Brand New

Questa è la nostra sessione di recensioni. Ci potrete trovare tutti i dischi mainstream, i primi per importanza di etichetta e di vendite. I gruppi più famosi e i nomi più blasonati li troverete qui.

Paragon – Force Of Destruction (2012)

Recentemente mi sono visto costretto a rinunciare ad alcuni dischi che avrebbero potuto essere particolarmente ghiotti per chi scrive: ero appena stato travolto dall’ennesima onda anomala di nuove uscite e non sarei riuscito a garantire una tempistica onesta tra il numero minimo di ascolti ed invio delle rece e, non senza una certa dose di sofferenza, ho tirato dritto per la mia strada lasciando che … Leggi tutto

Totengeflüster – Vom Seelensterben (2013)

Immaginate, per un momento, di ritrovarvi in un luogo oscuro, freddo e maledetto, dominato dalla sola paura della vostra mente. Uno scenario follemente fantasmagorico ed inquietante; è quanto potreste trovarvi a vedere chiudendo gli occhi ed ascoltando ad alto volume l’introduzione “Die Prophezeiung”, prima traccia del debutto “Vom Seelensterben” dei tedeschi Totengeflüster. Fautori di un black metal dalle tinte atmosferico-sinfoniche, questi Totengeflüster deviano dal classico … Leggi tutto

Cayne – Cayne (2013)

Ci sono persone che credono al concetto di “sfortuna” quasi in maniera fisica, come se una mano oscura si mettesse sempre di mezzo, non si sa se per dispetto o perchè “è scritto così” o per altri motivi, in modo da procurare sempre intoppi. Coloro che credono in questo potrebbero certamente portare i Cayne come esempio, perchè la sfortuna pare davvero essersi accanita contro questa … Leggi tutto

Children Of Technology – Mayhemic Speed Anarchy (2012)

Ritornano a noi, direttamente dal futuro post-atomico, gli italianissimi Children Of Technology con il loro carico di rabbiosissimo e velocissimo heavy metal intriso di sonorità punk. Se il precedente e finora unico full-lenght “It’s Time To Face The Doomsday” del 2010 ce li aveva fatti scoprire ecco che questo 7″ ci fornisce un piccolissimo antipasto del nuovo album. L’antipasto come detto è piccolissimo perchè il … Leggi tutto

Subliminal Fear – One More Breath (2012)

Ne sono passati di anni dal precedente “Uncoloured World Dying” datato 2006, e i Subliminal Fear tornano a far sentire il loro death metal grintoso e dalle sfumature thrash. C’è ancora un sentore di melodia svedese alla In Flames sia nei riff che nelle parti di voce in pulito e si riscontra un piccolo passo avanti nelle composizioni di un genere sempre difficile da affrontare. … Leggi tutto

Stormrider – The Path Of Salvation (2012)

Ecco un altro gruppo di cui avevo perso le tracce: a distanza di quattro anni dal precedente e non esaltante passaggio nel mio stereo, tornano a farsi sentire gli Stormrider, quintetto di Germania che con il nuovo “The Path Of Salvation” pubblica il fatidico terzo full lenght ed arriva a festeggiare il decennale di attività. Se, da una parte, devo ammettere che in questi anni … Leggi tutto

The King’s Band – Antichrist (2012)

Ritorna sulle nostre pagine Karlage King, leader dei The King’s Band, personaggio davvero curioso e divertente, amante del glam e dotato di una profonda avversione per l’heavy metal e l’hard rock arrivati successivamente agli anni ’80. Karlage King ama far parlare di sè con queste provocazioni e anche la copertina di “Antichrist” colpisce in tal senso, con il nostro protagonista crocefisso a testa in giù … Leggi tutto

Lost Reality – Roboid 371304

La storia degli italianissimi Lost Reality vede la sua origine nel 1995 ed è costellata di numerosi premi e riconoscimenti ottenuti a vari concorsi svoltisi nel nostro Paese nel corso degli anni e da partecipazioni a programmi televisivi, soprattutto trasmessi su Rock TV. Il tutto senza tralasciare l’aspetto live, che li ha visti tra l’altro aprire i concerti di Clan Of Xymox e Richie Kotzen, … Leggi tutto

Seek No Date – Bionic Depression Of Man (2012)

Lo confesso, questo EP mi ha messo in crisi! L’opera è completa sotto molti punti di vista, dalle grafiche accattivanti ai testi che trasudano rabbia e disperazione. I Seek No Date hanno sicuramente studiato tanto e bene la lezione dei grandi del genere, e da un ascolto attento dei quattro brani di “Bionic Depression of Man” non si possono non ritrovare richiami a Killswitch Engage, … Leggi tutto