfall
Ride On, Spirit!
Starportal
Forged in War
Fly With Me
Borderland
Wings of Fire

Sorridenti e pacifici, gli Skálmöld si apprestano ad eseguire un cambio di palco fai da te in tutta tranquillità, come se si preparassero a suonare nel salotto di casa, per poco dopo ritornare in pompa magna e senza fare troppe chiacchiere sulle note di “Gleipnir”. La professionalità di artisti già ben consolidati, che sa esattamente cosa dare in pasto al proprio pubblico, è il segreto per un’esibizione impeccabile, che scorre liscia senza troppi fronzoli. Acclamatissima l’esecuzione della leggendaria “Miðgarðsormur”, accompagnata a gran voce dai presenti, che nel frattempo sono aumentati di numero e hanno ancora più voglia di pogare e divertirsi; il sestetto islandese non li delude ed esalta tutti fino all’ultimo brano (la famosa “Kvaðning”), uscendo di scena trionfanti.

Scaletta Skálmöld
Gleipnir
Brúnin
Narfi
Mara
Miðgarðsormur
Niflheimur
Móri
Niðavellir
Að vetri
Kvaðning

L’atmosfera si è fatta più tenebrosa, così come le musiche più losche e misteriose, quando tra il fumo vediamo comparire i troll finlandesi che senza indugio danno il via alle loro oscure danze con un pezzo tratto dall’ultimo disco, “Att Döda Med En Sten”. Subito ci accorgiamo che i suoni non sono ben bilanciati e che voce e chitarre sono sovrastati dalla batteria e dal basso, ma fortunatamente dopo il primo paio di brani l’equalizzazione viene sistemata e possiamo goderci il concerto. Ci dispiace constatare che mancano all’appello due membri: il chitarrista Routa che si è assentato per qualche data del tour è sostituito egregiamente da Baldur Ragnarsson degli Skálmöld, che per l’occasione veste i panni del troll Djaldur, mentre l’assenza di Virta alle tastiere è sopperita (purtroppo) da melodie registrate. Poco male, perché il carisma dei musicisti presenti è sufficiente a scuotere il pubblico: il Legend Club, ad esclusione della prima fila in transenna e di qualcuno che si salva sul fondo del locale, viene trasformato in un’arena selvaggia di pogo e “scapocciamenti” scatenati. La serata prosegue a gonfie vele e il gruppo riesce a toccare tutti gli album della loro carriera, passando da canzoni storiche come “Fiskarens fiende” e “Nattfödd”, alle canterine “Trollhammaren” e “Under Bergets Rot”, per concludersi con il duo vincente “Jaktens tid” e “Midvinterdraken”. Con una scaletta che mette d’accordo tutti i fan, i Finntroll dimostrano ancora una volta di essere una band forte in sede live. Musicalmente potranno piacere a chi più e a chi meno, ma se c’è qualcosa di cui possiamo essere sicuri è quello che ci hanno tramesso questa sera: puro divertimento.

Scaletta Finntroll
Att Döda Med En Sten
Nedgång
Ylaren
Människopesten
Den frusna munnen
Solsagan
Svartberg
Slaget vid blodsälv
Fiskarens fiende
Ormfolk
Nattfödd
Trollhammaren
Skogsdotter
Mask
Under bergets rot
Jaktens tid
Midvinterdraken

Brymir

Skálmöld

Finntroll

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.