DEATHLESS LEGACY – Mater Larvarum

Titolo: Mater Larvarum
Autore: Deathless Legacy
Nazione: Italia
Genere: Horror Metal
Anno: 2022
Etichetta: Scarlet Records

Formazione:

Steva – voce
Sgt. Bones – chitarra
Alex van Eden – tastiere
Deadwood Nick – basso
Frater Orion – batteria
Revyla – performance dal vivo


Tracce:

1. Ora Pro Nobis
2. Nightfall
3. Hollow
4. Fade Into The Dark
5. The Coven
6. Absolution
7. Moonless Night
8. Queen Of The Infernal Pantheon
9. Altar Of Bones
10. Run
11. Mater Larvarum


Voto del redattore HMW: 9/10
Voto dei lettori: 8.8/10
Please wait...

Visualizzazioni post:151

Tenaci e infaticabili, i nostrani Deathless Legacy pubblicano Mater Larvarum, sesto disco della loro carriera, di cui questo tenebroso e seducente racconto in chiave horror metal è il fiore all’occhiello. Il gruppo è evidentemente maturato nel corso degli anni, reduce dall’aver sperimentato la loro arte in molteplici forme tra musica, letteratura e teatrali esibizioni dal vivo. E se l’esperienza paga, la passione ancor di più, perché quello che si respira all’ascolto è la volontà di voler creare, come sempre, qualcosa di più di una semplice sequenza di buone canzoni.

I due singoli rilasciati per l’occasione, “Ora Pro Nobis” e “Absolution”, possiamo considerarli efficaci emblemi di tutto l’album: potenti brani dai riff energici che culminano in ritornelli indimenticabili e che muovendosi tra cupe atmosfere gotiche, riescono a brillare alle nostre orecchie. Magnifica Steva che alla voce compie un lavoro squisito, avvolgendoci con il suo timbro versatile, caldo e affascinante, interpretando ogni pezzo con sentimento. L’accuratezza nell’impiego delle tastiere è la ciliegina sulla torta: dalle melodie più sinfoniche all’organo, accompagnano tutte le tracce aggiungendo elementi caratterizzanti e ingegnosi. Altrettanto memorabile è “Hollow”, mentre “The Coven” e “Queen Of The Infernal Pantheon” sono apprezzabili tra i momenti più heavy. Non mancano quelle che potremmo considerare delle colonne sonore horror, come “Altar of Bones” e la stessa “Mater Larvarum”.

Questo album fa per voi se amate l’heavy metal e il gothic senza fronzoli, arricchiti da componenti progressive e, perché no?, un po’ industrial. Parliamo infatti di un’opera che è sì oscura ma estremamente fruibile, senza risultare troppo ovvia o banale. Per apprezzare appieno tutto il lavoro che si cela dietro questo ben curato concept occulto, vi consigliamo anche una visita al sito ufficiale del gruppo, per scoprire le cose curiose che questi artisti offrono ai loro accoliti. Tanto di cappello ai Deathless Legacy.

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.