BLACK PHANTOM – Horror Paradise

Titolo: Horror Paradise
Autore: Black Phantom
Nazione: Italia
Genere: Heavy Metal
Anno: 2024
Etichetta: Punishment 18 Records

Formazione:

Manuel Malini – voce
Roberto Manfrinato – chitarra
Toni Cacciapaglia – chitarra
Andrea Tito – basso
Ivan Carsenzuola – batteria


Tracce:

01. Sammy The Elf
02. Come Hike With Me
03. War Of Tanks
04. The Headsman
05. A Nightmare
06. I Got The Callback
07. Listen To The Voice
08. Beast On The Loose
09. The Armour Of God
10. J For Jenny


Voto del redattore HMW: 7.5/10
Voto dei lettori: 8.0/10
Please wait...

Visualizzazioni post:540

Recensione scritta da Fabio Perf.

Tornano i milanesi Black Phantom con Horror Paradise, terzo album di inediti. I Nostri proseguono il loro cammino fatto a colpi di metallo più tradizionale e puro.
Il periodo di stop dovuto pandemia (che ha coinciso più o meno con la pubblicazione del secondo album della band, “Zero Hour Is Now”), ha portato i ragazzi a scrivere qualche pezzo per alcuni horror indipendenti e Horror Paradise vuole essere una sorta di omaggio/possibile colonna sonora ispirata a personaggi provenienti dall’immaginario orrorifico.
Il disco si apre con una coppia di pezzi d’impatto: “Sammy The Elf”, che non nasconde affatto la passione per le armonizzazioni maideniane, ti si stampa in testa grazie a un coro ossessivo e a una ritmica roboante; “Come Hike With Me” rimane più o meno sulle stesse coordinate, con un basso “grosso” e molto presente. Anche in questo caso il ritornello risulta vincente grazie all’interpretazione del cantante Manuel Malini che vola alto, specie nel finale.
Non mancano episodi (“War Of Tanks”, “The Headsman”) in cui i ritmi rallentano e il metallo si fa più cadenzato e roccioso, diversificando l’ascolto e dando una certa dinamicità al disco. Anche le chitarre hanno modo di mettersi in evidenza, rafforzando la ritmica ma ritagliandosi spazio altresì in fase solista.
Visto il tema del disco, abbiamo momenti dalle tinte più oscure come “Listen To The Voice” caratterizzata da vocals più arcigne e cattive che si aprono, in parte, solo nel ritornello, pur mantenendo l’aura nera del pezzo. Il solo di chitarra invece è decisamente più caldo e melodico.
“Beast On The Loose” è una sorta di mix Black Sabbath/Iron Maiden, con le chitarre e il mood iniziale che sembrano voler fare il verso alle atmosfere create da Tony Iommi e soci. Col proseguo, le melodie delle chitarre e il coro richiamano maggiormente gli Iron Maiden, creando un “miscuglio” ben concepito.
Il disco si chiude con “J For Jenny”, per il sottoscritto, una delle migliori canzoni di Horror Paradise. Anche questa volta gli echi maideniani sono ben presenti ma il brano si snoda in maniera piuttosto personale con una bella melodia vocale. Ottimo anche l’assolo di chitarra, davvero molto ispirato.
I Black Phantom quindi superano in scioltezza la cosiddetta prova del terzo album e, pur non nascondendo le loro ispirazioni e passioni musicali, riescono a confezionare un disco genuino e adeguatamente personale. Vista la consistente attività live del gruppo, vi consiglio caldamente di vederli in concerto, qualora capitassero nella vostra zona.

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.