Zz

Brant Bjork – Brant Bjork (2020)

Quando la Dali pubblicò quel noto disco rosso nel 1992, Bjork era inconsapevole che avrebbe lasciato il segno nella storia del rock, laddove per ‘storia’ intendiamo variabili misure di riconoscimento popolare, le quali raramente vanno di pari passo coi meriti artistici – di questi sì che, invece, era consapevole! Poi Homme decise che era giunta l’ora di fare un bagno … Leggi tutto

Lucifer – Lucifer III (2020)

Trattare l’ennesima pubblicazione discografica che vede coinvolto il fondamentale ed iper-attivo Nicke Andersson è sicuramente un onore. Andersson è di quelli che ti infondono idolatria. Fui sinceramente colpito quando, da ragazzino, mi resi conto che costui era sì il batterista di uno dei gruppi death metal più squassanti del pianeta, ma era anche responsabile di quasi tutti gli assoli su … Leggi tutto

Grave-T – Silent Water (2020)

Dalle terre di Righeira, Negazione, Circus 2000 e Marco Carena vengono posti alla nostra attenzione i Grave-T. Un merito evidente dei quattro Piemontesi è non aver soffocato il loro disco con eccessivi artifici di studio, offrendoci una credibile finestra su quei tanti mercoledì e venerdì sera trascorsi a macinar note in chissà quale garage poco fuori dal centro. L’onestà è … Leggi tutto

Ross The Boss – Born Of Fire (2020)

L’immarcescibile Ross The Boss è tornato a brutalizzarci le carni equipaggiato dell’arma più letale che la vita gli abbia messo a disposizione: la sua chitarra. Sempre tagliente, sempre arrembante, sempre piena nella sua selvaggia prorompenza. Se con The Dictators contribuì a delineare i contorni del punk primevo, prima che il gruppo collassasse a causa delle solite implicazioni finanziarie e se … Leggi tutto

Tombs – Monarchy of Shadows (2020)

Memore degli sporadici ascolti passati del futurista gruppo nuovaiorchese, ho approcciato questo disco armato di elevate aspettative. Ahimè, la delusione si fa rapidamente largo sin dal brano d’apertura, che dà il titolo al lavoro: “Monarchy Of Shadows”. Dopo un minuto e ventiquattro secondi di dispensabile introduzione – che sarebbe stata meglio impiegata altrove piuttosto che lì dove tutti se l’aspettano … Leggi tutto

Kvelertak – Splid (2020)

Kurt Ballou è uno dei pochi produttori di grido ai quali non aprirei lentamente la faccia in due con una sega da legno (andrebbe decapitato, certo, ma nulla di più cruento). Un discreto incentivo all’ascolto. Almeno si può, per una volta, sospettare che un gruppo sia andato in studio, abbia suonato degli strumenti rock – addirittura davanti a dei microfoni … Leggi tutto

Rosetta – Terra Sola (2020)

Il quintetto della Pennsylvania, di recente transitato in Italia di supporto ai The Ocean (i primi in scaletta erano gli Årabrot), ri-pubblica l’omonimo lavoro presentato nel 2019 in formato incorporeo. Ora edito da Pelagic Records (citofonare The Ocean), questo sedicente EP dei Rosetta non dice un granché a chi non sia già entrato in confidenza con la musica del gruppo. … Leggi tutto

OvO – Miasma (2020)

Ammetto di avere, in passato, considerati gli OvO un’entità fine a sé stessa ed inutilmente provocatrice. Poi è arrivato “Miasma” e non potrei essere più felice di firmare oggi il nostro trattato di pace. Merito dei contributi di Sigillum S (Dorella – cinquanta per cento degli OvO – ne è membro dall’altro ieri), Årabrot e rumoristi assortiti? O forse della … Leggi tutto