RONNIE ROMERO – Raised On Heavy Radio

Titolo: Raised On Heavy Radio
Autore: Ronnie Romero
Nazione: Cile
Genere: Hard Rock
Anno: 2023
Etichetta: Frontiers Records

Formazione:

Ronnie Romero: voce
José Rubio: chitarra
Javi Garcia: basso
Andy C: batteria
Alessandro Del Vecchio: tastiera

Musicisti aggiuntivi:
Alfredo Alonso: assolo di chitarra in “Metal Daze”
Nozomu Wakai: assolo di chitarra in “Turbo Lover”
Gus G.: assolo di chitarra in “No More Tears”
Chris Caffery: tutte le chitarre in “Shining”
Roland Grapow: chitarra solista in “Kind Hearted Light”
Corina Minda: corista in “Metal Daze”, “Fast As A Shark” e voce parlata in “No More Tears”


Tracce:

01. The Battle Rages On (Deep Purple cover)
02. Metal Daze (Manowar cover)
03. Turbo Lover (Feat. Nozomu Wakai) (Judas Priest cover)
04. Hallowed Be Thy Name (Iron Maiden cover)
05. Fast As A Shark (Accept cover)
06. No More Tears (Feat. Gus G.) (Ozzy Osbourne cover)
07. The Shining (Feat. Chris Caffery) (Black Sabbath cover)
08. A Light In The Black (Rainbow cover)
09. Kind Hearted Light (Feat. Roland Grapow) (Masterplan cover)
10. You Don’t Remember, I’ll Never Forget (Yngwie Malmsteen)
11. The Four Horsemen (Metallica)
12. Turbo Lover (Alternate Solo Version) (Judas Priest cover) Digital Bonus Track


Voto del redattore HMW: 6/10
Voto dei lettori: 3.5/10
Please wait...

Visualizzazioni post:274

A distanza di un anno dall’uscita dell’inaspettato Raised On Radio, che raccoglie le canzoni preferite da Ronnie e quelle con le quali è cresciuto, esce di nuovo a sorpresa l’ennesimo disco di cover intitolato: Raised On Heavy Radio. Qui il cileno continua a proporre una serie di brani che hanno un grande significato per la sua crescita artistica e che lo hanno portato verso l’importante e attuale carriera musicale.

L’album rende quindi omaggio a gruppi e artisti leggendari del mondo metal come Ozzy Osbourne, Black Sabbath, Dee Purple, Judas Priest, Iron Maiden, Masterplan, Manowar, Metallica e Yngwie Malmsteen. Gli ospiti che accompagnano l’eccellente cantante sono pezzi da novanta: Gus G. (Firewind, Ozzy Osbourne), Chris Caffery (Savatage, Spirits Of Fire), Roland Grapow (Masterplan, Helloween) e Nozomu Wakai (Destinia, Sigh). A questi bisogna aggiungere la formazione di supporto che la Frontiers ha affibbiato a Ronnie, ovvero l’amico Alessandro Del Vecchio alla tastiera e alla produzione, Jose Rubio alla chitarra che sostituisce Srdjan Brankovic (presente nel primo disco), Javi Garcia al basso, e Andy C alla batteria.

Il platter è quindi una seconda parte o un continuo di Raised On Radio, che sinceramente non porta nulla di nuovo nella crescita artistica di Romero. Con questa seconda scorpacciata il musicista mette in mostra il suo amore per la musica metal, per la quale è molto conosciuto in giro per il mondo. Pura operazione commerciale con pezzi di gruppi importanti dalla sonorità pesante e massiccia, come solo il classico heavy metal può offrire ma che alla resa dei conti è solo un cimelio per i supporters accaniti del bravissimo sudamericano e niente più. Certo, la classe e la bravura di Ronnie sono ineccepibili e le sue imbattibili corde vocali sono ormai un marchio di fabbrica e abbastanza riconoscibili, nonostante la timbrica si avvicini moltissimo a quella dell’indimenticabile Ronnie James Dio.

Le sue abilità e le sue qualità vocali lo hanno portato ad essere l’uomo della svolta per il ritrovato Ritchie Blackmore ma anche per le formazioni rock con le quali canta o si è esibito in passato. Attualmente presta i suoi servigi nei Lords Of Black, nei Sunstorm, nei The Ferrymen e nel gruppo di Michael Schenker, ma tutti lo vogliono e lo cercano perché ha una delle più belle voci in circolazione nel mondo del rock. In conclusione, tutte e dodici le canzoni suonano alla grande rispettando molto i brani originali e questo perché il frontman cileno, onestamente, mette l’anima e il cuore nella sua fantastica esibizione, circondato poi dà ottimi e tecnicissimi musicisti internazionali.

Non descrivo le singole canzoni perché famose e, spero, conosciute da tutti, lasciandovele gustare tranquillamente ed energicamente in auto, in casa o in palestra. Ronnie Romero è uno dei pochi cantanti che può coprire qualunque tonalità vocale con stile, disinvoltura e senza apparente fatica ma al quale consiglio di andare avanti per la sua strada senza farsi condizionare economicamente da nessuno.

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.