Slider by IWEBIX

Protector – Reanimated Homunculus (2013)

Pubblicato il 16/04/2014 da in Nuove uscite | 0 commenti

Titolo: Reanimated Homunculus
Autore: Protector
Genere: Thrash Metal
Anno: 2013
Voto: 6

Visualizzazioni post:415

Dopo la scorpacciata di heavy metal classico degli ultimi mesi, ci voleva proprio una piccola variazione sul tema: rimaniamo pur sempre nell’ambito delle sonorità nobili, ma questa volta viriamo verso il thrash con i Protector ed il loro comeback album “Reanimated Homunculus”, pubblicato dalla High Roller Records sia nella versione in CD che nella consueta tiratura limitata su vinile. Nati a Wolfsburg nel 1986, i Nostri hanno alle spalle una valanga di release tra full length (ben quattro senza contare questo), compilation, EP, demo e split, oltre ad una storia piuttosto travagliata che, per motivi di spazio, lascio a voi scoprire: qui mi limito a dirvi che il nome Protector viene rispolverato a pieno titolo nel 2011 dal cantante originale Martin Missy dopo aver ottenuto il via libera dai vecchi membri della band. Completata la lineup – con i tre musicisti svedesi che già accompagnavano il cantante nella cover band “Martin Missy And The Protectors” – i Nostri si gettano nella stesura del nuovo materiale: il frutto delle loro fatiche corrisponde ad un lavoro che esplode attraverso un grezzo ed efferato thrash metal teutonico, che affonda le sue radici negli anni Ottanta dei Kreator più feroci e di certi Sodom, oltre che intriso di una forte aura maligna che mi ha ricordato i nostrani Necrodeath di quel periodo. “Reanimated Homunculus” è un lavoro totalmente old school, sia per quanto concerne il fronte compositivo che per quello riguardante la produzione, adatta al sound antico a cui sono devoti; i Protector ci danno dentro per poco meno di quaranta minuti con un thrash spietato e malvagio, in cui troviamo le urla laceranti del già citato Missy, il riffing asciutto di Michael Carlsson e frequenti variazioni ritmiche tra passaggi lanciati, altri più cadenzati e sfuriate in blast beat imposte dal drummer Carl-Gustav Karlsson. Devo dire che, malgrado i ripetuti ascolti, l’album non mi ha offerto molti spunti per essere ricordato: ci sono buoni episodi, come le cruente “Road Rage”, “Deranged Nymphomania” e “Holiday In Hell”, ma in generale scivola liscio come l’olio, senza rimanere particolarmente impresso nella mia memoria. Ineccepibile nella sua forma e per esecuzione ma, a mio parere, non è niente di più che un disco onesto, nella media di moltissime altre uscite. “Reanimated Homunculus” passa in archivio lasciandomi la convinzione che non aiuterà il gruppo ad emergere dalla condizione underground in cui si è sempre mosso: i Protector vengono indicati da molti come una band dal valore incompreso, ma se in tanti anni non sono mai riusciti ad imporsi ad un pubblico più ampio ci sarà pure un motivo, no?!?

Tracklist:
1. Sons Of Kain
2. Deranged Nymphomania
3. Holiday In Hell
4. Reanimated Homunculus
5. Birth Of A Nation
6. Lycopolis
7. Road Rage
8. Antiman
9. The End
10. Calle Brutal

Line-up:
Martin Missy – voce
Michael Carlsson – chitarra
Mathias Johansson – basso
Carl-Gustav Karlsson – batteria

Facebook: www.facebook.com/Protector.666not777
Etichetta High Roller Records – www.hho-records.de

Commenta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *