Slider by IWEBIX

Timo Tolkki’s Avalon – Angels Of The Apocalypse (2014)

Pubblicato il 22/10/2014 da in Nuove uscite | 0 commenti

Titolo: Angels Of The Apocalypse
Autore: Timo Tolkki's Avalon
Genere: Symphonic Neoclassical Power Metal
Anno: 2014
Voto: 7

Visualizzazioni post:366

Ultimamente incontro Timo Tolkki dappertutto: me lo sono trovato davanti come compositore principale del nuovo Allen / Lande, lo trovo qui nel suo progetto Timo Tolkki’s Avalon e recentemente l’ho incrociato anche nei Ring Of Fire di Mark Boals, in versione bassista. Non si può dire quindi che il corpulento musicista ami stare con le mani in mano, visto che opera anche come affermato produttore.
Nella sua veste Timo Tolkki’s Avalon, in uscita per la nostrana Frontiers (il che ci fa pensare che sia tornata la pace dopo i litigi di tanti anni fa tra Timo e l’etichetta di Napoli), Timo sfrutta appieno tutte le sue infinite conoscenze nel music business e porta come ospiti personaggi davvero illustri, tanto da far somigliare “Angels Of The Apocalypse” ad un progetto Avantasia.
Reclutati Tuomo Lassila e Anttii Ikonen, due vecchissime conoscenze che parteciparono con lui agli esordi degli Stratovarius prima dell’epoca “Episode”, Timo aggrega anche Floor Jansen (ora nei Nightwish), Simone Simons (Epica), Elize Rid (Amaranthe) e Caterina Nix dai cileni Aghonya, poi ancora David DeFeis (Virgin Steele), Zak Stevens (ex Savatage, da tempo nei Circle II Circle) e il nostro Fabio Lione, cui spetta il compito di aprire le danze con “Jerusalem Is Falling”.
Con temi riguardanti il decadimento del mondo e l’arrivo del giorno del giudizio, Timo confeziona un album gradevole, incentrato sul metal sinfonico e di buona qualità. Le prestazioni degli ospiti sono eccellenti: Floor Jansen interpreta magistralmente sia la più dinamica “The Paradise Lost” sia il lentone “You’ll Bleed Forever”, mentre le quattro cantanti fondono le loro voci nella lunga titletrack posta quasi in chiusura. Il nostro Fabio Lione non delude le attese e una nota di merito va anche a Zak Stevens, che in “Neon Sirens” fa virare il progetto verso lidi hard rock. Timo Tolkki non si batte quando realizza musica in pieno stile Stratovarius e “Stargate Atlantis” ne è un esempio lampante, mentre la marziale “Rise Of The 4th Reich”, nonostante la presenza di David DeFeis, non convince appieno.
Timo Tolkki ha una storia triste alle spalle, con problemi di depressione e un’infanzia sicuramente poco felice, segnata dal suicidio del padre quando aveva appena 12 anni. Il suo straordinario talento è riuscito comunque ad emergere e la sua iperattività pare volerci dire che lui c’è, combatte contro i fantasmi e si impegna nel creare musica. “Angels Of The Apocalypse” non è l’album migliore della sua carriera, ma è sicuramente piacevole e merita di essere ascoltato e supportato.

Tracklist:

1. Song for Eden
2. Jerusalem Is Falling
3. Design the Century
4. Rise of the 4th Reich
5. Stargate Atlantis
6. The Paradise Lost
7. You’ll Bleed Forever
8. Neon Sirens
9. High Above of Me
10. Angels of the Apocalypse
11. Garden of Eden

Line-up:

Timo Tolkki – Guitars, Bass, Keyboards
Antti Ikonen – Keyboards
Tuomo Lassila – Drums

Guest/Session:

Caterina Nix
David DeFeis
Elize Ryd
Zak Stevens
Fabio Lione
Simone Simons
Floor Jansen

Sito ufficiale: http://www.avalonopera.com
Facebook: https://www.facebook.com/avalonopera
Etichetta Frontiers Records – www.frontiers.it

Commenta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *