Daniele “BUD” Ancillotti (Strana Officina, Bud Tribe)

Visualizzazioni post:906

Bud Ancillotti, Strana Officina, Bud Tribe

L’ edizione 2008 del Metal Fest di Entrate Parallele, quella che ha festeggiato i cinque anni del nostro portale, è ormai alle nostre spalle e in attesa di fornirvi il live report dell’ intero evento, completo di foto e commenti di ogni genere, vi vogliamo regalare una piccola chicca. Questo è il resoconto completo di una conversazione telefonica tra il sottoscritto e il grande Bud Ancillotti (Strana Officina, Bud Tribe), che solo per un infortunio (con tanto di ingessatura) non ha potuto essere presente al nostro festival per esibirsi durante il concerto della BRC Band. L’ EP Metal Fest di quest’ anno si è distinto particolarmente per lo splendido rapporto che si è creato dal punto di vista umano tra tutti gli artisti presenti e i redattori coinvolti nell’organizzazione dell’ evento. Non capita spesso che un grande artista che non puo’ partecipare ad uno show telefoni piu’ volte personalmente per scusarsi, mostrando con il tono delle proprie parole tutta la passione e la partecipazione che sono alla base dell’amore che tutti noi di Entrate Parallele proviamo per questa musica. Capita ancora meno di frequente che suddetto personaggio richieda espressamente di essere ricontattato a concerto avvenuto per sapere come sia andata e come se la siano cavata i suoi amici sul palco (Franco Nipoti e Luca Bonzagni dei Crying Steel, Tronco ex Rain ecc..). Ma quando la persona della quale stiamo parlando è Daniele “Bud” Ancillotti allora non ci si stupisce piu’ di tanta disponibilità ed è proprio conoscendo ormai piuttosto bene la generosità e la verve del frontman toscano che il sottoscritto non si è fatto scappare l’occasione per formulare a Bud una serie di domande “da fan”, trasformando quindi la telefonata in una vera e propria intervista.

Bud Ancillotti, Strana Officina, Bud Tribe

Prima di passare alla trascrizione della telefonata, che non è stata registrata ma che è stata memorizzata e impressa a fuoco nella memoria del sottoscritto che ha fatto del suo meglio per riportarla il piu’ correttamente possibile, vorrei svelare il motivo, artistico e personale, per cui Bud Ancillotti era stato invitato a partecipare al nostro festival per arricchire il già nutrito stuolo di artisti presenti. Il gigante toscano avrebbe deliziato l’audience del Sottotetto cantando un medley della Strana Officina composto da tre classici, “King Troll”, “Autostrada Dei Sogni” e “Non Sei Normale”. Lo stesso Bud aveva anche espresso il desiderio di avere Franco Nipoti dei Crying Steel come chitarrista per l’occasione. La speranza ora è che i due amici in futuro collaborino davvero per un progetto musicale o per una performance dal vivo, magari sotto il segno della nostra webzine! L’ idea dietro alla partecipazione di Bud all’EP Metal Fest di quest’anno è pero’ nata da una dedica molto personale, quella che la redazione di Entrate Parallele si è sentita di fare ad Alessio Torluccio, aka “Thor”, caporedattore e fondatore della nostra webzine, che come dicevamo un po’ pomposamente all’inizio di questo articolo quest’anno ha festeggiato i suoi cinque anni. Beh, se questo non fosse stato già un motivo piu’ che sufficiente per autocelebrare un po’ il nostro portale, esiste anche un motivo ancora piu’ personale per cui abbiamo deciso di festeggiare il nostro caporedattore. Per una webzine di amici che mettono i rapporti umani prima di ogni altra cosa ci è sembrata una bella idea quella di dedicare al fondatore di EP, nonchè alla sua ragazza e presto moglie Maria, altro cuore pulsante della redazione, una performance d’ autore da parte di un artista tanto apprezzato da Alessio. Nonostante l’assenza di Bud la dedica è avvenuta comunque (saprete chi l’ha fatta leggendo il live report non appena l’avremo pubblicato) intanto godetevi un Bud in vena di chiacchierare un po’ e di regalarci qualche perla assolutamente inedita. Buona lettura.

Max: Allora Bud, mancavi solo tu, il festival è andato alla grande, ho visto solo facce felici a fine show, circa 250-300 spettatori esclusi gli accreditati, una gran bella serata e una grande atmosfera all’insegna dell’amicizia e del divertimento.

Bud: Guarda, mi spiace davvero tanto non avercela fatta, com’è andata?

Max: Le bands a detta di un po’ tutti hanno suonato dei gran bei concerti, in particolare quello al quale avresti dovuto partecipare tu, quello della BRC Band. E’ stata una gran festa, una balotta metal, come si direbbe a Bologna, molto apprezzato sia dal pubblico che dai musicisti. Tutti gli artisti erano felici a fine show, sicuramente ti salutano Franco, Luca, Tronco e tutti gli altri..

Bud: Ca..o sono dispiaciuto davvero un casino di non aver potuto partecipare ma con il gesso non potevo proprio, me l’hanno tolto proprio oggi (Lunedì 26/05 ndMax)

Max: So che lo stesso giorno del nostro festival c’era anche un concerto di Pino Scotto dalle tue parti (al Siddharta ndMax).

Bud: Esatto, infatti Pino mi ha anche chiamato, mi ha anche detto “bastardo vieni!”. E’ il solito!

Max: Classico Pino Scotto!

Bud: Infatti, poi mi ha detto “dai con quella gamba del cazzo, vieni anche col gesso..” Ma io non potevo andare con il gesso, senno’ sarei venuto al vostro concerto.

Max: Beh speriamo che ci siano altre possibilità di collaborare insieme.

Bud: Lo spero anch’io, sicuramente…

Bud Ancillotti, Strana Officina, Bud Tribe

Max: Tra l’ altro l’ Emilia Romagna è una regione storicamente molto metallara e la Strana Officina ha molti fans dalle nostre parti..

Bud: Certo, ci vengo sempre molto volentieri lì, ho un sacco di amici.. anche con la Bud Tribe ci verrei con grande piacere

Max: Spero che queste parole saranno ascoltate da organizzatori di concerti, l’esperienza di questo festival mi ha fatto capire come chi organizza eventi come questi per passione ancora piu’ che per un mero interesse economico, come Emiliano Nanni di BRC, riesca a costruire dei rapporti davvero speciali sia con gli artisti che con i fans.

Bud: Guarda, con lui non ho parlato direttamente ma effettivamente me ne hanno parlato bene e dicendomi le stesse cose, speriamo davvero di collaborare insieme.

Max: Bud, con la Bud Tribe fra un po’ farai uscire un nuovo album vero?

Bud: Certo, abbiamo già registrato pezzi e penso che verrà fuori un gran bel disco.

Max: Parlando con Antonio Keller (il boss della neonata etichetta Jolly Roger Records) mi aveva parlato della possibilità che si occupi lui di pubblicare il nuovo Bud Tribe in vinile.

Bud: E’ una possibilità, con Tony parleremo ancora, non sappiamo ancora per che etichetta uscirà il disco, ma ha già subito dei ritardi per gli impegni con la Strana e speriamo di farlo uscire tra non molto. Ci abbiamo anche già speso un bel po’ di soldi sopra quindi dovremo pensare a diverse cose.

Bud Ancillotti, Strana Officina, Bud Tribe

Max: Musicalmente puoi dirci qualcosa su questo nuovo Bud Tribe?

Bud: Sì, posso dirti che sarà un disco sicuramente piu’ metal e meno rock and roll, meno hard rock del precedente, anche con cose un po’ particolari, c’è una minisuite un po’ prog per esempio.

Max: Pezzi un po’ piu’ arrangiati rispetto a quelli del vostro solito stile.

Bud: Esatto, anche perchè alle tastiere abbiamo avuto Oleg Smirnoff (ex Eldritch e Death SS ndMax) che ha fatto proprio un bel lavoro. Quindi dopo potremmo venire in tour anche con la Bud Tribe.

Max: Bud la scaletta dei concerti della Bud Tribe prevede ancora alcuni pezzi della Strana, canzoni dei Bud Tribe e una o due cover giusto? Io ricordo un vostro concerto di diversi anni fa con una grandiosa versione di “War Pigs”.

Bud: Sì, piu’ o meno si fa sempre quel tipo di scaletta.

Max: Suonate ancora “Dark Knight”, gran pezzo per me (ispirato a Batman e al capolavoro a fumetti di Frank Miller “Return of The Dark Knight”, tra l’altro a giorni uscirà al cinema un nuovo film sul personaggio intitolato proprio “Dark Knight” ndMax) ?

Bud: Certo che la facciamo!

Bud Ancillotti, Strana Officina, Bud Tribe

Max: E un disco nuovo della Strana Officina? Si farà?

Bud: Guarda io penso e spero di sì, ma per quello siamo piu’ in alto mare..

Max: Non avete ancora scritto dei pezzi?

Bud: No, siamo ancora all’ inizio, ma se usassimo dei pezzi vecchi mai usciti e altre idee mai utilizzate potremmo farci un disco intero.

Max: Ma mi sembra di aver capito che tu vorresti scrivere delle canzoni completamente nuove.

Bud: Sì, lo vorrei, anche se gli impegni di Rolando e Dario con dei loro gruppi stanno ritardando un po’ tutto.

Max: Bud, c’è tantissima curiosità e pressione, aspettative altissime sono legate a un nuovo disco della Strana Officina, la domanda che penso in molti si staranno ponendo è la seguente: appurato che la Strana dal vivo in questa reunion sta facendo sfracelli, che Dario e Rolando come performers, come esecutori dal vivo sono bravissimi, secondo te possono reggere il confronto con i loro padri come compositori, come songwriters?

Bud: E’ una bella domanda, io lo spero, io penso che possano fare delle gran belle cose, pero’ bisogna dedicare alla cosa il massimo impegno e questo non sarà possibile finche ci saranno dischi di altri gruppi da registrare o altri impegni, io lo vorrei fare un disco nuovo, anche perchè non vorrei che la reunion si fermasse alle sole date live.

Max: Concordo, scrivere un nuovo disco sarebbe un modo per dimostrare che la Strana Officina ha ancora tanto da dare e che questa non è solo una reunion nostalgica e rivolta verso il passato.

Bud: Esatto, probabilmente potremmo fare uscire prima un ep con sei pezzi, tre completamente nuovi e tre pezzi vecchi mai usciti su disco.

Bud Ancillotti, Strana Officina, Bud Tribe

Max: Questo immagino che potrebbe essere utile anche per tastare un po’ l’ interesse che ci sarebbe attorno a un vostro nuovo disco. E avete già un contratto con un’ etichetta per un nuovo disco di studio?

Bud: No, non ancora.

Max: Quindi non si sa ancora se il disco uscirà per la My Graveyard Productions di Gliuliano Mazzardi (il creatore, tra le altre cose, del Play it Loud Festival) che si era occupata di “The Faith”?

Bud: Esatto, ancora non si sa, non si sa nemmeno se alla fine si farà il disco, a me piacerebbe molto. Comunque per la Strana Officina, intorno alla fine di Giugno, per il Gods Of Metal, dovrebbe uscire un boxset in pelle per un’etichetta inglese che in collaborazione con la toscana Abraxas sta facendo uscire delle ristampe in vinile. Nel boxset, nei primi tre vinili ci dovrebbero essere, con gli artwork originali, i nostri due ep e l’album di studio “Rock and Roll Prisoners”. Il quarto vinile invece, dovrebbe avere in un lato un demo del 1979 con ancora il primo cantante della Strana Officina e nell’altro dei pezzi in italiano cantati da me mai usciti prima su disco (come “Non Sei Normale”).

Max: Bud, sei stato davvero gentilissimo, ho approfittato fin troppo del tuo tempo e ti ringrazio ancora, spero che ci saranno di nuovo opportunità per collaborare insieme.

Bud: Lo spero anche io Massimo, mi è spiaciuto tanto non poter suonare con gli altri ragazzi, ci si sente presto e vedrai che ci saranno altre possibilità di trovarci, saluta tutti e in particolare Franco Nipoti, Luca Bonzagni e Alessio.

Max: Sarà fatto Bud, alla prossima allora, e grazie ancora per la tua disponibilità!

Bud: Grazie a te Massimo, ci sentiamo presto!

Foto tratte dal sito della Bud Tribe : www.budtribe.it

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.