Slider by IWEBIX

Scythe – Subterranean Steel (2013)

Pubblicato il 26/05/2014 da in Nuove uscite | 0 commenti

Titolo: Subterranean Steel
Autore: Scythe
Genere: Black / Thrash Metal
Anno: 2013
Voto: 6

Visualizzazioni post:312

Fondati nel 2011 da Rick Scythe per colmare il vuoto lasciato dai suoi Usurper, gli Scythe sono certamente prolifici, hanno già fatto uscire due album e il secondo, “Subterranean Steel”, completo di nove pezzi per 42 minuti di assalto sonoro, è quello che mi appresto a recensire or ora. La musica, come si poteva ben immaginare, è puro black/thrash metal, semplice e diretto. Ma, ahimè, ultimamente io e il black/thrash non andiamo molto d’accordo, visto che gli unici pezzi che mi sono piaciuti sul serio sono solo tre.
Il primo è la titletrack, che parte con un massiccio tempo medio per poi esplodere alla velocità della luce con tanto di assolo violento e caotico e batteria che riesce a essere bella dinamica e intensa. Poi, c’è la seguente “October Dies”, altro pezzo basato inizialmente sui tempi medi per poi procedere entro binari profondamente venomiani. Infine, c’è la conclusiva “Thunder Hammer”, che probabilmente è l’episodio più riconoscibile del lotto dato che vi si trovano momenti doom e addirittura qualche melodia (che negli Scythe, al contrario di gruppi simili come gli Slutvomit, è pressochè assente) e, dulcis in fundo, a un certo punto il batterista diventa così furioso da sparare, per la prima volta in tutto l’album, dei blast-beats… o quasi. Insomma, come vedete, gli Scythe sanno come variare il discorso e come offrire un giusto equilibrio fra i tempi lenti e quelli più veloci, anche perchè, in fondo, i nostri sono gente di provata esperienza, del tipo che preferisce sbattere la testa sempre sullo stesso muro piuttosto che seguire, anche un minimo, le tendenze del momento.
Ecco però che il resto dei brani non convince più di tanto, vuoi perchè in alcuni di essi ci sono delle prevedibili decelerazioni pre-assolo date fin troppo per le lunghe (e che spesso sono anche senza voce); vuoi perchè, così facendo, i brani sono in media inutilmente lunghissimi per un gruppo del genere, considerato che si raggiungono spesso i cinque minuti di durata. Si aggiunga a tutto ciò un comparto vocale non al massimo della forma… o meglio, quelle urla black metal abbinate a qualche ruggito più death vanno teoricamente bene, solo che praticamente  non sono così efficaci per via della produzione che le fa sembrare come ovattate, cosa che per il black/thrash più grezzo e ignorante non è proprio il meglio della vita.
Per farla breve mi aspettavo decisamente qualcosa di più da Rick e soci. Perlomeno, pezzi come la titletrack o “Thunder Hammer” sono veramente belli, quindi l’album, ma sì, si becca un bel 6. Ma per la prossima volta sarà meglio partorire brani un po’ più brevi con meno decelerazioni prolisse… anche se il paradosso è che la titletrack, pur essendo fantastica, è lunga quasi sei minuti! La classica eccezione che conferma la regola.

Tracklist:
1 – Leather Aggressor
2 – Monarch
3 – Subterranean Steel
4 – October Dies
5 – The Grunting Dead
6 – The Bray Beast
7 – Beyond the Northwoods
8 – Nights of Terror
9 – Thunder Hammer

Line-up:
Rick Scythe – voce/chitarre
Dan Geist – voce/basso
Joey Contreras – batteria/voce

Sito ufficiale: http://www.scythe.us/index.html
Facebook: https://www.facebook.com/scythe.chicago
Etichetta Primitive Reaction –  http://www.primitivereaction.com/

Commenta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *